operatori-di-luce-feat-d

Gli Operatori di Luce


Featuring image: “Waking dreams” from Utherworld © Phil Straub

Presentazione

Parte della notorietà che il nostro blog ha acquisito negli ultimi due anni è dovuta al fatto di aver contribuito notevolmente allo smascheramento del sistema globale di channeling deception, ossia di quella sofisticata e subdola pletora di messaggi canalizzati trasmessi da entità malevole pseudo-angeliche e diretti a raggirare e addormentare la coscienza umana. Se scorrete il menù Escape the Matrix, immergendovi nella vastità dell’opera chiarificatoria svolta da Hearthaware, troverete sia post di debugging (cioè quelli che, tramite argomentazione logica, dimostrano l’infondatezza spirituale di taluni channellings) sia post di orienting, ovvero quelli dove si tracciano principi guida che dovrebbero garantire l’autenticità delle canalizzazioni che vi si conformano.

Tuttavia, il modo migliore per capire se un channelling, di dubbia provenienza e interpretazione, sia autentico oppure no, è quello di compararlo con messaggi alquanto discosti dai soliti logorroici ritornelli New Age, in modo da abituarsi a riconoscere senza sforzo le differenze di significato che emergono, con lampante evidenza, ogni volta che un fake ci passa sotto gli occhi. Volendo uscire dagli argini e rompere con la tradizione, che ci ha visti sempre riluttanti a pubblicare canalizzazioni per via dell’assuefazione dilagante in certi ambienti New Age web-dipendenti, abbiamo scelto qui di condividere con voi una straordinaria ed enciclopedica canalizzazione di Yeshua ben Joseph – il Gesù dei cristiani, colui il quale, due millenni or sono, ospitò l’ultima incarnazione del Cristo – ricevuto dalla channeler olandese Pamela Kribbe sotto lo pseudonimo di Jeshua.

Continua a leggere

i-sicari-del-karma-feat

I Sicari del Karma


Prefazione

Dopo il post “Il Demiurgo Corrotto e la New Age“, il viaggio attraverso la scoperta delle tecniche di manipolazione sistemica spirituale giunge al secondo capitolo di approfondimento, firmato ancora una volta da Cameron Day. L’articolo inglese originale, dal titolo “Tell the Lords of Karma that you are a Sovereign – No longer a lighworker Part 2“, è stato tradotto in italiano, guarnito di un corredo fotografico rinnovato e reintitolato da Hearthaware “I Sicari del Karma“.

La specificità e il tecnicismo che caratterizzano le informazioni rivelate nel post hanno reso fortemente necessaria la redazione della prefazione che state leggendo. Le tematiche trattate dall’autore sono delicate, facili a travisamenti e a distorsioni: ogni qualvolta si legge di esseri che, per loro scelta, agiscono sistematicamente a danno di altri esseri, si deve assolutamente evitare di cadere nella trappola del noi-contro-loro, di fomentare rabbia e odio iperdimensionali, di identificarsi nel paradigma vittima-carnefice e di addossare ad altri esseri la responsabilità di ciò che accade nella nostra vita.

Continua a leggere

Se-tu-fossi-il-Re copia

Se tu fossi il Re…


di Larken Rose

Il mondo è un luogo davvero confuso, ma pensa come sarebbe bello se avessi l’autorità per occupartene proprio TU. Se scegliessero te a fare il Re del mondo, pensa a tutto il bene che potresti fare, se ti fossero dati poteri illimitati per fare le cose nel modo giusto! Renderesti questo mondo un luogo davvero idilliaco, potresti dare da mangiare ai poveri e dare riparo ai senzatetto, potresti punire i malvagi e proteggere gli innocenti. Potresti salvare il mondo. Tutti ti amerebbero e ti ringrazierebbero. Se solo avessi il potere, renderesti corretta, giusta e sicura ogni cosa.

Beh… no. Potresti non riuscirci. Potresti provarci. Potresti avere le migliori intenzioni, ma ogni grande e nobile piano che hai progettato potrebbe finire in pezzi e potrebbe farti diventare un tiranno. Non perché tu sia stupido o perché sia una cattiva persona. Anche se fossi molto intelligente e avessi le migliori intenzioni, ogni tuo tentativo di utilizzare il potere a fin di bene si tradurrebbe in un completo ed assoluto enorme fiasco. Perché? Facciamo qualche esempio.

Continua a leggere

Lo-sfidante-feat

Lo Sfidante


La serie Hearthaware Escape the Matrix si arricchisce di una nuova perla. Dopo diversi articoli illustrativi (finora 22 in totale, raccolti nell’omonimo menù a tendina) dedicati a descrivere la natura di ciò che viene comunemente definita Matrix e a denunciare i molti suoi inganni, è opportuno proseguire ora il percorso arricchendo la nostra conoscenza di dettagli tecnici e mettendo a fuoco alcune concrete proposte operative per emancipare completamente il nostro essere dalla morsa della Coscienza Avversa e recuperare così energia, benessere e vitalità.

Ogni essere umano deve fare i conti con le insidie portategli da esseri NON umani (già menzionati altrove come Arconti, Voladores, Ankle-biters, Alieni, ecc.) e finanche con automatismi in lui indotti da corpi energetici dotati di coscienza autonoma (che derivano dall’accumulo di karma in questa vita o in quelle pregresse) capaci di deviare, manipolare, instillare credenze, convinzioni, reazioni emotive, attaccamenti e dipendenze. Il loro scopo è quello di parassitare la nostra energia vitale, mantenerci in uno stato di bassa coscienza e guidarci verso la cronicizzazione della sofferenza, del dolore e del mal di vivere.

Quali sono le strategie poste in essere dagli agenti di Matrix per interagire con il campo di coscienza umano, e quali tecniche adottano per manipolare la coscienza umana a loro vantaggio, nello pseudo-rispetto formale dell’arbitrio individuale? Come possiamo fare per liberarci dalle illusioni e vivere una vita consapevole, piena e realizzata?

Continua a leggere

tasse-feat-a

Il dovere fiscale secondo la dottrina cattolica

 


Prefatio

La resistenza fiscale (o sciopero fiscale o protesta fiscale) è una pratica che consiste nel rifiuto di pagare le tasse allo Stato, dovuta ad una forte opposizione a determinate politiche economiche del governo. Ovviamente tacciata di illegalità e perseguita “a norma di legge” dai detentori del potere centralizzato, questa forma di protesta è già stata promossa in passato da famosi leader non-violenti, come Mahatma Gandhi e Martin Luther King. Qualora praticata da un esteso numero di cittadini simultaneamente, ha l’effetto dirompente di colpire al cuore i VERI interessi di quei politicanti che operano secondo logiche del favoritismo personale e lobbistico, mettendo al tappeto in un sol colpo l’apparato statale di riscossione delle imposte, incapace di gestire un numero incalcolabile di pratiche di insolvenza.

D’altra parte, va tenuta invece presente la questione dell’etica morale degli adempimenti fiscali, attraverso cui ogni cittadino è chiamato a “sostenere la spesa pubblica in ragione delle sue capacità contributive” (art. 53 della Costituzione Italiana), cosa questa che, almeno in linea di principio, dovrebbe scaturire naturalmente da un alto senso del dovere civico, dalla volontà di contribuire alla causa collettiva e dal senso di appartenenza ad una comunità di propri simili.

Continua a leggere

00-deception_featuring

Inganni lungo il sentiero spirituale


Introduzione

La trilogia Hearthaware dedicata all’esplorazione dei reconditi centri di potere della Matrix si conclude con la traduzione dell’articolo “Deception on spiritual path“, scritto da Chris Bourne – direttore della Openhand foundation – dal suo punto di vista di esperto in pratiche spirituali e conduttore di seminari e meditazioni di gruppo. Anche questo post esplora gli stessi campi d’interesse dei suoi predecessori (“Escape the Matrix” di T. Minderle e “Il Demiurgo Corrotto e la New Age” di C. Day) traendo, al netto delle formali divergenze terminologiche, le medesime conclusioni.

Questa scelta tematica, dalla ridondanza solo apparente, intende porre in risalto l’identità di visioni e contenuti che i tre diversi autori hanno elaborato autonomamente l’uno rispetto all’altro: affatto da considerarsi come prolissa ripezione di soggetti e prospettive, essa è invece frutto di una ricerca tesa a sottolineare come una pluralità di diverse esperienze e competenze individuali converga in fondo su un’identità di vedute riguardo il medesimo tema (cioè la natura profonda della Matrix e dei suoi inganni), all’insegna non certo della povertà di argomenti, ma della ricchezza e varietà di argomentazioni.

Continua a leggere