Galleria

Anche gli USA aderiscono al programma spaziale Keshe


di Mehran T. Keshe

Siamo orgogliosi di annunciare che oggi 15/11/2012 la nazione degli Stati Uniti d’America ha ricevuto la chiavetta USB contenente tutti i brevetti e i progetti dei reattori nucleari al plasma e della tecnologia spaziale della Keshe Foundation.
Diamo il benvenuto ai nostri fratelli americani nella famiglia del programma spaziale della Keshe Foundation e sicuramente raggiungeremo nuovi orizzonti con l’aggiunta del governo americano e della NASA alla nostra famiglia.

Nota

Dopo la mia lettera che offriva in dono il programma spaziale all’ambasciatore USA in Belgio, lo scorso ottobre, il 6/11/2012 alle 15:45 ho ricevuto risposta a questa offerta amichevole dall’ambasciata USA a Bruxelles.

Il contenuto della e-mail dell’ambasciata confermava che gli USA erano pronti ad accettare il dono del reattore nucleare al plasma e della tecnologia spaziale della Keshe Foundation e con un rapido scambio di e-mail è stato concordato un appuntamento come suggerito dall’ambasciata.

Oggi 15/11/2012 alle 15:00, nel luogo prestabilito, il direttore della Keshe Foundation e l’ufficiale superiore dell’ambasciata USA si sono incontrati in maniera amichevole e cordiale e la chiavetta USB con la tecnologia spaziale è stata consegnata in mano al governo degli Stati Uniti d’America.

Abbiamo offerto pieno appoggio agli USA e alla NASA per lo sviluppo e la distribuzione di questa tecnologia.

Con questo incontro e scambio di tecnologie nucleari speriamo di poter portare a conclusione la recente apparente animosità fra le due nazioni.

Dovremmo continuare su questa strada per portare pace nello spazio per tutte le nazioni.

Io, in qualità di direttore della Keshe Foundation e di scienziato nucleare iraniano, ringrazio Sua Eccellenza il presidente Obama per aver autorizzato una simile operazione alla sua ambasciata.

Nel nostro incontro abbiamo raggiunto e teso la mano alla pace da parte nostra a questa nazione e spero che per il presidente Obama la cosa sia reciproca, ora le barriere non hanno più senso con la distribuzione di questo nuovo programma spaziale e di questa tecnologia.

Ringrazio l’ambasciatore americano Sua Eccellezza Mr. Gutman per la sua presenza e sono sicuro che il prossimo passo verso la pace fra le due nazioni come desiderato dall’Iran prenda presto forma.

Cordiali saluti a tutti gli uomini di pace

M.T. Keshe
Direttore della Keshe Foundation

Fonte: removingtheshackles.blogspot.it
Traduzione italiana: Lòthlaurin per Hearthaware blog
Reblogging link → hearthaware | Anche gli USA aderiscono al programma spaziale Keshe

35 commenti su “Anche gli USA aderiscono al programma spaziale Keshe

  1. Qualcuno ha ancora dubbi sul fatto che Keshe è un pupazzo dell’elite?
    Se si allora suggerisco l’approfondimento del fenomeno che va sotto il nome di “dissonanza cognitiva”.

  2. La lettera ha un tono formale come di consueto nelle interazioni con la stampa. Ma come ho avuto modo di dire da altre parti, questa “apertura” verso i governi, se da una parte é stata resa necessaria per intraprendere una strada trasparente di diffusione dei progetti e per non rientrare nei cosiddetti nemici dell’umanitá, dall’altra la vedo molto poco chiara verso la maggioranza della popolazione mondiale che non é a conoscenza di questa tecnologia. Tuttavia la fondazione Keshe sta iniziando, credo, a pubblicizzare la cosa ed in Italia c’é un appuntamento importante in tal senso a Firenze proprio domani (17 Novembre). Dovrebbe essere una conferenza per gli addetti ai lavori poiché i curiosi dovrebbero sborsare 50 euro per il biglietto… Attendiano il tempo necessario per una diffusione piú capillare, non c’é altro da fare.

  3. Sono assolutamente stupefatta dell’improvviso (e inaspettato) cambio di tendenza nei rapporti fra gli USA e la Fondazione Keshe. Forse ha a che fare con i recenti numerosi “cambi al vertice”?
    Adesso l’Ing. Keshe non avrà più problemi a dare dimostrazioni pratiche della sua tecnologia, no?

  4. Speriamo… ho un po’ una strana sensazione: in generale credo che non ce la danno cosi facilmente quella plasma. Ho chiesto uno della forza gerarchica Oscura – era educato e ha risposto che non ce la danno no adesso. Spero che mi sbaglio ma il loro scopo é provocare la ribelione di massa. L’ho visto chiaramente… provate a prendervelo da soli. Scusa Lòth ma non riesco a stabilire una linea temporale diversa pare che sono stati piu furbi di noi ma non c’era altra possibilità bisognava consegnare la chiavetta ai rappresentanti del governo da noi eletti. La legge é quella.

  5. Finalmente ora si può sperare a brevissimo tempo che il mondo cambierà… non so se la previsione Maya… o chi altri avevano previsto il cambiamento.. .ma certamente ora vi è la certezza che non finirà il mondo, ma finirà la dittatura della finanza, dei petrolieri, dei potenti gestori del potere, assassini della vita altrui, ora tutti dobbiamo attivarci verso i governi per il vero sviluppo di pace ed amore e la realizzazione delle fantastiche ed incredibili tecnologie dell’ing. Keshe… da oggi inizia la nascita del mondo e la morte del potere… divulgate a gran voce a tutti…

  6. A me fa molto paura una tecnologia cosi in mano agli americani…
    Molto più che non in mano ad altre nazioni belligeranti.

    • Ho sentito che loro l’hanno da un bel po’, era solo un atto di ridicola cortesia nei confronti dell’opinione pubblica. Anch’io ho paura… Poveri umani, poveri noi.

  7. Salve, da quello che so io per i prossimi 300-400 anni sono anni di distruzione del vecchio e l’inizio piano piano del nuovo. Il nuovo il detto è “Luce, Amere… Potere questa è la Via” Il Potere visto sotto un’ottica diversa di quello che è realmente porta al primo impatto di Autorità. Pertanto presumo che ci potrebbe essere tanta gente ai vertici che eserciterà proprio questo Autorità e probabilmemnte Dittatura. L’Umanità ha 2000 anni per sistemare e capire meglio che cosa è veramente il Potere inteso come Cambiamento (Distruzione del Vecchio). Keshe o non Keshe l’Umanità andrà avanti. Sarà vero o falso noi andremo per la nostra Via, la Nuova. Quello che è certo che le cose come sono adesso non lo saranno fra qualche anno. A vedere in giro c’è tanta tecnologia che con il pensiero con l’aiuto di tecnologia non quella di Keshe si riesce a fare muovere oggetti. Se è vero quello che dice Keshe ed è attuabile per l’Umanità allora benvenuto Keshe. Se non è vero ripeto noi andremo avanti anche senza Keshe. Un saluto.

  8. Ma in America non avevano trovato giacimenti di petrolio consistenti?
    E una tecnologia “Free Energy” non andrebbe in conflitto con i loro introiti economici?
    Il fatto che abbiano accettato di esaminare la tecnologia Keche non significa molto per ora! Forse ci vorrebbe una forte pressione e quindi una maggiore informazione da parte degli utenti finali, cioè noi, gli Americani, gli abitanti della terra? Una forte pressione per far cambiare le cose?

  9. Anche a me preoccupa tale tecnologia in mano agli americani… ho una strana sensazione…
    Per ora non possiamo fare altro che attendere gli sviluppi… ma in Italia come stiamo proseguendo? La interrogazione parlamentare poi?? Sempre tutto così fumoso…
    Più che la fine del mondo dovrebbe arrivare un cambio di era per la umanità…
    A prescindere dalla tecnologia di Keshe, credo che dovremo lavorare di più su noi stessi…
    Buona vita a tutti!

  10. Potrebbe essere il piano B della falsa federazione galattica;
    potrebbe essere il nuovo matrix 4D, di apparente benessere.
    mi auguro di no.

    teniamo sempre gli occhi aperti.

  11. Trovo troppi pessimisti. Io direi che Obama sta iniziando il suo lavoro. Mercoledì ho visto la conferenza stampa in diretta e c’è stata più di un’apertura all’Iran, il giorno dopo acquisiscono questa nuova tecnologia. Io penso che siamo verso un nuovo inizio. Abbiate fiducia e non pensate solo a complotti ed inganni!!!!

    • Salve Alberto, io oggi ho visto che i fondamentalisti islamici appoggiano la Palestina. Vogliono la capitale Gerusalemme aperta agli ebrei e ai palestinesi. Questo piano fu studiato dal priorato di sion tanti anni fa e se ne parla nel libro il Santo Graal di Baigent, Leight e Lincoln edizioni Mondadori. Pertanto noi occidentali ci siamo alleati a persone che adesso sono amici ma quando avanno fatto quello che devono fare questi fondamentalisti ce li troveremo contro i fondamentalisti sono come i nazisti. Ripeto noi occidentali ci dobbiamo alleare con i Sufi che è un popolo di Luce da tanti millenni. Stiamo sbagliando le alleanze. Mi fermerei qui. Un saluto.

  12. Potrebbe essere anche così.
    Ma un informazione, non ricordo dove l’ho letto, ma mi suona strano:
    avevo letto che Obama avesse un Serafino, incarnato in sè… mi stona un po’.
    E continua a sembrare o fare la marionetta, solo perchè il Serafino in lui, non si è ancora risvegliato… (StarSeed di Serafino di Prima ondata, non ancora risvegliato?)

    Be’… siamo in un Universo dove tutto può accadere…

  13. …anche a me puzza di bruciato… molto
    è completamente pilotato… secondo me fa parte del programma di controllo di massa

  14. Quando in principio l’uomo inventò la prima arma, non lo fece certo per offendere, ma, semplicemente, per agevolarsi nel lavoro della caccia… dopo comprese che con la stessa poteva ferire e/o uccidere un altro uomo… L’invenzione nata per aiutare l’uomo, divenne presto la sua condanna. La stessa storia fu seguita per innumerevoli invenzioni, dalla moneta al fuoco o all’elettricità… Nessuno ricorda le parole dello stesso Mr. Keshe quando, pubblicizzando le sue “creature” ed il suo invito alla pace, avvertiva che le stesse (creature) poteva avere un effetto devastante se l’uomo non avesse imparato ad usarle per il bene e non per il male? Se dovessimo seguire il principio del pensiero creativo non posso fare altro che continuare a pensare in positivo, l’uso in negativo avrebbe effetti drammatici per il futuro dell’uomo e del nostro pianeta.

    • Salve Dario, nel libro Bhagavad Gita così com’è Sua Grazia l’autore racconta che circa 5000 anni fa sul Pianeta Terra ci fu una grande guerra e furono usate armi che noi adesso non siamo ancora in possesso. Nei primi tre libri di Adea edizioni due Maestri incarnati per il compito di questa Era raccontano che a seguito di una caduta morale del Pianeta circa 5000 si rese necessaria l’invio su questo Pianeta da parte della Gerarchia Occulta di un Maestro che doveva mettere a posto la Legge Solare e bilanciare il Principio Maschile con quello Famminile. Questo Maestro si chiamava Krishna. Quello che è successo allora provocò danni da altre parti dell’Universo e siamo sempre sotto controllo. Se adesso andiamo avanti con la tecnologia e diventiamo pericolosi per noi e per altri ci saranno Esseri che faranno in modo che questo non succeda più. Mi fermerei qui. Un saluto.

    • E tu Dario c’eri al principio?
      Perchè per me non è affatto ovvio cio che dici, anzi…
      non puoi sapere se ha inventato la pietra scheggiata per aiutarsi ad ammazzare il suo rivale, che magari gli stava rubando il cervo appena ammazzato con altri sistemi piu spartani…

  15. Vorrei un attimo staccarmi dalle ipotesi dell’immaginazione e analizzare i fatti che da sempre parlono di più che infinite parole parole parole…

    Allora tra Palestina e Israele è scoppiata la guerra e io mi ricordo che in una intervista il Sig. Keshe sosteneva che era in grado di fermare i missili. I fatti attuali però descrivono una situazione diversa e cioè che mentre i missili volano la fondazione viene in Italia per pubblicizzare tra altro la vendita dei suoi generatori che sono tutt’altro che economici.

    5000€ di spesa iniziale non sono pochi considerando che per consumare 5000€ di corrente elettrica in taglio residenziale cioè 3-4kw servono mendiamente dai 3 ai 5 anni di fatture. Poi non è finita qui perchè oltre all’acquisto vi sarà anche una manutenzione annuale di 100€. Ora non è tanto la necessità di manutenzione che è problematica quanto alla spesa di acquisto e la poco chiara indipendenza dalla rete elettrica. Si perchè anche se con 3-4kw ci si potrebbe staccare dalla rete elettrica, si diventerebbe dipendenti di qualcuno che non spiega nulla del funzionamento della tecnologia sino ad ora non ha presentato NULLA dico NULLA che ne dimostri il reale funzionamento. Dice che non è qui per vendere, però lo fa e secondo me a caro prezzo.

    Ora mi piacerebbe sapere se quelle persone che vogliono comprare questo generatore lo riceveranno veramente. So che qualcuno di questa redazione in una intervista, voleva comprarlo ma non glielo ha venduto. Mi piacerebbe sapere il perchè.

    Insomma per le sopracitate controversie, continua a sentire puzza di bruciato. Spero di sbagliarmi.

  16. Da come si evince, essendo stati dati al governo italiano i brevetti, è una cosa statale;
    cioè pubblica cioè un servizio che, previo tasse (si mette una tassa di tipo 10 euro al mese a tutti i contribuenti) che servono a pagare le fabbriche che producono i generatori e i manutentori; elargiscono il servizio al territorio nazionale.
    Quindi, visto che non sono capace di spiegarmi bene:
    l’Italia paga con le tasse le fabbriche che producono i generatori;
    io compro il generatore a 5000 euro (magari costa cosi ora, ma non è stata la stessa cosa con i generatori di Tesla? Poi se va veramente in giro la cosa, si appianano i prezzi, e cmq la tecnologia puo essere sviluppata e per qualche anno sto in fase di ammortizzazione;
    poi tutto a rendere per me, e per tutti quelli che lo hanno; indirettamente a tutta la natura (no petrolio, no gas, no carbone, no nucleare ecc…

    P.S.: mi sembra anche normale una fase di una decina di anni di transazione, perchè se è vero ciò che promette, poi davvero si evitano tutte le altre fonti energetiche.

  17. No aspetta Alberto. Sono d’accordo sulla necessità di tutelarsi brevettando l’apparato ma nun generatore da 3-4kw non è un generatore da mettere in una centrale di distribuzione elettrica. Per il prezzo è possibile che possa calare ma può anche aumentare ma prendiamo l’esempio degli impianti fotovoltaici, in questi anni di quanto sono calati? Ok la resa per metro è aumentata ma a parità di kw si spende meno. La quasi totalità degli istallatori di impianti fotovoltaici straguadagnano sulle istallazioni perchè il cliente è convinto e contento di riprendere circa la metà della spesa in 10 anni. “tanto con le sovvenzioni recupera il 55%” come se i soldi da spendere non fossero da spendere. Provate a informarvi se potete a cosa costa fare un impianto di questo tipo in Ggermania o Spagna o altri paesi poi ne riparliamo. Si capisce da subito perchè l’Italia è il paese dei furbi… o scemi.

  18. Pensi in un ottica capitalistica.
    Se sta roba esiste e funziona, non sono affatto sicuro che la logica capitalistica sia ancora una realtà possibile al mondo.
    Il capitalismo si fonda sulla truffa, e sull’energia; e mentre la seconda è reale, la prima è subordinata, ancor più se l’energia è libera come si prospetta che sia…
    (tuttavia non sono per niente sicuro che sia usata a fin di bene, per ora, visto che non abbiamo in mano nulla ancora, la penso negativamente)

  19. Penso con la logica attualmente utlizzata da coloro che hanno ricevuto la tecnologie e cioè aziende e governi. Se voleva renderla veramente libera, semplicemente consentiva a tutti di riceverla. Anche chi magari non ci farà mai nulla. Ma proprio perchè sarebbe stata disponbile a tutti il potenziale sarebbe stato enormemente maggiore. Come il concetto Open Source per il sofware del resto. Mi sembra che il concetto sia palese. Solo il tempo dirà come andrà a finire.

  20. Sicuro, io non difendo ne accuso Keshe sto 50\50
    Forse l’aver fatto cosi significa restare in vita e non avere nessun nemico, ma tutti potenziali amici, perchè sono sicuro che qualche segretuccio se lo tiene per sè🙂

  21. Il 21 settembre Keshe ha ospitato una conferenza nella quale era presente, in qualità di co-relatore il Dr. Meyl.

    Sentite cosa dice costui tra il minuto 25:56 e il minuto 31:13

    “Sappiamo che l’industria dell’energia del mondo di oggi è molto conservativa quindi guadagna con l’energia di oggi e l’unico limite è quando faticano a sopravvivere, finchè il sistema odierno funziona loro non vedono la necessità di cambiare tecnologia. Questo è un problema, MA NON POSSO DIRE CHE L’INDUSTRIA SIA CONTRO QUESTE NUOVE IDEE.

    Stanno ancora guardando a quello che faccio, hanno discusso con me e tra loro e il problema è che uno di loro deve partire per prima e non so chi sia.
    Se la prima compagnia usa la trasmissione di energia wireless, specialmente, come esempio per l’auto elettrica, per ricaricare le batterie o persino per inviare energia all’auto che non necessiterà di batterie o si, ma solo per accelerare, se con la corrente la fanno partire, nella media occorrerà meno energia, allora potremo ricaricare le batterie, ma non servirà batteria per 500 miglia o più.

    Questa può essere una soluzione, ma la questione è chi sarà il primo. Se uno parte allora seguiranno tutti. Al momento se ne discute, specialmente per la trasmissione, se vogliamo usare un sistema per il mondo intero, serviranno enormi trasmettitori di MegaWatt e quindi contratti con chi guida le auto in Europa, quindi America, quindi Giapponesi e Russia etc.

    Questo mostra che se avete un enorme impianto energetico, usato di continuo, allora avrai molti acquirenti e in media l’energia è sempre la stessa circa, questo dobbiamo raggiungere, non serve molto cambiamento, comunque sia sale e scende.

    Se abbiamo moltissimi utenti allora è meglio per chi trasmette e produce.
    Cosa diciamo dell’enegia distribuita, non è la direzione in cui dobbiamo andare?

    Le linee di campo finiscono sempre dal ricevente, se l’auto si muove si muovono in automatico le linee di campo, col ricevente, col carico, quindi non c’è influenza, non devi dirigere il segnale, è diretto dal ricevente, se il ricevente va in risonanza allora hai la direzione, il problema è che serve un sistema che modula la potenza, IN MODO CHE SOLO CHI PAGA OTTIENE L’ENERGIA.
    SERVE UN SISTEMA DI PAGAMENTO.

    Come pagare e organizzare, se ci sono concorrenti, hai la scelta se usare il Gas della Siberia o ol calore dal terreno in Islanda o Canada o in Alaska o dal deserto di giorno hanno abbastanza energia solare quindi abbiamo molte sorgenti dall’ambiente e l’unico problema è come trasportarle e il sistema wireless sarebbe perfetto.”

    Chiaro?
    Niente energia gratis ma semplicemente il perpetuarsi dell’oligopolio attuale che cambia fonti energetiche e sistema di distribuzione.

    Cosa ci fa Keshe con questo novello “Dottor Stranamore” che sostiene da avere una ventennale collaborazione con industrie e governi e che afferma che Tesla vendette tutte le sue invenzioni al governo americano per una montagna di dollari?

    Non si capisce, certo è che continua a fare dichiarazioni che si contraddicono e si smentiscono l’una con l’altra.
    Prima dice che questa tecnologia appartiene alle persone poi dice che la darà ai governi ma prima ancora dice che della sua gestione se ne occuperà un consiglio composto da (soli) tre membri di cui uno è un istituzione religiosa ed un altro è uno scienziato scelto da un istituzione religiosa tra una rosa di altri scienziati selezionati all’uopo dai leader religiosi del mondo.
    Prima dice che ci sarà il trasferimento agli scienziati poi fa una semplice conferenza nel frattempo però intanto è iniziato il programma spaziale africano.
    Prima dice che inizierà a consegnare i generatori, a quanto pare GIA’ venduti, ad una certa data poi dice che a quella data ci sarà solo la dimostrazione del loro funzionamento.
    Prima dice che ha aiutato il governo iraniano a catturare un drone americano e che gli ha fornito tutta la tecnologia necessaria per scongiurare un eventuale attacco e poi se ne esce dicendo che non ha mai collaborato col governo iraniano.

    Prima dice che il governo americano, tramite un famigerato quanto estremamente vago Ordine Esecutivo firmato da Obama, ha messo fuorilegge la sua tecnologia e poi dice che questo ha “accettato il dono” e di avergliela consegnata.

    E infine l’ultima intervista che è un susseguirsi continuo di frasi a metà a cui si possono dare i significati che si vuole e una caterva di “non ho qui i documenti… ehm ehm… non sapevo che me li avreste chiesti…” ertc. etc :

    A me tutto questo non pare casuale bensì inserito in una sofisticata opera di manipolazione della comunicazione che ha il semplice scopo di abbassare la soglia del pensiero critico di coloro che si approssimano alla questione.

    Dapprima, attraverso una comunicazione di altissimo livello, è stato creato un fortissimo “imprinting” positivo verso Keshe e la sua tecnologia.
    Successivamente sono cominciate, GRADUALMENTE, le reticenze, le nebulosità, le contraddizioni che sono state tutte, in qualche modo “digerite”, ossia razionalizzate e rimosse pur di preservare quell’innamoramento iniziale al quale i più non vogliono assolutamente rinunziare.

    Un fenomeno abbastanzo noto nella comunicazione che va sotto il nome di “Dissonanza Cognitiva”

    • La Federazione Galattica di Luce colpisce ancora! Tra le loro principali promesse non c’era forse quella del rilascio a breve di tecnologia libera? Nel loro solito modo e per le solite finalità…

      • Amore Mnemosyne sei grande che hai messo quell’intervista. Insegnando i principi della psicologia comportamentale tutti gli psichiatri ci insegano che una persona guardando a sinistra mentre parla usa lato destro del cervello, responsabile del pensiero creativo. In poche parole usava, molta fantasia… con ciò raccontava BUGIE… Questo lo sanno tutti, polizia, carabinieri e noi all’ospedale. Una persona che guarda verso sinistra mentre parla é poco attendibile. Fate la prova a casa: vi sarà molto difficile raccontare le balle guardando verso destra… Non ha fatto neanche la fatica di nasconderlo… Vergogna. Vedete nel filmato quando guarda a destra solo quelle frasi sono vere.

    • Cara Agamica, l’intervista non l’ho messa io, l’ha messa Gepppo Il Folle, con il suo commento che ho apprezzato tantissimo – complimenti Geppo!

  22. Ciao Lòth, il sito che hai linkato, mi da “Page non found” non riesco ad accedere al sito: o è un problema del mio pc, o è stato rimosso dai soliti noti… A conferma, che non vogliono farci sapere che Keshe potrebbe essere, in realtà una bufala dell’elite…
    un pensiero mio, con un ciao da Tuli.

  23. Grazie… sapete, sotto sotto, desideravo fosse stato davvero rimosso… almeno ci sarebbe servito come catalizzante, per capirci meglio sulle intenzioni di Keshe.

  24. A questo punto rinnovo ulteriormente la mia cusiosità nel conoscere ciò che è stato discusso il 17 Novembre a Firenze. Ma deve essere estremamente neutrale e SINCERO altrimenti vale poco.

I commenti sono chiusi.