Galleria

Il processo di Ascensione


il-processo-di-ascensione-featIn molti circoli spirituali e metafisici presenti su tutto il pianeta si parla del tema dell’Ascensione alla quinta dimensione, su un più alto piano vibrazionale di esistenza.

L’Universo è come un vasto oceano di coscienza in cui ogni singola parte è interconnessa e si manifesta su livelli noti come “dimensioni“. Le dimensioni si sovrappongono l’un l’altra con vibrazioni decrescenti e nel loro insieme formano i “regni” o piani di coscienza.

È un po’ come guardare dall’alto uno stagno: quando un sasso viene lanciato nel centro, si formano delle increspature che si muovono verso l’esterno diventando sempre più grandi fino a formare delle onde sul bordo dello stagno stesso. Ogni increspatura rappresenta una dimensione. Più ci si allontana dal centro e più l’ampiezza delle onde diventa grande, quindi la loro lunghezza d’onda aumenta mentre la frequenza vibrazionale diminuisce. È esattamente la stessa cosa nel nostro Universo, più ci si allontana dal centro e più la frequenza vibrazionale diminuisce.

I portali dell’Ascensione

L’Ascensione è un processo evolutivo del tutto naturale attualmente in corso nell’Universo. È quel processo in cui un particolare sistema di vita eleva il suo stato vibrazionale da un regno energetico di esistenza, ad un altro più elevato. In parole povere, è come sintonizzarsi su una stazione radio di frequenza maggiore.

Il Maestro Asceso Djwhal Khul (noto anche come D.K. o “‘Il Tibetano”) ha detto che l’Ascensione è una sequenza di spostamenti o passaggi interni di coscienza che portano progressivamente ad uno stato vibrazionale dell’Essere più elevato. In definitiva, ci lasciamo la terza dimensione fisica densa alle spalle e continuiamo il nostro viaggio nel regno immediatamente superiore attraverso il nostro Corpo di Luce Spirituale.

Esistono cinque principali espansioni di coscienza che, attraverso portali interni, ci conducono all’Ascensione finale. Dopo averli introdotti brevemente nella pagina “Che cos’è l’Ascensione?“, vediamoli ora più da vicino.

Portale 1: Risveglio (o “Nascita”). Ci svegliamo per la prima volta alla presenza dell’Anima e alla sua quieta voce interiore, ed attraversiamo una turbolenta fase della nostra vita in cui potremmo provare uno o più sintomi del risveglio. Se stai leggendo questa pagina è molto probabile che tu abbia già varcato questa soglia.

Portale 2: Battesimo (o “Riallineamento”). La personalità rinuncia al controllo del sé inferiore e ascolta l’Anima. La spiritualità passa dall’essere un fatto di conoscenza intellettuale e di sapere mentale, all’essere un’amorevole pratica verso il prossimo.

Portale 3: Trasfigurazione. L’Anima si infonde completamente all’interno della personalità e si ha un cambiamento totale della percezione. La coscienza si volge all’interno e si distacca dagli oggetti esterni di cui necessitava per la sua espressione spirituale, abbraccia il misticismo e la multidimensionalità.

Portale 4: Illuminazione (o “Rinuncia”, o “Crocifissione”). L’individuo diventa completamente liberato da ogni interesse personale; da questo momento in poi la coscienza collettiva sarà al primo posto rispetto alla coscienza individuale. La spiritualità diventa una pratica di servizio verso il mondo.

Portale 5: Ascensione (o “Resurrezione”, o “Rivelazione”). L’Anima è completamente integrata nell’Essere e i suoi primi sette corpi di luce, suoi veicoli di espressione, si dispiegano. La monade spirituale irradia nel corpo fisico, i chakra si fondono e l’entità è liberata dal vincolo di permanenza fisica.

Una volta aver completamente purificato il corpo e la mente ed avere quindi un mezzo di espressione perfetto per l’Anima, possiamo aumentare la nostra vibrazione fino al momento in cui lasciamo il corpo, senza più alcuna necessità di tornare su questo piano inferiore di coscienza.

Questo sentiero difficoltoso e solitario è stato percorso in passato a livello individuale da quelle Anime radianti che abbiamo qualificato come Maestri Ascesi. Oggi tutta l’umanità è chiamata in massa a percorrere lo stesso sentiero. Lo stesso processo di passaggio di portale in portale (o di “iniziazione in iniziazione” come si usa dire in certi ambienti esoterici) che in passato richiedeva molte incarnazioni per il suo completamento, oggi ha le potenzialità per essere percorso in breve tempo, qualche decennio, anni o addirittura qualche mese, a causa dell’innalzamento vibrazionale planetario che catalizza e velocizza tutte le espansioni di coscienza individuali.

Sono tempi unici ed imperdibili per procedere nel proprio percorso di risveglio, crescita, riscoperta, consapevolezza. Al termine dell’Ascensione planetaria, Gaia avrà portato con sè coloro che hanno raggiunto la massima perfezione umana possibile in questa epoca, coloro che hanno sintetizzato in sè i mondi inferiori dell’esperienza, li hanno trascesi ed hanno abbracciato l’Unità dell’essere nella coscienza della 5D. Essi saranno la nuova massa di Maestri Ascesi.

Il viaggio interiore verso l’Ascensione individuale

Per la maggior parte delle nostre incarnazioni, l’Anima si perde all’interno del veicolo della personalità e si identifica con esso. Così noi crediamo realmente di essere la somma totale della nostra mente, del nostro corpo e delle nostre sensazioni/emozioni.

In questo stato, siamo in gran parte inconsapevoli che l’Anima rappresenta lo stato d’essere cui siamo destinati. L’anima rappresenta l’autentica espressione dell’essere che siamo destinati a diventare, ed è unica per ognuno di noi. Si può anche dire che il processo di Ascensione, in ultima analisi, riguarda ciò con cui ci identifichiamo di volta in volta. Ascendere vuol dire ogni volta, disidentificarci da energie psichiche inferiori, dominarle e ri-identificarci con le energie psichiche superiori che sono apparse in seguito all’espansione di coscienza.

All’inizio del sentiero sentiamo di avere dentro un’Anima. Al termine del sentiero, dopo esserci identificati naturalmente con la nostra Anima, realizzeremo che non abbiamo un’Anima, ma siamo un’Anima rivestita di un corpo. All’inizio del sentiero ci sentiamo esseri umani che fanno un percorso spirituale; al termine del sentiero realizzeremo che invece siamo esseri spirituali che attraversano un’esperienza umana.

La coscienza umana ordinaria. Una persona con un basso grado di consapevolezza si identifica con il mondo materiale percepito attraverso i sensi fisici. Ci si aspetta che una simile persona non sia addentro alcuna pratica o conoscenza spirituale, nè alcun percorso di autoesplorazione psicologica. Spesso non è neppure consapevole dei propri pensieri e delle proprie emozioni. La propria realtà di vita si manifesta davvero come una serie casuale di azioni-reazioni. Il nostro psichismo profondo è perlopiù subconscio e la nostra vita si svolge con il pilota automatico. Sono l’Ego negativo e la personalità che dominano la percezione della vita, che spesso è costellata di eventi negativi a cui reagiamo secondo la legge di sopravvivenza del più forte.

Verso il Risveglio. Ad un certo momento magico, ci risvegliamo all’energia dell’Anima e assaporiamo la “coscienza unitaria”, l’energia vitale universale che ci unisce tutti e porta con sé una meravigliosa esperienza di riconciliazione e riunificazione con l’Universo. Quest’esperienza è spesso così potente che molti pensano di aver raggiunto l’Illuminazione. In realtà questo è solo l’inizio, che può essere chiamato Risveglio, ed è accompagnato da alcuni sintomi. Leggi i Sintomi del Risveglio →

Questo processo è accompagnato da un’espansione di coscienza e spesso segnato da un qualche tipo di evento esterno che cambia la vita del soggetto. A questo stadio ci si identifica con i propri pensieri e le proprie risposte emozionali verso il mondo esterno. Ci mettiamo alla ricerca di conoscenze approfondite che possano soddisfare la nostra sete di domande esistenziali, filosofiche e spirituali. Poniamo meno importanza verso le questioni materiali, e ci disidentifichiamo gradualmente da esse. La percezione del nostro “io” si aggiungono le componenenti intellettuale ed emozionale, occasionalmente condite da qualche esperienza mistica. La coscienza 4D del Corpo Astrale comincia a fluire in basso e ad essere percepita coscientemente anche se episodicamente.

Verso il Battesimo. A questo punto, seguendo gli impulsi dell’Anima, tendiamo ad intraprendere un viaggio interiore che ci porta a scoprire i regni sempre più profondi della nostra natura spirituale, e ad espandere continuamente la nostra coscienza fino a quando la personalità non si arrende al governo dell’Anima. È allora che si passa attraverso il secondo Portale. È l’anima che ora guida lo spettacolo. Questa transizione viene spesso chiamata Battesimo.

A questo stadio iniziamo ad esplorare la nostra coscienza per gran parte del nostro tempo e cominciamo ad allentare i legami col mondo fisico. Questo processo è accompagnato anche da uno stimolo interno a purificare i veicoli del nostro sé inferiore: il mentale, il fisico e l’emotivo.

La personalità si prepara affinchè l’Anima possa infondersi completamente al suo interno. All’inizio di tale processo, potremo essere catapultati in uno stato di grande fermento. Sentiremo la bellezza divina dell’Anima che scorre attraverso di noi e spesso riceveremo scariche di energia molto potenti. L’infusione dell’Anima all’interno della personalità, porta in superficie eventuali distorsioni e squilibri interni della personalità stessa, dandoci la possibilità di cancellarli, guarirli e rilasciarli.

Potremmo avere violenti sbalzi d’umore e vivere una girandola di emozioni non sempre controllate. A volte potremmo sentirci molto vibranti e vivi, mentre altre volte potremo cadere in uno stato di profonda depressione. La connessione della nostra coscienza 4D con i veicoli della personalità 3D si perfeziona ed è ora continuativa.

Se resistiamo al cambiamento, questo processo potrebbe protrarsi a lungo e diventare molto destabilizzante nella nostra vita. Ci sembrerà di essere tirati in due diverse direzioni ad ogni momento. A questo stadio ci si identifica con i regni invisibili delle energie spirituali e con le realtà percepite attraverso i sensi interiori. La spiritualità vissuta come conoscenza e informazione, che potremmo aver sperimentato leggendo libri e partecipando a corsi in seguito alla fase del Risveglio, potrebbe affievolirsi e lasciare il posto alla sperimentazione della connessione con le altre persone e con il mondo in generale.

Ciò è conseguito tramite la riconnessione emozionale ed animica con la vita sperimentata come puro ed espansivo amore verso tutti. Il nostro senso dell’io non sperimenta più la spiritualità attraverso l’intelletto, ma si ricorda dell’Amore universale che è l’essenza dell’Anima e ci pemette l’Unità col Tutto. L’Amore Universale è ora focalizzato verso il mondo esterno, attraverso un senso di gentilezza e fratellanza verso le persone, la consapevolezza del supporto divino a tutte le forme di vita e la gratitudine verso la magnificenza di tutte le forme di natura.

Verso la Trasfigurazione. Alla fine, l’Anima si infonde completamente all’interno della personalità. Tale esperienza è stata descritta come molte cose: onde di amore incondizionato che scorrono attraverso il corpo; uno stato di beatitudine, di espansione e di unificazione con l’Universo; un fuoco di trasformazione interiore.

Può essere anche sentita come piuttosto destabilizzante – ad alcuni potrebbe sembrare infatti di trovarsi di fronte alla morte. Questo perché tutto il nostro quadro di riferimento per il mondo esterno è stato fatto a pezzi. La nostra identificazione con la personalità finalmente muore, il nostro Ego negativo china il capo e cede il comando definitivamente.

Ancora una volta è probabile che tutto ciò sia segnato e accompagnato da un cambiamento molto importante nelle nostre vite; e ancora una volta proveremo la sensazione del risveglio, di un incredibile risveglio, ancora più potente rispetto ai due precedenti. Abbiamo fatto un passo attraverso il terzo Portale, quello della Trasfigurazione.

A questo punto è probabile assaporare per la prima volta l’esperienza della coscienza non identificata (anche se a volte ciò accade prima). In altre parole “noi” – come l’assoluto – siamo liberi dalla personalità e in questo momento sentiamo fluire spontaneamente noi stessi attraverso l’Anima. Per la prima volta, potremmo sentirci chiaramente con un piede “qui” e un piede “là”, e avere delle improvvise intuizioni o visioni che ci fanno sapere con certezza che la realtà in cui abbiamo sempre vissuto è illusoria. È un profondo cambiamento nell’identificazione, è come sentirsi a cavallo fra due mondi.

A questo stadio, ci si identifica con le realtà multidimensionali dello spirito. Non più la spiritualità è intesa come nozionismo e conoscenza, non più la spiritualità è intesa come esplorazione e oggettivazione dell’Amore Universale verso il mondo esterno attraverso la connessione con i nostri fratelli: ora la coscienza si volge verso i mondi interiori dell’esperienza mistica, dell’intuizione e della contemplazione, mettendosi in uno stato ricettivo che permette la comunicazione col divino e le rivelazioni della verità universali. Il senso dell’io si accresce della consapevolezza della sua connessione con le dimensioni invisibili delle realtà spirituali. Percepiamo la nostra coscienza 4D in maniera perfetta, il Corpo Causale si potenzia e comincia ad affluire sporadicamente la coscienza 5D.

Dopo la trasfigurazione, un’ombra interna tende a formarsi nella personalità copiando le azioni dell’Anima come una eco. Non essendo ancora a nostro agio con l’esperienza della consapevolezza non identificata, abbiamo bisogno di un ancoraggio alla realtà illusoria che mette in discussione l’autenticità della forza e dell’azione diretta espressa per mezzo dell’Anima.

L’ombra può esprimersi in vari modi, ad esempio facendo sue le azioni disinteressate dell’Anima, richiedendo per esse una contropartita e rendendole perciò meno efficaci; non confidando negli interventi naturali dell’Universo, avendo così bisogno di controllarli; mettendo in dubbio l’esperienza di “Assoluto” quando questa arriva; trattenendo gli impulsi spontanei di azioni appassionate, in modo da opacizzarne il gusto; mettendo continuamente in discussione gli impulsi autentici dell’Anima; distorcendo o falsando un’azione autentica e causando così confusione e la perdita di pace interiore.

L’ombra imita le azioni spontanee dell’Anima distorcendo così il flusso naturale di energia e rendendolo meno efficace. L’ombra può essere estremamente difficile da individuare, scompare e riappare quando meno ce lo aspettiamo, scivolando rapidamente nel fondo della nostra psiche finché non la riconosciamo di nuovo.

Verso l’Illuminazione. Spesso sono richiesti interventi abbastanza estremi per poter separare l’ombra in modo da poterla riconoscere internamente e dissolverla. Questo è il motivo per cui a volte questo processo è chiamato Crocifissione o Rinuncia. Una volta completato tuttavia, si scivola in uno stato del tutto normale di percezione non identificata che avviene senza ulteriori drammi.

A questo stadio ci identifichiamo con lo spirito e la sua espressione in questo mondo. Non ci limitiamo più ad esplorare la nostra connessione con i mondi sovrasensibili ma ne esprimiamo l’esistenza nel mondo fisico attraverso la nostra presenza e il nostro servizio. Il senso dell’io non è soltanto multidimensionale in senso passivo, ma si attiva allineandosi con la Coscienza Universale e trova la strada per canalizzarsi nella realtà fisica del mondo attraverso pensieri, parole e azione cariche d’amore e di servizio. La percezione della separazione con gli altri svanisce. Non siamo altruisti nel vero senso della parola, perchè non riusciamo più a percepire la separazione fra noi e gli altri, siamo una cosa sola. la coscienza di 5D si perfeziona, ora è percepita con continuità ed integrata con le nostre dimensioni 3D e 4D.

Come ogni Anima, percorriamo il sentiero naturale che si dispiega a noi per affrontare e sciogliere eventuali distorsioni finali – Il nostro DNA a 12 filamenti è completamente riattivato. L’insieme di corpo e mente è diventato il veicolo perfetto di espressione per l’Anima. Siamo ora in grado di agire come canali pienamente coscienti per il Piano Divino di coscienza superiore. La frequenza vibrazionale del nostro veicolo fisico si eleva sempre di più, finchè non varchiamo l’ultimo portale. Quello dell’Ascensione. A questo punto abbiamo raggiunto il massimo livello di perfezione umana conseguibile in massa in questa fase dell’evoluzione cosmica; abbiamo risvegliato, integrato ed espresso pienamente la nostra coscienza di 5° dimensione e ne abbiamo fatto il baricentro del nostro essere.

Rilascio emozionale e pulizia energetica

Gli esseri umani sono in fase di transizione verso i regni dove possono meglio sperimentare la loro coscienza multidimensionale. Durante questa fase o ciclo d’Ascensione, mentre le nostre cellule cominciano ad assumere schemi e modelli relativi a frequenze più elevate, gli esseri umani sperimentano vari sintomi del Corpo di Luce. Leggi i Sintomi del Corpo di Luce →

L’Ascensione consiste nel portare gli strati di luce (Corpo di Luce), la forza esistente ai più alti livelli del nostro corpo spirituale, (Sè multidimensionale) facendo scendere questi strati nella materia e ancorandoli sul piano fisico della realtà. Contemporaneamente, l’Ascensione è anche un cambiamento dei modelli energetici di frequenza che, quando assorbiti e attivati negli strati del campo energetico umano, attivano e ricodificano lo schema del DNA. Leggi il Ruolo del DNA nell’Ascensione →

Questo catalizza e favorisce una catena di eventi che trasforma e trasmuta i modelli, i programmi e gli schemi energetici della coscienza multidimensionale. Quando riattivati, questi vecchi schemi energetici iniziano a spostarsi, riemergere e cancellarsi dagli strati di esperienze codificate nella memoria di ogni cellula.

Il processo di Ascensione sposta la nostra coscienza umana da una realtà ad un’altra e ci fa diventare consapevoli delle molteplici realtà che esistono contemporaneamente. Dal momento che una realtà è una dimensione, ciò che stiamo in sostanza intraprendendo è un completo salto dimensionale. Leggi le Dimensioni della coscienza →

Una realtà dimensionale è mantenuta in essere dalla complessa matrice energetica della Terra per creare l’illusione del tempo e dello spazio per le coscienze affinchè queste possano percepire e partecipare alle loro esperienze all’interno della banda larga di quella particolare frequenza. Quando le griglie dimensionali spostano la loro frequenza e cambiano i relativi attributi magnetici, tutte le cose che esistono in seno alla ‘realtà della banda larga’ dovranno anch’esse spostarsi e cambiare. I parametri che governano il tempo e lo spazio per come li conosciamo cambieranno; ciò significa che la nostra percezione e consapevolezza del tempo e dello spazio, dovrà anch’essa cambiare (cfr. con Immaginando le dimensioni →)

La coscienza della maggior parte delle persone è attualmente centrata sulla terza dimensione: hanno un corpo fisico e tendono ad essere in sintonia con le frequenze della terza dimensione. Poichè il Pianeta Terra sta ascendendo nella quinta dimensione, anche i suoi abitanti sono chiamati a farlo.

Per affrontare questo cambiamento ognuno deve preparare e adattare il proprio modo di pensare e di essere, in linea con lo scopo dell’Anima e con la vera essenza divina. “Rinuncia” e “Accettazione” sono due aspetti importanti di cui avremo bisogno per rendere il cambiamento più facile. Al fine di cambiare i comportamenti e i modelli di pensiero che non sono al servizio dello scopo dell’Anima, diventeremo consapevoli delle credenze e dei comportamenti che esistono come squilibri dentro di noi, e dovremmo prendere tutte le misure necessarie per integrarli o eliminarli.

Questo processo porterà in superficie le nostre paure più profonde, le nostre credenze limitanti e i nostri vecchi modelli di dolore attraverso gli eventi che li hanno attivati nella nostra coscienza in modo tale da poterli consapevolmente riconoscere, risolvere e guarire. Alcuni di questi problemi sono ancestrali o ereditati nella loro natura e possono essere sentiti come un po’ strani ma familiari quando vengono portati alla vostra consapevolezza. È importante ricordare che non stiamo solo ripulendo la nostra mente individuale, ma anche le implicazioni karmiche e le implicazioni della coscienza collettiva, che ancora esistono su questo pianeta.

Questo vi permette di riformulare e rielaborare le circostanze all’interno della vostra mente, per farle diventare impersonali e distaccate in modo tale da non farvi identificare più coi problemi specifici che sono risaliti in superficie, e in modo tale da cancellarli dai vostri corpi. L’apprezzare e il riconoscere la propria Luce è quindi importante più per questi processi di pulizia, piuttosto che per poterla semplicemente rivendicare come vostra. Facendo questo ripetutamente, ripuliamo il nostro corpo emozionale dai traumi di lunga data, dalle convinzioni obsolete e dalle paure che hanno ostacolato la nostra capacità di sperimentare il nostro vero “Essere” e di portare più luce nella nostra vita. Una volta che il corpo emotivo è stato liberato da un vecchio dolore o trauma, il corpo fisico quindi risponde eliminando l’equivalente di quel blocco.

Il rilascio emozionale è il processo principale che sperimenteremo e di cui saremo più profondamente consapevoli mentre saremo coinvolti nel processo di Ascensione. Poiché il dolore emotivo è il più comune dei nostri squilibri, ed è il responsabile della maggior parte degli stati di “disagio”, molti di noi sperimenteranno malattie o rilasci (sfoghi) fisici di dolore dal nostro corpo. Vedi paragrafo Il Corpo Emozionale →

Tutto questo accade simultaneamente. In effetti si tratta di una “pulizia e rilascio” degli eventi dolorosi trattenuti come modelli energetici nei corpi di luce, dal registro dell’Anima e dalla memoria cellulare. Una volta realizzato, è impressionante rendersi conto di come questo influisca la nostra esperienza umana mentre progrediamo!

La chiave è uscire dalla mente ed entrare nel cuore. In altre parole, lasciar andare i nostri attaccamenti e necessità di risultati nel dramma della vita esterna. Se siamo in grado di elevarci al di sopra di questa vittimizzazione autoimposta, allora scopriamo la vera essenza del nostro Essere-Spirito-Coscienza. Ogni singolo evento e circostanza nell’universo è stato progettato per rivelarcelo. L’Universo si comporta come uno specchio per mostrare che altrimenti non poteva essere visto. Quindi, se lasciamo andare le nostre paure e dubbi sulla vita, se lasciamo andare i nostri attaccamenti, allora il cuore si apre e cominciamo ad entrare in contatto con la vera essenza della vita. Sperimentiamo la semplice ed infinita gioia di vivere – tocchiamo l’Anima.

Quando questi modelli di dolore vengono rimossi dal registro dell’Anima, tale pulizia ricodifica il nostro DNA in modo che possa contenere più luce, e quindi sostenere la nostra nuova maggior frequenza, espandendo anche la nostra coscienza di esseri multidimensionali. L’anima ci connette ad un campo d’energia super-cosciente – quello che alcuni chiamano “Coscienza Unitaria”. È la consapevolezza che nasce dalla sorgente di tutta la vita – quello che alcuni potrebbero chiamare “Dio, l’Assoluto o la Sorgente”. Quando ci connettiamo con l’Anima, diventiamo un tutt’uno con l’energia che fa aumentare il nostro stato vibrazionale. Se rimaniamo in contatto, nel corso del tempo la nostra energia aumenta, la nostra coscienza si espande e cominciamo a dispiegarci nella nuova realtà vibrazionale.

Mantenendo questa maggior luce e questo pacchetto genetico avanzato all’interno del nostro campo energetico umano, permettiamo agli altri intorno a noi, attraverso il principio di risonanza, di vibrare a maggiore frequenza e di attivare il loro processo di Ascensione.

edited by Carthesio & Lòthlaurin featuring Lìndal
credits: www.openhandweb.org
www.nextdimensionhealing.com.au

Hearthaware blog

Progetto Ascensione
direct link → hearthaware | P-Ascensione | Il processo di Ascensione

Openhand Foundation – I 5 portali di Ascensione

« B2 »


Potrebbero interessarti anche…

Che cos’è l’Ascensione?

Sintomi del risveglio spirituale

Le dimensioni della coscienza

17 commenti su “Il processo di Ascensione

  1. “All’inizio del sentiero sentiamo di avere dentro un’Anima. Al termine del sentiero, dopo esserci identificati naturalmente con la nostra Anima, realizzeremo che non abbiamo un’Anima, ma siamo un’Anima rivestita di un corpo. All’inizio del sentiero ci sentiamo esseri umani che fanno un percorso spirituale; al termine del sentiero realizzeremo che invece siamo esseri spirituali che attraversano un’esperienza umana.”

    Questa frase racchiude tutto.
    bellissimo articolo

  2. LA VERA E NON INTERPRETATA PROFEZIA MAYA SUL 2012

    “La grande eclisse procurerà guai a voi della terra,
    verrà la fine dei cavalieri Giaguaro e l’inizio di una
    nuova era che sorgerà sulle ceneri della precedente. E sarà il tempo dell’incontro con i SIGNORI DELLE STELLE”

    LA PROFEZIA DELL’ANTICO EGITTO
    All’interno del libro dei Morti troviamo questa strana profezia: (la copio identica)

    ” Calcolando e tenendo in debito conto i giorni e le ore propizie delle Stelle di Orione e delle Dodici Divinità che le reggono, ecco che esse congiungono le mani palmo a palmo, ma la sesta fra esse pende sull’orlo dell’abisso nell’ora della disfatta del Demonio…..” (2700 a.C).

    “Secondo me non c’è nessuna ascensione, non almeno come certe frange di pseudo ricercatori o channellisti raccontano. Paccottaglia New Age senza senso e pericolosa perché illude le persone fuorviandole. La verità è che se non mettiamo in pratica quanto scritto nel vangelo non ne veniamo fuori. Impegno sociale, difesa della vita, sacrificio, tolleranza, umiltà. Tutta questa gente si sbaglia, solo la nostra condotta di vita ci farà ascendere, nessuna energia esterna, nessun salto quantico può fare quello che dicono queste persone. Avviene solo che se le nostre azioni non sono buone e altruistiche, questi cambiamenti ci faranno impazzire perché la nostra capacità di sopportarle è bassa se siamo egoisti, malvagi o indifferenti. Leggi chi è che si salva dalle parole di Gesù:
    31 Ora, quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria con tutti i santi angeli, allora si siederà sul trono della sua gloria.
    32 E tutte le genti saranno radunate davanti a lui; ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri.
    33 E metterà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra.
    34 Allora il Re dirà a coloro che saranno alla sua destra: “Venite, benedetti del Padre mio; ricevete in eredità il regno che vi è stato preparato sin dalla fondazione del mondo.
    35 Poiché ebbi fame e mi deste da mangiare, ebbi sete e mi deste da bere; fui forestiero e mi accoglieste,
    36 fui ignudo e mi rivestiste, fui infermo e mi visitaste, fui in prigione e veniste a trovarmi”.
    37 Allora i giusti gli risponderanno, dicendo: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare? O assetato e ti abbiamo dato da bere?
    38 E quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo ospitato? O ignudo e ti abbiamo rivestito?
    39 E quando ti abbiamo visto infermo, o in prigione e siamo venuti a visitarti?”
    40 E il Re, rispondendo, dirà loro: “in verità vi dico: tutte le volte che l’avete fatto ad uno di questi miei minimi fratelli, l’avete fatto a me”.
    41 Allora egli dirà ancora a coloro che saranno a sinistra: “Andate via da me maledetti, nel fuoco eterno che è stato preparato per il diavolo e per i suoi angeli.
    42 Poiché ebbi fame e non mi deste da mangiare, ebbi sete e non mi deste da bere
    43 fui forestiero e non mi accoglieste, ignudo e non mi rivestiste, infermo e in prigione e non mi visitaste”.
    44 Allora anche questi gli risponderanno, dicendo: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato, o assetato, o forestiero, o ignudo, o infermo, o in prigione e non ti abbiamo soccorso?”.
    45 Allora egli risponderà loro dicendo: “in verità vi dico: tutte le volte che non l’avete fatto a uno di questi minimi, non l’avete fatto neppure a me
    46 E questi andranno nelle pene eterne e i giusti nella vita eterna.

    Il cambio del DNA lo sta causando il sole ma se non ci prepariamo attraverso le azioni positive, che aumentano il nostro potenziale umano e spirituale, non avverrà nulla.

    COSA DOBBIAMO ATTENDERCI IL 21/12/2012?!
    Non aspettatevi nulla di eclatante il 21.12.12… non siamo in un FILM o a CAPODANNO… Però è l’inizio di un’Era (l’Era dell’oro) dove cambierà tutto: torna Gesù, ci sarà il contatto con le civiltà cosmiche e i potenti (NWO) cadranno. Ma ci vuole ancora del tempo, alcuni anni. Mi riferisco alla scadenza (6+6+6) dell’Anticristo:
    Inizia nel 1999 e termina nel 2017 “Il tempo di Caino”… profezia della stgmatizzata Teresa Neumann. Ma alla fine Dio può sempre cambiare le carte in tavola… SALUTI..😉 !!!

  3. Pingback: La sincronicità | Hearthaware

  4. Pingback: Sintomi e prodromi della separazione interdimensionale | Hearthaware

  5. Pingback: Reportage sulla Federazione Galattica di Luce | Hearthaware

  6. È un articolo meraviglioso! Leggendolo ho capito di essere passata per il secondo Portale. Ripensandoci era l’11/11! Mi sento proprio di dire che si è trattato veramente di un nuovo inizio…

  7. Pingback: Il Processo del Corpo di Luce | Hearthaware

  8. Pingback: L’alba su un Nuovo Mondo | Hearthaware

  9. Pingback: Non pensate alle realtà spirituali, vivetele! | Hearthaware

  10. Pingback: Il Ciclo d’Integrazione della coscienza in evoluzione | Hearthaware

  11. Sono capitato qui per caso, in cerca di risposte…
    Io cerco un aiuto, un consiglio.
    Ho letto l’articolo sul “risveglio spirituale” poi questo, sono anni che cerco qualcosa in cui riconoscermi e forse ora l’ho trovato…
    Da molti anni vivo la maggior parte dei “sintomi” di cui si parla in questi articoli e questo mi ha portato a vivere un profondo malessere, sopratutto emotivo…
    Ho provato diverse cose che mi potessero aiutare ad uscire da questa condizione… psicoterapia, antidepressivi, fiori di Bach, rebirthing, maniente è servito per poter uscire da questa condizione…
    La mia domanda è:
    se davvero di risveglio spirituale si tratta, quanto puo durare questo processo?
    E quali passi posso compiere per poter avanzare?
    Grazie

  12. Ciao Fabio, provo a risponderti io…🙂
    Let’s go… lascia andare… diventa testimone (osservatore) di te stesso senza identificarti nel tuoi malesseri, cercando di essere sempre “presente”…
    Se riesci amati più che puoi, distraiti, aiuta chi ha bisogno, accetta con serenità tutto consapevole che tutto è utile nostra evoluzione… ricambia tutto con amore… poi sii sempre ottimista… non sarà sempre così… ♥
    Un abbraccio
    Luna13 *

  13. Pingback: Sviluppo spirituale e disturbi neuropsichici | Hearthaware

  14. Grazie, articoli (mi sembra riduttivo, direi, meglio: saggi) molto esaustivi e chiari su tematiche complesse.

I commenti sono chiusi.