Galleria

L’Italia ha aderito al programma spaziale della Keshe Foundation


di Mehran T. Keshe

Secondo il principio della Fondazione Keshe di trasferire le sue tecnologie in ogni paese del mondo, siamo orgogliosi di annunciare che la nazione e il governo dell’Italia ha accettato il trasferimento di tecnologia del programma spaziale della Fondazione Keshe.

Il 26/10/2012 alle ore 16:00 del pomeriggio come da pre-concordato appuntamento con i funzionari dell’ambasciata italiana a Bruxelles, in Belgio, il direttore della Fondazione Keshe M.T. Keshe ha consegnato ai funzionari del governo italiano e ai rappresentanti scientifici addetti, tutti i brevetti completi (brevetti pubblici e nascosti) della Fondazione Keshe, il progetto del reattore spaziale, l’unità di montaggio del reattore e la progettazione della navicella spaziale.

Il trasferimento di tecnologia, come con il governo della Sierra Leone, è stato nel formato di dati elettronici salvati su una chiavetta USB.

Il funzionario dell’ambasciata ha immediatamente controllato il contenuto della chiavetta USB e ha confermato che i file di brevetti e i disegni schematici sono completamente sulla chiavetta USB che hanno ricevuto.

La sessione è stata video registrata e secondo il protocollo diplomatico, dato che il video è stato preso all’interno dei locali del territorio della nazione italiana, sarà archiviato e non verrà mostrato in pubblico, se non diversamente indicato dall’ambasciata italiana e dal governo.

Ora la nazione d’Italia è diventata la prima nazione in Europa che ha accettato il pieno trasferimento di tecnologia del programma spaziale della Fondazione Keshe per portare pace e prosperità alle nazioni del mondo.

Diamo il benvenuto agli scienziati e funzionari del governo italiano e alla nazione Italia per il programma spaziale Keshe Foundation.

Abbiamo offerto il nostro completo know-how e il supporto tecnico ai rappresentanti della nazione italiana presenti alla riunione, se invitano la Fondazione Keshe a visionare il corso dello sviluppo.

Come da precedenti discussioni, porteremo insieme presto tutte le nazioni ad aderire al programma spaziale in modo che potranno scambiare il know-how e le conoscenze su uguali basi e livello scientifico.

Vorremmo ringraziare tutte le persone italiane e i gruppi della comunità di internet che hanno incoraggiato il loro rappresentante del governo a partecipare alla riunione del 06/09/2012 presso il centro della Fondazione Keshe per gli ambasciatori dei governi mondiali, e ora vediamo il frutto del vostro duro lavoro.

Il trasferimento delle conoscenze non è stato effettuato su basi economiche ed è stato dato gratuitamente alla nazione Italia dalla Fondazione Keshe come abbiamo fatto con le nazioni di Iran e Sierra Leone.

Annunceremo i nomi di altre nazioni man mano che entreranno a far parte del programma spaziale nelle prossime settimane.

Diamo il benvenuto alla Nazione Italia al programma spaziale più avanzato che esista al momento, che consentirà a questa nazione di essere in grado di mettere gli uomini nello spazio prima della fine del 2013.

La Fondazione accoglie Keshe colleghi scienziati italiani a pacifici spazi aperti dell’universo e al nostro programma spaziale.

Sicuramente nelle prossime settimane e mesi la vostra nazione e la Fondazione Keshe realizzerà tecnologie di guida per la prosperità della vostra nazione e dell’umanità.

M. T. Keshe
Director of the Keshe Foundation

Ciro Pirone, l’ingegnere italiano che lavora in Germania, che ha intervistato Keshe lo scorso 26 settembre ha commentato dicendo che:

“Ho avuto la conferma che un ufficiale dell’ambasciata italiana ha ricevuto direttamente da Mr. Keshe una penna USB contenente molti file tra i quali è stato possibile identificare le applicazioni brevettate e molti disegni di parti. Mi è stato detto che i file sono attualmente in fase di revisione per l’ulteriore elaborazione e il processo decisionale. La ringrazio molto signor Keshe.”

Fonte:  Keshe Foundation forum
Tradotto da: Dioni
reblogged by Hearthaware blog
reblogging link → hearthaware | L’Italia ha aderito al programma spaziale di Keshe


Potrebbero interessarti anche…

Mehran Keshe sull’incontro del 6 settembre

Nel cuore della tecnologia Keshe

Intervista a Mehran T. Keshe

58 commenti su “L’Italia ha aderito al programma spaziale della Keshe Foundation

  1. Grazie mille per questa notizia. Ma mi chiedo, ci serve questo: “Diamo il benvenuto alla Nazione Italia al programma spaziale più avanzato che esista al momento, che consentirà a questa nazione di essere in grado di mettere gli uomini nello spazio prima della fine del 2013”? “Nelle prossime settimane e mesi la vostra nazione e la Fondazione Keshe realizzerà tecnologie di guida per la prosperità della vostra nazione e dell’umanità”; è il programma spaziale che ci darà tutto questo? Mi auguro che il governo italiano applichi la tecnologia Keshe al plasma alle auto, aerei, inquinamento e cibo. Questo ci serve veramente, no?

  2. Come come?

    Il governo italiano, ossia il governo Monti, ossia il governo Bildeberg/Trilaterale/Goldman Sachs/Moody’s, imposto attraverso la menzogna, il ricatto e la violenza dalla cupola dell’oligarchia finanziaria tristemente nota come la Cabala e salito al potere attraverso un colpo di stato finanziario con il palese obiettivo di portare l’Italia verso un collasso economico di tipo argentino ha aderito al programma spaziale di Keshe?

    Per quanto mi riguarda questa storia è sempre più chiara e personalmente NEGO DECISAMENTE E IN VIA DEFINITIVA il mio consenso all’adozione della tecnologia Keshe.

    E vi esorto a riflettere MOLTO ATTENTAMENTE prima di dare il vostro.

  3. Mr. Keshe dovrebbe cortesemente fornire NOME e COGNOME delle persone, sia della parte diplomatica che della scienza (CNR?) a cui a affidato i suoi progetti / brevetti. Non dovrebbe essere un segreto, no?
    Di modo che il popolo italiano possa chiedere a che punto sono i lavori, ogni tanto, e soffiare sul collo di queste “illuminate” persone.

  4. Concordo con Geppo il Folle. Se il governo di criminali che abbiamo, ha aderito a un progetto che dovrebbe portare benessere e rinascita, c’è qualcosa che non va.
    Come sempre, abbiamo la tendenza a farci travolgere dalle emozioni…che sono talmente forti che ci impediscono di vedere la gigantesca incongruenza di fronte ai nostri occhi.
    Grazie

  5. Aldilà di come evolverà la questione, sono felice di avere fra i lettori del blog persone ponderate e con i piedi per terra come voi.

  6. Eh già! Come dice Geppo il Folle c’è qualcosa di strano. Aspettiamo…magari è uno spiraglio di luce…

  7. A quanto pare, le ultime dal Belgio dicono che Mehran Keshe (autore dello scritto oggetto del post) abbia esagerato un po troppo i toni. Una cosa è consegnare una chiavetta USB all’ambasciata, un’altra è avere l’approvazione del governo nazionale. Forse ha detto gatto senza averlo nel sacco. Del resto come altro si poteva tradurre il titolo dato dallo stesso Keshe al post: “Italy the latest nation joining the Spaceship program”?

  8. Sì, il fatto che abbiano ritirato i file non significa che intendano aderire… Conosci il tuo nemico… Impara l’arte e mettila da parte… Magari può servire per altre applicazioni… mmmhhh…

    • Non credo proprio che per i militari la tecnologia Keshe sia questa grande novità anzi sono sicuro che ne sono già in possesso da molto tempo.

      E poi perchè questa ossessione per i viaggi spaziali?
      A me questo pare proprio l’ultimissimo dei problemi dell’Umanità.

      Niente a che vedere con l’imminente primo contatto alieno?
      Che, a mio modo di vedere, nella condizione in cui versa al momento il nostro pianeta sarà ovviamente un contatto con ET negativi dato che quelli positivi non si farebbero mai avanti in un momento come questo.

  9. E allora cerchiamo di premere contro i funzionari dell’ambasciata italiana e su Keshe che controlli, o dia un tempo ragionevole perchè si cominci a realizzare il suo progetto, con la sua supervisione, e soprattutto rendere noti i sviluppi della realizzazione delle tecnologie…

  10. Pingback: Settembre 2012 - Free Energy per tutti: Keshe Foundation - Pagina 6

  11. Basta rendere di pubblico dominio questa notizia, più persone lo sanno e meglio è.
    Informare per resistere.

  12. Tutto questo in effetti è poco chiaro dato che è ormai evidente che per governo italiano si intende Mario Monti, banche, multinazionali ecc… mi associo a quello che dice Geppo il Folle, purtroppo non sono convinto che questi agiscano per il bene di noi italiani (popolo).

  13. Beh io concordo con Geppo che c’è qualcosa che non torna…
    Non so voi, ma dalle mie parti dicono che ci sia una crisi profonda.
    Quindi la soluzione più ovvia è quella di continuare a finanziare militari (nuovi aerei) e progetti spaziali come questo.

    Guardando alle precedenti crisi mondiali, se non erro dopo la crisi c’è stata una dittatura e poi la guerra, no?

    Quindi se i fondi vengono spesi per queste boiate incredibili (e dico boiate incredibili, solo e solamente per il periodo in cui stiamo passando, non perché non vada finanziata la ricerca anche in questi settori), non è che con queste scuse ci stiamo preparando a qualcosa di ben più grave?

    Da ben 12 anni sul tavolo del Pentagono c’è un foglio con riportata la firma di quel gran simpaticone di Donald Rumsfield, dove c’è scritto che il nemico militare principale degli Stati Uniti nel 2017 sarà la Cina.

    Ed ecco a tal proposito cosa riporta Giulietto Chiesa sul suo sito:
    “Gli Stati Uniti hanno denunciato il trattato Abm del 1972, rompendo tutti i patti di disarmo, perché stanno militarizzando il cosmo, mettendo in orbita le armi atomiche, armi geo-stazionarie che quando arriverà il momento serviranno per dire ai cinesi: «Guardate che sulla vostra testa c’è un’arma puntata da cui non potete difendervi». Questo è ciò che sta accadendo e questo sarà lo scenario del futuro al quale il gruppo di uomini che dirige la politica americana sta pensando.”

    Quindi prima di rallegrarmi per un programma spaziale che il signor Monti dovrà fare finta di valutare, ci penso ben più di due volte.

    E dimenticavo. Sì, sono un complottista. Tanto oggi si dice così alla gente che ogni tanto due domande se le fa passare dalla testa.

  14. Comprendo tutti i dubbi, comprendo la voglia di sapere di più, di conoscere di più, ma non comprendo i pregiudizi: Quando analizzate alcune notizie che interessano il Governo dittatoriale Monti, qualcuno tiene in considerazione che al suo interno possa esserci anche qualcuno che operi nel nome dell’amore o della luce? Date per scontato che tutti siano “oscuri” del governo bancario? Leggo parlare di militari come se fossero tutti uguali, leggo parlare di dipendenti statali come se fossero tutti uguali… leggo e non comprendo come mai, sempre più spesso, si stia perdendo il senso dell’equilibrio tornando ad utilizzare i soliti meccanismi schematici.

    Quando avete un dubbio, una intuizione, certamente potete operare per comprendere meglio, poiché solitamente l’intuizione ha ragione, ma cercate di non cedere ai soliti pregiudizi e preconcetti.

    • Caro Dario
      i miei non sono pregiudizi ma dati di fatto e considerazioni logiche.
      Come potrebbe mai un operatore di luce consapevole della propria identità entrare a far parte di un governo che semina morte, disperazione e distruzione ad ogni piè sospinto?
      Se invece fosse inconsapevole della sua vera identità e si fosse deliberatamente incarnato in un piano di vita “oscuro” perdendo la memoria di tutto ciò alla nascita allora, da un punto di vista prettamente pratico, la differenza è inesistente: sta operando per ridurci in schiavitù con la menzogna, la violenza e l’inganno.
      Anche se il suo vero fine nascosto è produrre polarizzazione positiva le sue azioni sono malvage e quindi dal NOSTRO punto di vista non fa alcuna distinzione se si tratta di un’entità polarizzata negativamente o di una polarizzata positivamente sotto mentite spoglie.
      Prendere consapevolezza del fatto che una elite criminale sta operando per il male dell’umanità è, a mio modesto parere, un passaggio fondamentale nell’evoluzione spirituale non foss’altro che per evitare di dare il proprio consenso a cose che poi si rivolteranno contro i propri fratelli e sorelle umani oltre che contro se stessi.

      E poi ragioniamo, considerando il chiaro obiettivo che sta perseguendo, Monti ha scelto questo suo bel entourage in base a qualche merito accademico e/o capacità professionale o invece lo ha fatto in base a dei criteri di “appartenenza”?
      Per me la risposta è ovvia.

      Ritornando a Keshe, in base ad un “meccanismo schematico” si ha che dato che questo signore ha praticamente risolto TUTTI i problemi dell’Umanità allora è sicuramente una persona meravigliosa, in buona fede e sta operando per il nostro bene.

      Purtroppo però non sempre le cose sono come stanno come ci farebbe piacere che stiano:

    • Dario, è solo una questione di punti di vista: dal tuo punto di vista io ho dei pregiudizi, e a causa di questi valuto negativamente una situazione che invece potrebbe avere aspetti positivi. Il mio punto di vista invece è questo:
      Monti, abilissimo criminale e manipolatore, è salito al potere in modo illegittimo, e da quando lo ha fatto si è distinto per la perversione con cui vessa il popolo italiano. Tutti sanno chi è, cosa ha fatto e chi sono i suoi padroni.
      Per come sono andate le cose fino ad ora, l’ipotesi che ci siano in politica persone che lavorano per il bene è piuttosto azzardata. Non è un pregiudizio, è un’analisi che si basa sui fatti, sulla nostra situazione attuale.
      Anche ammesso che esistano persone che lavorano per il bene, credi che Monti e compagnia siano così ingenui e sprovveduti da permetterlo?
      Non credi che il tuo punto di vista, invece, sia basato su una speranza?…la speranza che le cose, finalmente, si possano sistemare…una speranza ricca di emotività che viene abilmente e artificialmente indotta con i soliti vecchi metodi. Una emotività che può portare a quella perdita di equilibrio e all’utilizzo di meccanismi schematici che tu critichi.
      Non dico che ci sia qualcosa di sbagliato nell’avere speranza che le cose migliorino o nell’emotività, dico solo che possono essere strumentalizzate e quindi mi sembra ragionevole avere dei dubbi quando i conti non tornano.

    • “i miei non sono pregiudizi ma dati di fatto e considerazioni logiche.
      Come potrebbe mai un operatore di luce consapevole della propria identità entrare a far parte di un governo che semina morte, disperazione e distruzione ad ogni piè sospinto?
      Se invece fosse inconsapevole della sua vera identità e si fosse deliberatamente incarnato in un piano di vita “oscuro” perdendo la memoria di tutto ciò alla nascita allora, da un punto di vista prettamente pratico, la differenza è inesistente: sta operando per ridurci in schiavitù con la menzogna, la violenza e l’inganno.”

      E se quest’uomo si fosse semplicemente “riacceso” solo dopo aver intrapreso questa carriera? Sai cosa sono gli “infiltrati”? Sai cosa sono gli “insider”? Non molto tempo fa ho fatto un esempio ad un grande uomo per spiegare il mio personale punto di vista: Secondo te è più pericolo per un uomo una aggressione fisica da parte di un uomo sconosciuto o una malattia da parte di un virus sconosciuto? Gli insider spesso operano proprio come virus con l’obiettivo di riaccendere altri uomini cercando di contrastare il sistema dall’interno e, personalmente, credo che siano molto più pericolosi così con la loro opera di qualsiasi altra iniziativa posta dall’esterno.
      L’uomo che ha ricevuto la “penna usb”, da un punto di vista pratico è semplicemente un uomo che ha preso dei file, niente di più e niente di meno, e non puoi sapere se il Monti sappia o meno dell’accaduto. Posso assicurarti che in tutte le decentralizzazioni, gli operatori governativi hanno piena autonomia decisionale. Certamente non possono decidere se un governo debba spendere o meno soldi (finti) per un programma, ma possono decidere se acquisire o meno documenti di rilevanza nazionale.
      Poi se qualche libero cittadino ha subito violenze, o si sente ridotto in schiavitù, bene occorre saper utilizzare le loro stesse armi contro loro stessi: ci sono e si può fare. In tanti lo stanno facendo e con ottimi risultati, ma questo argomento non è importante nel contesto dell’articolo: quando Lòthlaurin pubblicherà qualcosa al riguardo (sono certo che non manchi molto) sarò felice di riprendere questo punto.

      “Anche se il suo vero fine nascosto è produrre polarizzazione positiva le sue azioni sono malvage e quindi dal NOSTRO punto di vista non fa alcuna distinzione se si tratta di un’entità polarizzata negativamente o di una polarizzata positivamente sotto mentite spoglie.”

      Polarizzato? Ma non è proprio questo l’errore? La polarizzazione è, di fatto, l’impostazione dualistica eretta nel mondo materiale per trattenerci in questo “inganno”, anche questo tuo punto, che rispetto pienamente ma non condivido, pone in essere la dualità per eccellenza, male Vs bene, luce Vs oscurità, amore Vs egoismo, o prendendo tuoi termini “polarizzata positivamente” Vs “polarizzata negativamente”. Qui non credo di parlare di batterie, personalmente preferisco imparare ancora ad andare oltre la polarizzazione, oltre la dualità, e, come si dice, in medio stat virtus, ed forse anche la verità. L’unico consiglio che posso dare è di non dare tutto per scontato, di non fare di tutta l’erba un fascio, le persone buone e giuste sono ovunque, anche se a volte non le vediamo.

      Per il resto non posso mettere in dubbio quanto hai indicato, credo nell’élite e credo nell’opera di Mr. Keshe, qualunque essa sia realmente. Io continuerò a guardare nel mio cuore, consapevole che il mio essere, la mia anima, non potrà essere schiava di nessuno.

  15. Pingback: L’Italia ha aderito al programma spaziale della Keshe Foundation | La Verità è la crescita !

  16. Mi dispiace contraddire molti detrattori di questo blog. Il fuoco perpetuo esite e come e già se ne sono servite molte civiltà prima di noi. Il problema è un altro ed è questa la prova più importante per l’umanità. Entrare a far parte della comunità cosmica che ci aspetta a braccia aperte o rimanerre Terra-Terra. Ad un progresso scientifico deve corrispondere un progresso civile sociale e spirituale senza il quale l’accesso a certe tecnologie è meglio che sia assolutamente negato.

  17. Anche io concordo con Geppo il Folle: quando mai un governo fatto di “falsità” aderisce a qualcosa che va a favore del popolo?
    Se c’è qualcuno che metterà in pratica la prosperità per l’italia non sarà sicuramente il governo che c’è ora…

  18. Forse, per come è stato fatto rispetto alla partecipazione dell’ambasciata italiana alla presentazione di settembre, sarebbe il caso di esercitare una “certa pressione” sull’ambasciata e soprattutto sul Governo italiano affinchè prima di tutto dichiari pubblicamente che tipo di tecnnologia gli è stata rilasciata e cosa intende farne.
    Mi è parso di capire che questa tecnologia, oltre che per un progetto spaziale, possa essere applicata in tantissimi ambiti civili, dalla comune produzione di energia libera e pulita, ai trasporti, alla salute, al riscaldamento ecc. Se tutto ciò è vero credo dovremo chiedere, con forza ed insistenza, che tale tecnologia venga diffusa e soprattutto applicata in tempi brevi, per evitare che rimanga chiusa per anni e anni dove l’hanno messa la momento e cioè in cassaforte o diventi di “proprietà dei soliti pochi” che o la insabbieranno o la utilizzeranno a fini di un lucro enorme.
    Concordo comunque che il diffondere il più possibile questa notizia sia utile per tenere un minimo sotto controllo gli sviluppi di questo fatto.

  19. Se la notizia fosse vera, la cosa non potrebbe che farmi piacere.

    Per il momento, comunque, prima di uscire dal cancello del giardino, sarebbe meglio fare ordine in casa.
    Il dualismo è ancora evidente, ci sono ancora distinzioni fra i vari popoli della terra, siamo in un periodo delicatissimo, in cui chi non ha interesse che le cose procedano bene, sta osticamente opponendovisi sfruttando ogni sistema a sua disposizione.
    E temo che, la tecnologia Keshe, l’abbiano inserita nei loro tristi piani di sabotaggio.

    Fermo restando che sono un inguaribile ottimista, mantengo alta la guardia e mi faccio due risate.
    Questa è la situazione di stallo che, lentamente, sta destabilizzandosi.
    Queste notizie le prendo bene, perché significa che si sta procedendo lungo il Sentiero, ed ovviamente chi è contrario vi si oppone cercando di fermarci e magari convincerci a tornare indietro.

    Pace su tutte le frontiere, signori/e.🙂

    Ora Samhain è alle porte, e poi la prossima tappa sarà il Solstizio d’inverno.
    Sono in attesa della prossima primavera, perché i cambiamenti più “evidenti” si manifesteranno dal prossimo anno in poi, e sono curiosa di vedere come si reagirà ad essi, soprattutto coloro che conducono questa triste crociata contro la Luce nel nome del Nulla.

    A presto, Lòthlaurin, e grazie per l’articolo.

    Ossequi signori, e grazie per le opinioni espresse, sono interessanti e denotano che state mantenendo alta la guardia, ma.. rilassatevi un pochino. Facendo quel che fanno, ci stanno spianando la strada senza rendersene conto.
    😀

  20. Se questa tecnologia esiste veramente, personalmente non credo, questa sarebbe la fine dell’interà umanità, ma credete veramente che questa oligarchia adoratrice del male e che comanda il mondo e le nostre vite da secoli, userebbe questa cosa per la nostra evoluzione???
    Meditate gente meditate!

  21. @Lòthlaurin. I detrattori, come quelli del sito che segnali, è giusto che ci siano. E, senza soffermarsi sul linguaggio del blogger in questione, che denota sicuramente “stanchezza” e “irritabilità” di fronte a concetti per lui avulsi, le obiezioni che fa sono coerenti, rispetto ad un certo punto di vista, e sono degne di rispetto anche quelle.
    @Keshe. Questo passo davvero non me l’aspettavo (accennavo all’imprevedibiltà in un altro post e ciò conferma la mia teoria…). Nel complesso sicuramente qualcosa non quadra. L’unica cosa che si può fare è cercare conferme sia presso l’Ambasciata sia presso la Fondazione stessa. Manca un pezzo importante del puzzle ma, se è vero che l’ing Keshe è una persona accorta, avrà “messo in sicurezza” la divulgazione di questa incredibile tecnologia. Staremo a vedere. Sono certo che presto avremo il quadro completo e chiaro con la speranza che il tutto sia in armonia con i principi posti dallo stesso Keshe (sempre ammesso che questa tecnologia sia reale e personalmente, purtroppo, non posso far altro che attendere questa fatidica data per la dimostrazione il 14 dicembre prossimo).
    Un abbraccio

  22. Di fatto la Keshe ha consegnato un arma a chi tiene il paese in crisi. Ditemi voi cose c’è di buono in questo. Lo dico da sempre che nella questione Keshe c’è qualcosa che puzza.

  23. Ho scritto una mail a radio 105 invitandoli a prendere un po in considerazione questo tema che a molti di noi sta a cuore…Chissà, la leggeranno??

  24. Questa è la situazione di oggi…e la si legge chiaramente in queste righe, in tutte queste righe…e cioè ” A quando il cambiamento? Che cos’è il cambiamento? cosa dovrebbe cambiare realmente? Le cose forse? E a che scopo cambiare le cose se poi torna tutto come prima?
    La risposta è che per un vero cambiamento NON devono cambiare le cose o le persone ma deve cambiare il MODO DI PENSARE DELLE PERSONE!!!!!!!!
    Questa tecnologia funziona?…non funziona? Chi lo sa realmente? Per ora pochi, ma chi crede che questa tecnologia od un’altra possa essere realmente utile? Vedete…da qualsiasi punto la si voglia vedere questa faccenda, per la maggior parte della gente non esiste una tecnologia realmente utile e sapete perché? Perché se la vede sempre ritorcere contro!!! Ma a voi che pensate questo, come vi si può proporre qualcosa di utile se prima voi stessi non CAMBIATE PENSIERO e accettate che qualcun’altro possa fare qualcosa per voi? Chi vi obbliga a pensare che ogni proposta propinatavi è essenzialmente per la vostra distruzione? Pensate veramente che gli scienziati come Thesla Fermi avessero inventato cose per la distruzione del mondo? Come fate a coltivare pensieri così auto-distruttivi e distruttivi? Non vedete che non è colpa dell’invenzione o dell’inventore ma dell’uso che se ne fa di questa?
    Perché si perpetua nel presente gli stessi errori e le stesse minacce del passato? Perché si guarda nel presente al futuro sulla base del passato con il risultato di non CAMBIARE MAI NULLA!!! Vi basate sui fatti per pensare al futuro senza rendervi conto che i fatti fanno parte del passato, così vi trovate nel presente a pensare ad un futuro migliore sulle basi di un pessimo passato. Einstein disse che finché si faranno sempre le stesse cose si otterranno sempre gli stessi risultati!!! E molti di voi fanno proprio questo, credono non sia possibile un cambiamento sulla base del fatto che finora non è mai cambiato, con il risultato che niente cambierà mai!!!
    Il mondo non cambia mai perché pensate che le persone non possano cambiare MAI!!! Io vi dico INVECE che le persone possono cambiare, per fortuna, cambiano e cambieranno, e non so se sarà Monti piuttosto che Bilderberg piuttosto che Obama o chicchessia ma se non sono loro a cambiare, verranno sostituiti e il cambiamento avverrà, indipendentemente da ciò che pensate, potete solo velocizzarlo o rallentarlo, ma avverrà.
    La speranza non ha niente di schematico, non porta a nessuno schema è di sostanza eterea, animica, non si rifiuta la speranza perché ha in se il germe del cambiamento, chi pensa attraverso schemi rifiuta il cambiamento e ne ha paura, chi vede al futuro guardando il passato è senza speranza. Questo è il cambiamento di pensiero a cui io alludo.
    Infine vorrei aggiungere una cosa ponendo un quesito: come si fa a portare luce dentro ad una stanza oscura? Vi si entra… e in ragione di ciò che sei illumini con una candela… accendi la luce… oppure porti con te un faro da mille watt… gli operatori di luce fanno proprio questo, dove c’è oscurità, con coraggio e consapevolmente entrano e in ragione di ciò che sono hanno con se una candela, accendono una luce oppure portano un faro. Porto l’esempio dell’Argentina e del suo Presidente: come c’è arrivata lì quella bellissima persona? Ora sta pagando i mutui ai suoi cittadini, lo sapete? E’ passata per la politica corrotta, in mezzo a politici corrotti, ma qualcuno ha creduto in lei con la speranza nel cuore e così con coraggio è entrata nella stanza buia e aveva con se una candela, ha poi acceso la luce e altri l’hanno vista, dopodiché si è rivelata per il faro che è realmente e ora è un potente faro da mille watt, un riferimento per molti.
    Infine io vi invito a credere alle persone e al loro cambiamento perché questo non è solo possibile ma auspicabile; nei casi più ostici affidatevi al perdono e passate oltre con rinnovata speranza, perché chi semina vento raccoglie tempesta ma il buon seminatore semina ovunque e se il seme cade nella roccia, sulla sabbia o su un terreno arido perisce ma diventa una magnifica piante nel resto del campo.
    Namastè.

    • Grazie a te Lòthlaurin.
      “Coltivate ogni speranza o voi che uscite… da questo vecchio sistema di pensiero…”

    • Siamo qui appositamente. Qui nel senso in questo mondo in questo spazio/tempo proprio per avviare il cambiamento. Condivido il concetto espresso e aggiungo una mia opinione. Il cambiamento di coscienza e di consapevolezza, a livello globale, ormai avviato, per raggiungere una condivisione sostanziale, al punto che un giorno si potrà dire “questa è la nuova umanità”, a parer mio ci vorranno almeno altre tre o quattro generazioni. Nel presente l’importante è avviare il processo e stabilizzarlo. Credo che la prima fase sia conclusa ora resta la seconda: la stabilizzazione. Immagino che poi si passerà alla fase tre che sarà l’espansione e con la fase quattro ci sarà il cambiamento sostanziale. L’umanità ha finora avuto gli stessi risultati perché ah sempre fatto le stesse cose. Sono perfettamente daccordo. Ma se all’umanità non si dà un alternativa, o gli strumenti per crearne una, essa continuerà a fare le stesse cose. E’ per creare questa alternativa, che molti stanno operando da tempo. A livello più ampio, non contanto quindi gli esempi isolati, senza una “spintarella” il processo non parte. Ora il processo è in atto e non ho dubbi su questo, ed un evento come la tecnologia Keshe potrebbe essere un ottimo strumento per organizzare un vera alternativa.
      Condivido che una personalità presente consapevole e cosciente (operatore di luce, chiamalo come vuoi..), quando entra in una stanza, fa la differenza e puo’ essere di sprone per gli altri. Condivido meno il fatto che possa diventare un punto di riferimento, in quanto questa dinamica si rifà ai vecchi potenziali. Una volta che l’operatore di luce diffonde l’energia, coloro che in un primo momento ne usufruiscono, poi, dovranno trarla da loro stessi, con i loro talenti, e non aspettare l’operatore di luce di turno per godere di essa.
      Sono daccordo che la speranza è un arma a doppio taglio, peraltro devastante. Al posto di essa si potrebbe utilizzare la creatività e la focalizzazione dei potenziali, divenendo così parte attiva del processo. Per focalizzazione dei potenziali intendo avere la percezione dei potenziali di ciò che ci circonda e focalizzarsi sugli eventuali sviluppi.
      Un abbraccio.

    • Grazie Ric, condivido la tua opinione, creatività è sicuramente più utile dei riferimenti, tuttavia i riferimenti a cui io mi riferivo (e qua sono stato io veramente poco chiaro) sono solo persone che hanno sperimentato la luce prima di noi, non sono certo persone a cui demandare tutte le nostre energie per il cambiamento; sono i pensieri che devono essere cambiati e questo è compito del singolo, nessun altro lo può fare al tuo posto.
      Alla creatività e la focalizzazione dei potenziali aggiungerei anche una buona dose di coraggio per spingersi verso il “non conosciuto” e l’accettazione di essere migliori di quello che abbiamo creduto o ci hanno fatto credere finora. Grazie ancora Ric.
      Namastè.

  25. La cosa che veramente comincia davvero ad infastidirmi sulla quastione Keshe è che ogniqualvolta qualcuno solleva un obiezione, una riserva, o mette in luce una contraddizione o un incongruenza immediatamente c’è qualcuno che in un modo o nell’altro, in maniera palese e diretta oppure indirettamente e tra le righe comincia ad accusare i critici di avere paura del cambiamento, di ragionare in maniera schematica e così via dicendo.

    A me questa cosa non mi piace e non mi sta bene per niente perchè sposta l’attenzione dalla questione principale alle persone che tentano di vagliarla criticamente esprimendo al loro riguardo giudizi non proprio piacevoli ponendo in essere, di fatto, sorta di sottile censura.

    Io non ho paura del cambiamento anzi lo auspico e cerco di fare del io meglio affinché abbia luogo.
    Ciononostante non prendo per buono qualsiasi cambiamento dato che il cambiamento non è una cosa buona di per sè.

    Se l’elite riesce nel suo piano di instaurazione di una dittatura mondiale con tanto di microchip sottocutaneo impiantato a tutta la popolazione non si avrebbe forse un gigantesco cambiamento?

    Se un esercito invasore, da un giorno all’altro, arriva bombardando il tuo paese, distruggendo la tua casa e il tuo futuro non si avrebbe forse un cambiamento?

    Allora prima di accusare qualcuno di avere paura del cambiamento forse si dovrebbe stabilire quale cambiamento vogliamo.

    Proprio perchè auspico e desidero un mondo di pace, libertà, armonia, abbondanza etc. etc. io rifiuto la tecnologia Keshe in quanto la considero un malefico “Cavallo di Troia” per ridurre il mondo in schiavitù.

    Ora io non ho la verità in tasca e potrei anche sbagliare riguardo a Keshe ma per favore smettetela con queste prediche e ramanzine su cosa c’è che non va in coloro che rifiutano o diffidano di questa tecnologia.

    Rimaniamo sul punto, analizziamo i fatti, consideriamo possibili sviluppi e scenari e soprattutto rispettiamo reciprocamente le nostre opinioni senza prenderle a pretesto per giudicare l’altro e appiccicare sgradevolissime etichette.

    • Ciao Geppo, innanzitutto ti chiedo scusa se ti ho etichettato in qualche modo, non è mia intenzione farlo ne con te ne con nessun altro. Io cercavo in qualche modo di far venir fuori il modo contorto che ha il cambiamento di destabilizzare. Io non sto chiedendo a nessuno di sposare la battaglia Keshe, tra l’altro prima ancora di essere giocata, dico solo che il cambiamento indispone, il cambiamento destabilizza, Keshe o non Keshe: se ti dicono che hanno inventato l’auto ad aria compressa ma non la si può fare perché è troppo cara lo si accetta sto concetto e va bene così, ma non fanno i conti su quanto risparmierebbe uno che la utilizza nonchè l’impatto ambientale e si accetta pure questo. Keshe vende già ora generatori perpetui al plasma da 5000 e 20000 euro da 3kw e 10 kw. Tu spenderesti 5000 euro per un generatore perpetuo? 5000 euro tutti in una volta? Sai quanta corrente consumo con 5000 euro un po’ alla volta?
      Vedi Geppo io cerco solo di farti capire che ormai non è più un problema di opportunità, perché ce ne sono parecchie, il problema è che non ci vogliamo scostare dai pensieri che abbiamo sempre avuto perché questi pensieri ci regalano sicurezza, a caro prezzo ma pur sempre sicurezza!!!
      Allora tiriamo le somme Geppo: è più desiderabile essere scettici e cavalcare l’onda della stabilità facendo affidamento sull’andamento del mondo come lo hai conosciuto finora, scartando alcune cose perché supportate da Tizio, spalleggiate da Caio entrambi vampiri di regime oppure sposare in cambiamento che non è bersi tutte le bibite e le pappette che ci appropinquano, ma guardare le singole cose, senza pregiudizi e senza vederci il marcio dentro, partendo dalle potenzialità benefiche e promuovendole? Non è una questione che riguarda Keshe o chicchessia, riguarda noi. Ti lancio un’altra riflessione: pensi di essere in grado di fermare il lancio di una bomba atomica? Pensi di essere in grado di impedire una pandemia? Pensi veramente che Troia non sarebbe caduta senza il suo cavallo? Queste sono lezione che prima o poi dovremo comprendere!!! Succede quello che noi pensiamo sia desiderabile per noi, Troia se non cadeva col cavallo sarebbe caduta con il fuoco o comunque qualcos’altro ed è per questo che abbiamo un mondo così marcio, perché pensiamo che gli altri siano una conseguenza e non una concausa nella nostra esistenza; è talmente importante il tuo punto di vista nelle cose che se non lo cambi non cambieranno neanche le cose stesse. La bomba atomica non la lanciano perché i governanti hanno bisogno di avere quelli da governare, ma proprio perché ci riteniamo persone da governare loro hanno il loro staterello con cui giocare. Abbiamo bisogno di un governo che ci dica cosa dobbiamo fare? Abbiamo bisogno dei cartelli coi limiti di velocità o degli autovelox per andare piano? Abbiamo bisogno della polizia per avere la garanzia che qualcun’altro non goda di ciò che è nostro? Allora abbiamo veramente bisogno di dare il nostro potere ad altri.
      Concludo con il ribadire ciò che è secondo me la colonna portante della nostra esistenza: ognuno è libero di pensare ed esprimere ciò che vuole sui suoi pensieri. A me non importa se tu o chiunque altro rifiuta o diffida della tecnologia Keshe. La domanda è; a cosa serve rifiutare o diffidare a te? A non cadere nella tela del ragno? E agli altri cosa comporta condividere il tuo pensiero con te? A rallentare la nostra evoluzione? Credi veramente che ci possa essere qualcosa che non è utile nel cambiamento qualunque esso sia? Queste sono delle buone domande…
      Vedi dal canto mio io non mi pongo il problema di chi cambierà la mia vita e quale percorso imboccherò, io so per certo soltanto che tutto ciò che mi accadrà sarà per il mio massimo bene, per la mia più alta evoluzione personale e per la mia più grande considerazione che ho di me stesso. E’ ora di fare della nostra vita una esperienza che comprenda il cambiamento ed il coraggio nell’intraprenderlo, ripeto con o senza Keshe, con o senza Monti, con o senza Obama o chiunque altro. Grazie Geppo.
      Namastè.

  26. Salve, che sia vera questa tecnologia lo vedremo nel tempo. la mia analisi si basa che in momenti come questo in una profonda crisi su tutti i settori nasce un qualcosa di molto importante rispetto a quello che era prima in questo caso la tecnologia. Secondo me da un momento all’altro ci sarà in giro tecnologia molto differente di quella che è adesso e questa potrebbe essere la teconologia Keshe. Che questa tecnologia sia in mano a certi individui è da vedersi. Sempre se è vero non è che noi Terrestri possiamo andare in giro a fare quello che vogliamo. Se aderiamo a una certa linea in giro non possiamo fare cose che abbiamo fatto sul nostro Pianeta. Tenete presente come ha detto un’altro commentatore sul Pianeta Terra in passato c’era questa tecnologia e il Prof. Biglino ne parla: Parla di aeromobili con motore al plasma. Noi adesso faremo la trafila di altri popoli più anziani di noi. La nostra galassia si sta espandendo e sta inglobando un’ altra più piccola lo hanno detto pure due scienziati russi. Il Pianeta Terra è diventato un Pianeta Stellare con i Suoi Semi Stellari. In questa Nuova Galassia di Nome Dorata ci sarà una rappresentanza del Popolo Terrestre. Prima di questo evento noi terrestri eravamo rappresentati da Sirio. Sul fatto di chi ci rappresenta sono daccordo con un’altro commentatore che al momento giusto così come stanno andando le cose verranno destituiti. Un saluto.

  27. Insomma anche a me, da quando è nata puzza la questione Keshe ma non perchè sia falsa ma per la sua potenziale strumentalizzazione che infatti sta venendo avanti. Non dove abbiate sentito i prezzi del generatore da 3kw o da 10 ma sono prezzi già commerciali senza ombra di dubbio. Pertanto si palesa davanti uno scenario che avevo già ipotizzato quando ne ho sentito parlare. Questa tecnologia SE completamente funzionante farà fare un sacco di soldi a chi riceverà l’autorizzazione dallo stato a produrre questi generatori. Anzi magari proporranno un noleggio a lungo termine in modo che si continuerà a pagare altri. Scommettiamo?

    • Gamma potresti indicare una e-mail valida quando posti un commento? Tanto non compare al pubblico. Se non lo fai, il sistema manda i tuoi commenti direttamente nella coda di spam e lì rischiano di stare per lungo tempo senza che io me ne accorga e poi li devo unspammare uno per uno tutte le volte. Quindi te lo chiedo come cortesia personale.

    • I Prezzi indicati per i generatori sono effettivamente quelli annunciati da Mr. Keshe. È doveroso puntualizzare che, però, non sono perpetui ma hanno un ciclo manutentivo (ricarica) annuale al costo di 100 euri l’anno.
      Per quanto riguarda la produzione, si deve considerare che questi progetti, poiché di proprietà di Keshe, sono di pubblico dominio (alla fine del programma) e, di conseguenza, non possono essere prodotti su “concessione” del governo ma chiunque, con il libero mercato, potrà produrli.

  28. Scusate ma come la mettiamo con il tanto sbandierato (da Keshe in primo luogo) Ordine Esecutivo di Obama che metteva questa tecnologia al bando?

    Quindi Monti & CO. avrebbero violato quell’Ordine?

    O quell’Ordine Esecutivo non aveva nulla a che fare con la Tecnologia Keshe?

    E, in ques’ultima eventualità, perchè Keshe lo avrebbe spacciato per tale?

    • Salve Geppo il Folle, per quanto riguarda che Obama metteva al bando (sempre se è vero) la tecnologia Keshe in primo luogo c’è guerra aperta tra Occidente e l’iran e con questa tecnologia sempre se è vera l’Iran potrebbe dare filo da torcere agli USA. Secondo gli USA vogliono avere il monopolio dello spazio e con questa tecnologia potrebbero avere dei concorrenti. Per quanto riguarda Monti il discorso potrebbe essere visto sotto un punto di vista delle ricerche del Prof Malanga. Malanga diceva nelle sue ricerche che il Sud Italia era controllato dalla NATO alleata dei rettiliani e il Centro Nord era controllato dai francesi e dagli Orange. Sembrava che in certi luoghi italiani di controllo terrestre degli addotti c’erano pure militari italiani sotto le montagne per esempio. L’Italia dalle ricerche del Prof. Malanga sembrava che era un paese inesistente con gli accordi tra terrestri e alieni. Sempre se è vero adesso avendo questa tecnologia potrebbe fare ricerche per fatti suoi senza dipendere dai francesi o americani. Sempre se sono vere le teorie del Prof. Malanga e la Tecnologia Keshe. Un saluto

    • Geppo hai letto l’Ordine cui fai riferimento? Ti consiglio di farlo, così avrai avuto le tue risposte. Potrei risponderti anche io, ma non credo che la risposta fornita da un altro utente sia così concreta come quella che certamente puoi trovare da solo in quell’Ordine.

    • Certamente, leggendo solo il testo sembra così, ma in realtà coinvolge totalmente Mr. Keshe e la sua tecnologia. Occorre considerare, nella lettura dell’Ordine Esecutivo, che, seppur non nominando direttamente “spazio”, “tecnologia spaziale” o “programma spaziale”, interviene proprio sugli elementi che operano col programma Keshe. Occorre considerare, inoltre, che pochi mesi prima dell’Ordine è avvenuto il “collaudo” della tecnologia Keshe in Iran, i frutti furono la cattura del famoso drone spia statunitense. Comprendi, quindi, come questa tecnologia, a detta del creatore, lavora ed interviene proprio su quegli elementi indicati nell’Ordine Esecutivo e che Obama ha voluto proteggere.

      Ora, lo stesso Ordine, riguarda tecnologie che, di fatto, sono già in possesso di nazioni filo-americane (l’Italia lo è?) quindi, per evitare problemi con queste nazioni il presidente americano ha avuto l’accortezza di circoscrivere l’applicazione di questo Ordine Esecutivo al governo iraniano e siriano.

      Analizziamo l’ordine:
      1) Keshe Fornisce al governo iraniano la tecnologia;
      2) l’Iran la sviluppa con la supervisione di Mr. Keshe;
      3) L’Iran con questa tecnologia apprende come interrompere le comunicazioni informatiche satellitari americane;
      4) L’Iran durante i “collaudi” cattura il drone americano, proprio interrompendo le comunicazioni pilota-satellite-drone;
      5) Keshe diffonde le informazioni sulla sua tecnologia ai rappresentati governativi nel primo incontro;
      6) Obama firma l’Ordine Esecutivo che vieta ogni forma di interferenza/interruzione informatica (guarda caso proprio come ha fatto l’Iran per catturare il drone).
      7) Le autorità sequestrano il magazzino/laboratorio (?) della Keshe Foundation.

      Beh direi che adesso il quadro inizia ad essere ancora più chiaro… possiamo andare avanti con l’elenco, ma credo che qui può bastare per comprendere come si sia sviluppato e si sta sviluppando il percorso di questa diffusione di tecnologie.

  29. Perché la tecnologia Keshe viene rilasciata (prima) ai Governi? Perché non utilizzare un modello ‘open source’ mettendola a disposizione, liberamente, della comunità scientifica – di modo che molteplici soggetti possano cominciare a utilizzarla, produrre sistemi vari, anche commercializzarla con profitti, in un mercato che così però vedrebbe numerosi attori e potrebbe portare a numerosi sviluppi e ulteriori proposte?

    • Beh occorre saper cercare… puoi trovare presso l’ufficio brevetti europeo i brevetti di cui parli. Quindi Mr. Keshe sta già ragionando proprio come ha tu esposto.
      Comprenderai però che applicare questa tecnologia, quindi non solo produrla, ha dei costi che non sono indifferenti nella attuale economia.
      Inoltre renderla commerciabile con profitti non fa parte della filosofia di Mr. Keshe secondo cui quello che Dio ha donato è di proprietà di tutti gli uomini e non solo di chi può permettersela economicamente, a meno che non si voglia continuare con il paradigma economico attuale nel quale pochi sono ricchi e gli altri possono morir di fame.

  30. È quello che mi chiedo anche io ma probabilmente NON è una tecnologia riproducibile in casa. Ergo ti devi sempre affidare a qualcuno che te la vende.

    • Non intendevo che ognuno la potesse riprodurre a casa, ma diffondendo i dati si possono organizzare raggruppamenti di piccole imprese o privati e continuare a sviluppare, un po’ come Linux o vari software…

  31. Pingback: Interrogazione parlamentare sulla tecnologia Keshe | Hearthaware

  32. Salve a tutti… parto col dirvi che ho 18 anni e certamente non arriverò alle stesse conclusioni che hanno portato certi di voi a pensare le cose elencate nei commenti prima… leggendo tutto questo articolo la prima cosa che ho pensato è stata che questo signore, e spero vivamente che non sia cosi, stia facendo un percorso simile alla corrotta Chiesa Romana… naturalmente sono altri tempi e le tematiche sono completamente diverse… ma a mio parere è la stessa cosa… un signore che nessuno conosce (come per i cristiani Dio..) dice di avere una soluzione ai nostri problemi… e per questo io ne sarei felicissimo… ma, senza prove, video, riferimenti chiari e dimostrazioni tangibili l’unica cosa che ci rimane è la speranza… (la Fede di un cristiano per esempio… che, sempre a parer mio è solo una sorta di speranza in qualcosa che però non è assolutamente mai e dico mai stato provato)
    Per questo genere di cambiamento servono i fatti e non le solite parole… Sembrerà un commento negativo il mio ma non vuole esserlo assolutamente è solo, diciamo cosi, un esempio pratico. Grazie

    • Tralascio il contenuto del tuo messaggio (il cui commento lascio ai lettori, se volessero replicare) e ti dico che è un bene che a 18 anni tu sappia pensare con la tua testa. Ai miei tempi, e 18enni non erano a questo livello.

  33. Pingback: Conferenza di Mehran Keshe a Firenze il 17 novembre | Hearthaware

  34. L’Iran ha lanciato ieri una scimmietta nello spazio usando tecnologia CINESE. Lascio a voi trarre ogni implicazione. Personalmente mi rammarico di esserci cascato.

  35. “La gente crederà a qualsiasi assurda menzogna perché la teme o perché desidera ardentemente che si avveri, questa è la prima regola del mago.”

I commenti sono chiusi.