Galleria

Grandi discorsi di grandi presidenti


Vi presentiamo in questo post due recenti grandiosi discorsi pubblici di altrettanti presidenti di nazioni sudamericane. Stiamo parlando di Josè “Pepe” Mujica, presidente dell’Uruguay, e di Evo Morales Ayma, presidente della Bolivia.

Gli 11 minuti scarsi del discorso di Mujica sono quanto di più emozionante si sia mai potuto ascoltare da un capo di stato. Va premesso che, quanto a dimensione umana, il presidente uruguaiano è molto sui generis: dopo aver trascorso in carcere 15 anni per la sua militanza nei Tupamaros in opposizione al regime dittatoriale, è oggi noto come il “presidente più povero del mondo”: all’età di 77 anni, vive in un antico casale senza acqua corrente a pochi chilometri da Montevideo, è vegetariano, guida questa vecchia auto e devolve in beneficienza il 90% del suo stipendio di 7.500£, trattenendo per sè soltanto circa 500£, che gli servono per vivere. Gianni Tirelli di www.oltrelacoltre.com recensisce così il suo discorso:

Un discorso che rimarrà nella storia per la sua semplicità e la sua profondità di vedute. Esiste il bene al mondo e vale la pena di combattere per esso. Il discorso che vorremmo ascoltare da ogni politico. Il Presidente dell’Uruguay Josè “Pepe” Mujica tocca i cuori con la sua semplice, inoppugnabile, coraggiosa verità. È l’uomo che governa il mercato o il mercato che governa l’uomo? Un discorso che passerà alla storia.

Da par suo, il presidente Boliviano Evo Morales ha invece deciso di cantarne quattro direttamente alla 67° Assemblea Generale dell’ONU. Dopo aver tenuto la parola per una quarantina di minuti, ha concluso il suo discorso ufficiale ai capi di stato di tutto il mondo citando la scadenza del 21 dicembre 2012, la data a partire dalla quale – calendario Maya alla mano – non ci sarà più spazio nel mondo per l’odio, l’egoismo, l’inquinamento e il potere economico oppressivo. Cliccando sull’immagine, potete seguire il discorso integrale in lingua spagnola, di cui abbiamo tradotto sotto la parte conclusiva a partire dal minuto [31:24].

UN67-Evo-Morales-speech

“Desidero invitarvi ad un incontro internazionale il 21 dicembre di quest’anno. Un invito per accogliere un ciclo di armonia per la madre Terra e tenere un dibattito virtuale e dal vivo sui seguenti argomenti:

  1. Crisi globale del capitalismo;
  2. Crisi della civiltà, governo mondiale, capitalismo, socialismo, comunità e cultura della vita;
  3. Crisi del clima, relazione dell’essere umano con la natura;
  4. Energia, energia della comunità, energia del cambiamento;
  5. La consapevolezza di Madre Terra;
  6. Ripristino e recupero dei costumi ancestrali, naturale calendario cosmico;
  7. Vivere bene come soluzione alla crisi globale, perché noi affermiamo ancora una volta che possiamo vivere meglio solo se non saccheggiamo le nostre naturali risorse. Si tratta di un dibattito profondo che mi piacerebbe avere con il resto del il mondo;
  8. Sovranità alimentare e la sua sicurezza;
  9. L’integrazione, la fratellanza, la comunità, l’economia, la complementarietà, il diritto di comunicazione, apprendimento comunitario, il nuovo essere umano, l’approccio olistico, la fine del patriarcato, la conoscenza di sé, il risveglio e ovviamente la salute, che è così importante.

E vorrei dire che, secondo il Calendario Maya, il 21 dicembre segna la fine del tempo e l’inizio del non-tempo. È la fine del Macha e l’inizio del Pacha. È la fine dell’egoismo e del della fratellanza. È la fine dell’individualismo e l’inizio del collettivismo, il 21 dicembre di quest’anno. Gli scienziati sanno molto bene che questo segna la fine di una vita antropocentrica e l’inizio della vita biocentrica. È la fine dell’odio e l’inizio dell’amore. È la fine della menzogna e l’inizio della verità. È la fine della tristezza e l’inizio di gioia. È la fine della divisione e l’inizio dell’Unità.

Come delegati, abbiamo l’obbligo di far fronte alla responsabilità e questo significa porre fine al sistema di potere. Non è più il momento di decantare le lodi del potere. È venuto il tempo delle persone, il momento di liberarle e di perseguire costantemente l’uguaglianza economica e sociale fra tutte le persone. Questo è il momento di portare dignità a tutti gli abitanti del pianeta.

Hearthaware blog

Grandi discorsi di grandi presidenti

Reblogging link → Hearthaware | Grandi discorsi di grandi presidenti
Credits: www.you-ng.itwww.stankovuniversallaw.com

4 commenti su “Grandi discorsi di grandi presidenti

  1. Carissimo e amato blog, il discorso del presidente Mujica è davvero commovente, vi scrivo ancora con le lacrime agli occhi e vi ringrazio infinitamente. Questa è una perla preziosa in un mare di catrame e spero che discorsi come questi possano farsi sentire sempre più spesso anche da altri, anche chi fa finta che non stia succedendo nulla, in cuor suo sa che È IN ATTO IL CAMBIAMENTO, ogni giorno che passa si sente sempre di più e l’umanità ha bisogno di discorsi come questo che fungano da “scuotimento” per chi ancora copre i propri occhi.

    Un carissimo abbraccio con tutto il mio cuore🙂

  2. Pingback: Grandi discorsi di grandi presidenti | Alleanza

  3. Commossa, non ho parole e col cuore esprimo al presidente Mujica, rispetto, ammirazione, ascoltarlo e guardarlo è stata una gioia, come quando ci si trova ad ammirare quella parte di cielo oltre le stelle, o un bambino in tutta la sua innocenza… e lo stupore diventa amore…!!! “<3"

  4. Grazie di aver riportato questo meraviglioso discorso… un presidente che parla della felicità… della dignità… Grande UOMO, sono commossa, vorrei che tutto il mondo potesse ascoltarlo… lo farò leggere ai miei figli, ai miei amici!!!

I commenti sono chiusi.