Galleria

Il Pianeta X è già nel nostro sistema solare?


a cura della redazione di Segni dal Cielo

Come si sospettava, nella comunità di astrofisici è noto da tempo che una nana bruna si sta muovendo verso di noi e che potrebbe causare una serie di cataclismi planetari. Si noti che le informazioni fornite sono scarse: ad esempio, non sono riusciti a determinare il suo periodo orbitale.

Il ricercatore Brown Dwarf (è il nickname usato nell’articolo in lingua originale, n.d.H.) in un suo contatto con un astrofisico suo amico, ha spiegato che Planet X, alias Nibiru, alias Nemesis o Tyche (alcuni astrofisici lo chiamano G1.9, altri 2003 UB 313, cfr. con la pagina Allineamento Galattico e crop circles, n.d.H.) non sarebbe un pianeta, perché non ha la massa necessaria per essere chiamato pianeta nonostante le sue dimensioni, ma si tratterebbe di una nana bruna. Le paure nella comunità degli astrofisici sono molte e riguardano gli effetti potenzialmente catastrofici che potrebbero verificarsi tra poco e che si protrarranno fino al 2013.

Già nel 1771 gli astronomi sapevano che le orbite dei pianeti avrebbero potuto essere leggermente disturbate dall’interazione con altri grandi pianeti vicini. Così hanno cominciato a cercare le cause guidati dagli effetti generati. È con questo metodo che Urano è stato scoperto, misurando cioè il disturbo da esso causato all’orbita di Saturno. Altri disturbi misurati nell’orbita di Urano, hanno a loro volta permesso di scoprire Nettuno. L’orbita di Nettuno è ora turbata da un corpo massiccio, non proprio identificato, ormai noto sul web come Pianeta X.

Tempo fa, la scoperta di Plutone fece pensare che si trattasse del Pianeta X, ma le sue dimensioni (il 60% rispetto alla nostra Luna) non si adattavano ai calcoli.  La massa necessaria sarebbe dovuta essere molto maggiore. Nel 1983 la NASA pubblicò un’osservazione fatta da un suo satellite astronomico ad infrarossi (IRAS) mostrante un corpo massiccio ai limiti oscuri del nostro sistema solare. Nel 1992 un’altra osservazione mostrò un enorme corpo oscuro sette volte più vicino di quanto non fosse già nel 1983. L’orbita ellittica descritta era molto lunga e questa “cosa” sembrava venire verso di noi…

Questo proto-pianeta, sarebbe una nana bruna (cioè una stella mancata) che genera un campo gravitazionale considerevolmente molto superiore a quello di Giove. Questo proto-pianeta potrebbe alterare in maniera significativa lo stato degli altri pianeti e del Sole, attraverso l’influenza della sua potente gravità sulle maree. Potremmo aspettarci un Sole iperattivo (il che implicherebbe pesanti conseguenze climatiche) e movimenti tettonici più frequenti e più violenti. Consideriamo che anche la processione di comete e altri corpi spaziali che si trovano sulla scia di questo massiccio pianeta, messi al simulatore, sono potenzialmente pericolosi per noi.

La Cometa Elenin, come quella di Ison transiteranno all’interno del nostro sistema planetario, sia all’inizio che alla fine di novembre, anticipando la venuta del Pianeta X. Nelle foto sotto potete osservare un corpo celeste non identificato semi-visibile in alto a sinistra rispetto al Sole.

Ma allora il Pianeta X è già nel nostro sistema solare?

A detta di alcuni ricercatori sembrerebbe di sì, sarebbe stato ripreso dall’Osservatorio di Arecibo a Puerto Rico. L’osservatorio di Arecibo è situato circa 15 km a sud-sudovest di Arecibo, nell’isola di Porto Rico. Esso opera attraverso la Cornell University sotto un accordo cooperativo con la National Science Foundation (un’agenzia governativa USA). L’osservatorio è noto come il National Astronomy and Ionosphere Center (NAIC, Centro Nazionale per l’Astronomia e la Ionosfera) anche se entrambi i nomi sono ufficialmente utilizzati per riferirsi ad esso. NAIC si riferisce più propriamente all’organizzazione che dirige sia l’osservatorio che i laboratori associati e gli uffici della Cornell University.

L’osservatorio possiede un radiotelescopio formato da un’antenna di 305 metri ed è il più grande telescopio con singola apertura che sia mai stato costruito. Esso viene utilizzato principalmente per tre grandi aree di ricerca: la radioastronomia, la fisica atmosferica (utilizzando sia il radiotelescopio che la funzione LIDAR dell’osservatorio) e l’osservazione radar di oggetti del sistema solare.

Sembrerebbe che il video che vi facciamo vedere di seguito e che sta facendo il giro di tutto il web, sia reale. (l’avvistamente al telescopio risale allo fine dello scorso mese di agosto, n.d.H.). Gli astronomi, nonostante il divieto di trattare l’argomento e la pubblicazione su riviste specializzate, avevano  confermato che un oggetto era appena entrato nel sistema solare a seguito di un esplosione.


Questo corpo sconosciuto transita vicino alla Terra ogni 3.600 anni (secondo altre fonti, ogni 3240 anni, n.d.H.). Questo è lo schema cronologico che stima le possibili date dei prossimi eventi:

  • 22 Novembre 2012 = Pianeta X si allinea con la Terra. Un altro periodo di grandi sconvolgimenti.
  • 21 Dicembre 2012 = Un’altro allineamento Terra-Giove, mentre Pianeta X si allinea con Giove e Elenin.
  • 28 Dicembre 2012 = Doppio allineamento.
  • 28 Giugno 2013 = Pianeta X si avvicina a Giove con una traiettoria vicino alla collisione.
  • 5 Agosto 2013 = Pianeta X interagisce il campo magnetico di Giove.
  • 20 Giugno 2013 = Giove deve assolutamente sfuggire al potere di attrazione di Pianeta X.
  • 3 Settembre 2013 = Pianeta X è sulla buona strada per portarsi verso il sistema solare esterno.
  • 7 Gennaio 2018 = Elenin e Pianeta X sono ora al di fuori del sistema solare.

A cura della redazione di www.segnidalcielo.it
Fonti originali:  www.wikistrike.commisteroufo.blogspot.it

Pagina correlata: Allineamento Galattico e crop circles

reblogged by Hearthaware blog
reblogging link → hearthaware | Il Pianeta X è già nel nostro sistema solare?

N.d.H. In attesa di ulteriori conferme sull’autenticità del filmato e sulla reale comparsa del Pianeta X nella vita del Sistema Solare, vi segnaliamo che la sua venuta è citata anche all’interno della corposa ricerca scientifica che abbiamo riassunto qui e sembra sia avvalorata anche da alcuni recenti crop circles. Inoltre, qui sopra c’è un video abbastanza inquietante segnalatoci da un nostro lettore. È una raccolta di notizie riguardanti una lunghissima catena di recenti morti sospette di interi team di astronomi al lavoro, tra le altre cose, sul caso Pianeta X/Nibiru e sulla cometa Elenin.

Aggiornamento del 16 ottobre 2012

Le immagini qui sopra sono state registrate dal  Max-Planck-Institut fur Radioastronomie. Cliccaci sopra per ingrandirle.

Il rilascio ufficiale al pubblico è stato soppresso della NASA nel mese di Giugno 2012. Il sistema Planet X/Nibiru era classificato come Sistema = ISS ELC20049-DNY. A confermare tutto ciò è stato il ricercatore Donny Gillson che mi ha inviato una email con autorizzazione a pubblicare questo materiale. Realtà o fantasia? Vediamo cosa ci racconta Donny.

Il mio nome è Donny Gillson e sono un ricercatore e astronomo amatoriale, che ha indagato il pianeta Nibiru per oltre 5 anni. Il giorno 7 giugno 2012 ho pubblicato le prime immagini ufficiali tratte dal Skyview Radio Osservatorio, foto che ritraggono il mitico Pianeta X.  Ho usato una tecnica della NASA attraverso l’Osservatorio Virtuale tramite il Radio Telescope a 1420Mhz e componendo fino alle coordinate che ho pubblicato il 6 giugno 2012 in un precedente articolo e video pubblicato sulla rivista BIN, nel quale raccontavo della mia profonda ricerca- indagine sulla esposizione di un sistema chiamato “ELC20049-DNY” un sistema classificato Top Secret che si trova al di fuori della Via Lattea.

Nel mio articolato intitolato “ELC20049 DNY: A Top Secret Nibiru sistem“ espongo una profonda analisi del sistema per mezzo di immagini digitali, coordinate, e tutorial video. Inoltre, proseguendo la mia indagine, ho potuto stilare altro articolo pubblicato poco tempo fa e chiamato “Disc Spanning” che delinea appunto grosso modo, su cosa sia questo grande oggetto sconosciuto  che si trova sotto la Nebulosa di Orione.

Inoltre, secondo il mio Insider NASA, l’Oggetto ELC20049-DNY ha mostrato un drastico cambiamento in termini di velocità (incremento a seguito mostrato dal telescopio WISE e  immagini ad infrarossi mostrano più dati che sono rimasti classificati, infatti la NASA ha trovato recentemente un nuovo pianeta che si nascondeva dietro ELC20049-DNY.

Secondo la mia fonte Insider ci saranno una serie di riunioni a porte chiuse, di cui una tenutasi il 9 luglio 2012 e successivamente fra non molto tempo la NASA promuoverà una conferenza stampa con il segretario della difesa Leon Panetta per una breve informativa su un argomento specifico, relativo al rilascio di informazioni sensibili.

La NASA ha tenuto banco su questo argomento e mettendo a tacere tutto e tutti, nonchè le informazioni dell’oggetto chiamato ELC20049, recentemente ri-classificato ELC20049-DNY. Non troverete nulla su questo sistema all’interno della directory ISS a causa della classificazione estrema, tuttavia, mi è stato detto di esporre la verità di questo oggetto su BIN nei giorni scorsi. Queste informazioni non sono da prendere alla leggera ed è stata repressa dalla NASA e dal governo degli Stati Uniti da oltre 50 anni.

Dalla mia ricerca ho potuto comprendere che il sistema contiene un pianeta con 4 lune e una stella nana binaria, ma ciò che la NASA non menziona, è che si tratta di nana bruna e loro dicono che è simile ad un piccolo Sole, ma è piccolo di dimensioni e consente ancora la possibilità di contenere un secondo sole da vedere dalla Terra. La NASA conosce traiettorie e percorso dalla data del 19 luglio 1981. Questo sistema viaggia a 26000 MHR nel nostro Sistema Solare. Questa informazione non è stata confermata, ma è venuto da una fonte affidabile e da quello che ho potuto scoprire oggi con queste immagini. Sono giunto alla conclusione che le informazioni fornite sono credibili e attendibili.

di Donny Gillson
© 2012 by Don Gillson Productions

A cura della redazione di www.segnidalcielo.it

22 commenti su “Il Pianeta X è già nel nostro sistema solare?

  1. Per me la storia di Nibiru è puro psico-terrorismo.
    La massa minima per una nana bruna è di 13 (TREDICI!!!!) masse gioviane.
    Se un oggetto del genere facesse irruzione nel sistema solare sarebbe semplicemente la fine dell’intero sistema.

    La cometa Elenin non esiste più. E’ stata disintegrata l’anno scorso da una massiccia espusione di massa coronale.
    E anche se esistesse ancora come farebbe a tornare dopo solamente un anno.

    Tutta questa GIGANTESCA opera di disinformazione serve a tentare di tenerci focalizzati verso una time-line catastrofica.

    Se un oggetto planetoide si farà vedere nei nostri cieli questo inverno SICURAMENTE non sarà nè un pianeta nè tantomeno una stella nana bruna.

  2. Salve, nel libro astrologia esoterica di Alice A. Bailey, la scrittrice parla di un Pianeta tra il Sole e Mercurio di nome Vulcano. Sembrerebbe quel Pianeta della Foto dove si vede il Sole e in alto a sx appunto un Pianeta (sempre se la foto e quello che dice la Bailey siano veritieri). Per quanto riguarda questi annunci di catastrofi, buio etc. anch’io sono daccordo che servono solo ad abbassare le vibrazioni, a far paura alla gente. Secondo me non succederà proprio niente di quello che si dice in giro. Ci stiamo evolvendo senza catastrofi: http://www.stazioneceleste.it/lightworker/lightworker_2012_09.htm
    e anche altre comunicazioni abbastanza credibili in giro. Un saluto.

    • Ciao Artos, linko qua il libro che hai citato, magari qualcuno è incuriosito http://www.bailey.it/alice-bailey/TRATTATO-DEI-7-RAGGI-Vol3.pdf
      Io personalmente sento che la questione di Pianeta X/Nibiru è stata ingigantita parecchio, e mi ritrovo con il pensiero tuo e di Geppo, cioè che queste informazioni sono state strumentalizzate per fomentare il catastrofismo. Rimane da vedere cosa ci sia (e se ci sia…) qualcosa di vero dietro. Ecco perchè abbiamo aspettato a pubblicare le prime info quando avessimo avuto almeno del materiale audio-video concreto su cui ragionare. A questo proposito invito tutti i lettori a postare nei commenti le loro opinioni. Mi sono sentito con altri lightworker che sembrano essere sulla stessa lunghezza d’onda dell’evoluzione “smooth” in allontanamento dalle timeline catastrofiste. Questo è nella speranza di tutti.

    • Ciao Lothlaurin, grazie per la precisazione. Volevo chiedere a te ed eventualmente agli altri lettori o Operatori di Luce se hanno notizie circa l’aumento di volume del Pianeta Terra (questa Teoria fu anche detta dalle sorelle Pleiadiane in Teorie Pleiadiane http://teoriepleiadiane.blogspot.it/)e l’allontanamento della Luna dal nostro Pianeta. È probabile per effetto delle frequenze che anche il Pianeta Marte si allontani dal Sole. Secondo un mio punto di vista aumentando le frequenze potrebbero aumentare le distanze. Visto che la Distanza Terra-Luna e Sole-Marte è di un Tono. Per il resto di quello che sta succedendo senza troppe catastrofi sul Pianeta Terra si sa dal 1971 e gli operatori stanno solo vedendo se quello che hanno visto ed udito è vero. Altra notizia che si sa dal 1971 è l’ampliamento del Nostro Universo comfermato qualche giorno fa da 2 scienziati russi e dall’ultimo messaggio dell’AA Michele http://www.lightworker.it/
      l’ultimo messaggio dell’AA. Michele il Mistero della Vesica Piscis http://www.costanza2003.org
      Effettivamente è da un pò di tempo che l’AA Michele parla della Nuova Galassia chiamata Dorata. Spero di ricevere altre notizie confortanti un saluto a tutti.

  3. Pingback: Comunicazioni varie | Hearthaware

  4. Pingback: Biagio Russo parla degli Anunnaki | Hearthaware

  5. So che ci sono persone normalissime che, di tanto in tanto, fanno strani sogni da cui rimangono molto scossi e hanno visioni. Tra questi, un mio caro amico di 47 anni tempo fa mi ha raccontato un strano sogno fatto che stranamente si collega proprio a questo argomento. Ha sognato una luna rossa e la cosa lo spaventava molto, perchè questa luna si avvicinava spaventosamente alla Terra. In linea generale la penso come Artos (per quanto riguarda questi annunci di catastrofi, buio etc. anch’io sono d’accordo che servano solo ad abbassare le vibrazioni, a far paura alla gente. Secondo me non succederà proprio niente di quello che si dice in giro. Ci stiamo evolvendo senza catastrofi). Scientificamente parlando non esiste anche un fenomeno chiamato luna rossa? Ciao

  6. Salve a tutti,

    l’anno scorso abbiamo assistito ad un fenomeno assolutamente spettacolare e inspiegabile, confermato dalle stesse fonti scientifiche ufficiali ossia:

    la cometa di ghiaccio LOVEJOY, piccola di 200 metri, che è passata indenne sfiorando la massa coronale del sole, lo ha passato sbucando dall’altra parte e proseguendo il suo viaggio indenne. Evento che ha stupito tutti gli esperti perchè quel piccolo oggetto avrebbe dovuto distruggersi e polverizzarsi viste le temperature del Sole.

    Qui il video ufficiale della Nasa:

    http://www.bloo.it/mondo/cometa-lovejoy-attraversa-sole-indenne.html

    A questo punto viene spontaneo domandarsi: cosa sappiamo realmente del nostro Sole e del nostro sistema solare? quante nozioni che diamo per scontato che possono essere smentite da eventi inspiegabili che sfuggono ai dogmi ufficialmente riconosciuti?
    L’evento della cometa Lovejoy ci fa capire che alcune cose effettivamente non tornano oppure noi non siamo abbastanza “evoluti” per comprenderle.

    Stessa cosa dicasi per Nibiru o Planet X, magari la vicenda può essere stata ingigantita ma c’è del fondamento, c’e una parte credibile secondo me.
    Anche gli esperti Nasa non sanno smentire e sembrano ogni tanto colti da improvviso imbarazzo verso la questione:

    http://www.sos2012.it/informazione/58-5altre-varie/2151-la-nasa-conferma-erroneamente-nibiru-pianeta-x-alla-conferenza-di-neowise-il-29-settembre-2011?&tmpl=component

    • Sarà interessante comunicargli quanto mi hai detto, tra l’altro Joe è anche un osservatore del cielo (principiante) e ogni tanto va in aperta campagna con il suo super cannocchiale: un telescopio di non so quale marca. Non me ne intendo. Una volta mi ha fatto osservare i pianeti principali, compresi i loro anelli. Grazie per le delucidazioni.

  7. Ad avvalorare l’affermazione che poco (o nulla) sappiamo sul Sole, vi sono molti video ripresi dalla sonda SOHO davvero incredibili: comete grandi come Giove (!) in rotta di collisione col Sole, “miracolosamente” deviate all’ultimo momento prima dell’impatto con potenti flares o c.m.e. (un oggetto del genere causerebbe uno sconquasso nelle orbite planetarie tale da ridefinire drammaticamente la configurazione del nostro sistema solare); per non parlare poi dei vortici di plasma risucchiati da enormi corpi sferoidali grandi quanto Giove (ancora lui), in perfetto equilibrio nonostante il pazzesco differenziale di massa con la nostra Stella, quasi fosse una centrale di rifornimento carburante energetico! Vi sono dunque evidenti fenomeni solo apparentemente inspiegabili, ma che in realtà presuppongono la nostra scarsa conoscenza delle reali dinamiche di funzionamento dei corpi celesti (P.S. Ma voi pensate che davvero la temperatura del Sole raggiunga milioni di gradi, mentre sappiamo che lo spazio è freddo e molti corpi sferici simili a gigantesche navi spaziali stazionano intorno al Sole senza rimanerne “scottati” o risucchiati per effetto dell’attrazione gravitazionale?)

  8. …e se veramente i pianeti e lo stesso Sole fossero immagini olografiche??? Come alcune teorie affermano?

  9. Pingback: La timeline catastrofista e quella positivista a confronto | Hearthaware

  10. Pingback: La timeline catastrofista e quella positivista a confronto‏ | La Verità è la crescita !

  11. Pingback: La timeline catastrofica e quella positiva a confronto. « lo specchio del pensiero

I commenti sono chiusi.