Galleria

Il 21 dicembre secondo il calendario Maya


Maya-featVi presentiamo questo articolo scritto da Marco Fardin, studioso del calendario Maya e allievo italiano del prof. Carl J. Calleman (già citato nel nostro post “La timeline catastrofista e quella positivista a confronto“). Il testo prende le mosse dal confronto con gli studi di del dott. Stankov (che potete rileggere qui) distaccandosene per una diversa interpretazione. Molto più distante sembra essere invece la posizione del calendario Maya rispetto alle canalizzazioni di Cosmic Awareness.

Il motivo di interesse di questo articolo è duplice: in primo luogo, uno studio comparato delle fonti permette di ampliare i propri orizzonti e la propria conoscenza dei fatti, specialmente se fatto in maniera accurata e approfondita come in questo articolo.

In secondo luogo, le divergenze più o meno marcate risultanti dalla comparazione ci danno l’occasione di prendere contatto con la nostra REFERENZIALITÀ ESPERIENZIALE INTERNA, basata sull’esperienza e non sulla conoscenza. Se abbiamo avvertito dei recenti cambiamenti in noi stessi, negli altri e nel mondo in corripondenza di certe recenti date significative (il 21 novembre o il 12 dicembre, ad esempio) sarà questa nostra percezione che ci guiderà come una bussola interna nel praticare il discernimento riguardo alle fonti con cui ci confrontiamo, distaccandoci progressivamente dalla costruzione di una nostra realtà personale basata sulla sola REFERENZIALITÀ INFORMATIVA ESTERNA.

Molti di noi sentono nel loro profondo già da tempo quale sia la propria verità e la propria strada. E le cose si stanno amplificando ogni giorno che passa. Siate allora voi stessi – come esseri spirituali quali siete – a predervi la responsabilità di questo: non delegatela a nessun altro, nemmeno ad un blog.

Come diceva Buddha:

Non crediate in una cosa semplicemente perchè è stata detta;
Non alle tradizioni perchè sono state tramandate fin dall’antichità;
Non alle dicerie, come tali;
Non agli scritti dei Saggi, solo perchè ne sono gli autori;
Non a fantasie che presumiamo ispirateci da un essere spirituale;
Non a deduzioni tratte da qualche nostro accidentale assunto;
Non in ciò che appare quale necesità analogica;
Non nella sola autorità dei nostri istruttori o maestri.

Crediate soltanto quando scritti o dottrine o detti vengono corroborati dalla vostra ragione e dalla vostra coscienza. Per questo io vi ho insegnato a non credere semplicemente perchè avete udito, ma quando credete secondo la vostra coscienza agite allora in conformità ed in pienezza.

Perchè, davvero, la Verità è già dentro di voi. Ed è l’unica cosa che conta ora.

Lòthlaurin

maya-calendar-painting-bannerdi Marco Fardin

Catastrofismo: circa un miliardo di persone rimarrà sull’attuale pianeta di 3 dimensione (Terra B), che continuerà a peggiorare, sino a diventare un vero e proprio inferno; dal 29 al 38% degli abitanti della Terra vivranno in un pianeta di 5 dimensione, una sorta di Paradiso, nell’Unità (Terra A); le restanti persone vivranno in uno stato intermedio di scelta (Terra A/B). Queste sono le intuizioni di Georgi Stankov, lo scienziato bulgaro, nato nel 1951, che porta avanti da anni una visione molto particolareggiata dell’ascensione, che dovrebbe avvenire il 21 dicembre 2012 (cito Stankov per l’onestà intellettuale di non dedurre le sue teorie dalla presunta fine del mondo del Calendario Maya). Credo che Stankov abbia in un certo senso visto giusto, ma attraverso il filtro del materialismo. I tre stadi di cui parla, le tre dimensioni (fisiche) – che corrispondono nella sua teoria all’età animica delle persone – sono i possibili allineamenti, oggi completamente a disposizione dell’umanità, con i tre ultimi livelli di Coscienza decodificati dal Calendario Maya profetico: il 7° (Planetary Underworld), ovvero il materialismo; l’8° (Galactic Underworld), ovvero l’olismo; il 9° (Universal Underworld), ovvero l’Unità (Coscienza Creativa, Co-creazione consapevole). La visione catastrofistica si sposa con quella materialistica, che è un filtro, ancora lontano dalla 9 Onda – che invece è quanto di più vicino all’Autocoscienza (la Coscienza, in ultima istanza, si manifesta nei suoi stadi evolutivi per ciò che non è).

Il mio punto di vista, secondo il Calendario Maya profetico e i cicli a base 360 giorni di Evoluzione, differisce quindi, nella tripartizione dei “mondi”, da quello di Stankov, per la consapevolezza dei cicli evolutivi e per la visione unitaria (non materialistica) del tempo. Che poi i cambiamenti di Coscienza si riflettano sul piano materiale, è l’assunto fondamentale della “prospettiva Maya”. Per raggiungere quindi uno stato di Coscienza basato sull’Unità interiore non vi può essere alcun reset, né aiuto esterno: in sostanza, nessun paradiso artificiale o artefatto – solo un costante allineamento della propria personalità (fittizia, ma ancora presente) al proprio Sé (la natura individuale). Tale vero e proprio lavoro interiore va fatto a sua volta in allineamento alle energie cosmiche derivanti dalla Fonte Universale, nel rapporto con i suoi cambiamenti di polarità (Co-scienza). Ecco il senso del Calendario Maya. Questa è anche la motivazione profonda della nascita del sito www.coscienzacreativa.com. Il resto (“fine del mondo”), dal punto di vista del Calendario Maya, è speculazione o – purtroppo – voluta manipolazione. La situazione di depravazione ed esaurimento dell’energia materialistica (la cosiddetta “Terra B” di Stankov), che porta avanti su tutti i canali la falsa interpretazione del Calendario Maya, è giunta alle sue estreme propaggini: ad esempio, molte persone credono che l’Italia sia uno “Stato”, mentre è una società privata registrata presso la Securities And Exchange Commission (SEC) di Washington D.C. Il popolo italiano non è considerato l’azionista di tale società, ma ne costituisce il collaterale (il controvalore, pura merce). Materialismo oscuro al suo completamento.

Maya-DaysQuello che chiamiamo “male” non esiste tuttavia di per sé, ma è lo squilibrio derivato dai livelli inferiori di Coscienza, che in quanto attivi in passato (con i filtri che portavano nella visione del mondo) senza che i livelli superiori fossero ancora attivati, hanno creato la concezione i cui effetti problematici vediamo ancora oggi. Raggiunta l’attivazione di tutti e nove i livelli del Tun, cioè raggiunto l’equilibrio ed il bilanciamento attraverso l’attivazione della 9 Onda, le conseguenze dello squilibrio inizieranno (invero il processo è già iniziato il 28 ottobre 2011) ad esaurirsi. Quanto tempo ci vorrà, quanto tali effetti illusori continueranno ad essere ancora creduti “veri”, dipenderà dal ritmo di allineamento delle persone alla 9 Onda del Calendario Maya, cioè alla scelta consapevole di vivere e non di sopravvivere. L’unica cosa che possiamo dire con certezza è che il ritmo più veloce, la 9 Onda, è stato raggiunto: il processo è irreversibile. Il periodo 2012-2015 (sette quadrature Urano-Plutone) è un periodo di trasmutazione dell’uomo, dopo il completamento della fase di attivazione dei nove livelli di Coscienza il 28 ottobre 2011 (trasformazione), con tutte le resistenze derivanti dal crollo progressivo delle certezze acquisite nella lunga gestazione dell’Evoluzione. È quindi particolarmente importante partecipare attivamente al processo tramite un impegno di maturazione individuale (dalla Coscienza materialistica, in cui siamo nati, a quella d’Unità).

La data del 21 dicembre 2012, corretta dal punto di vista archeologico, lascia parecchie perplessità per la sua mancanza di universalità, che andrebbe invece riconosciuta ad una data di termine di un ciclo che riguarda l’intero Universo (il primo livello del Calendario Maya, il livello Cellulare, iniziò 16,4 miliardi di anni fa, ovvero molti miliardi di anni prima che si formassero i pianeti stessi del nostro sistema solare). Tale connotazione di universalità è invece contenuta nella data del 28 ottobre 2011 (altrettanto corretta dal punto di vista archeologico, ma più adeguata dal punto di vista energetico). I Maya hanno parlato invero di data d’inizio, non di fine del Lungo Computo, che corrisponderebbe al Grande Ciclo, il Ciclo Nazionale di 5125 anni, ovvero la 6 Onda del Calendario Maya profetico, in cui la loro civiltà si sviluppò, secondo i relativi cambiamenti di polarità (Giorni e Notti della durata di 394,3 anni o 144.000 giorni, chiamati Baktun, ovvero 20X20 Tun). Non è fuori luogo qui ricordare che il sistema calendrico Maya, pur arrivando ad una precisione impressionante dal punto di vista astronomico, si basa su cicli (combinazioni di frequenze a base 260 e 360 giorni) di Evoluzione di Coscienza, prima e al di là dei cicli di rivoluzione planetaria. Riguarda infatti le oscillazioni dell’Albero Cosmico della Vita e la corrispondente Evoluzione nel tempo; la comprensione universale dei cicli cosmici, assoluti, sacri, di Creazione.

La data di inizio tradizionale – 0.0.0.0.0 4 Ahau 8 Cumku – del Lungo Computo (quello che erroneamente, scambiando la parte per il tutto, viene chiamato “il Calendario Maya”), secondo la correlazione GMT (Goodman, Martinez e Thompson) con il calendario gregoriano, corrisponde all’11 agosto 3114 a.C. Una minoranza di studiosi ritiene che la data d’inizio sia invece il 13 agosto, in quanto i Maya del periodo classico consideravano il giorno che cadeva dopo 52 giorni dal solstizio d’estate, il 13 agosto, appunto, come il giorno della Creazione; da qui la data alternativa del 23 dicembre 2012 come fine del Lungo Computo. Probabilmente i Maya che elaborarono il Lungo Computo nel periodo pre-classico (32 a.C.) fecero un leggero errore (2 giorni), andando però indietro di più di 3000 anni! Comunque il Lungo Computo, nella datazione tradizionale, con molta probabilità inizialmente elaborato ad Izapa (costa pacifica del Messico), è quello che ha inizio nella data del nostro calendario l’11 agosto 3114 a.C. e termine il 21 dicembre 2012. Queste due date (di inizio e fine), mantenute nella tradizione (è come se oggi volessimo cambiare la data del Natale), come sostiene Carl Johan Calleman, hanno dei punti deboli, che per quanto mi riguarda le rendono fuori fase rispetto all’intero processo di Creazione che data 16,4 miliardi di anni: il Lungo Computo non corrisponde precisamente al Grande Ciclo (la 6 Onda, il Ciclo Nazionale).

La scelta dell’11 agosto riguarda il fatto che questo era il giorno dello zenit solare a Izapa, un giorno importante per iniziare a contare il tempo in una regione tropicale: essendo Izapa uno dei siti Maya più antichi, la data dell’11 agosto venne considerata sacra. Ma la prospettiva di una singola città non corrisponde necessariamente, se non per un caso fortuito, alla prospettiva universale (risonante con l’Albero Cosmico, Universale e non solo Galattico, della Vita, i cui cambiamenti di polarità modificano la Coscienza). Se il Calendario Maya rappresenta cicli di Creazione non materiali, ma di Coscienza (divini), non c’è ragione di farlo iniziare secondo lo zenit solare di una particolare città, qualunque essa sia. C’è poi non solo un indizio, ma una prova, riguardo alla data di inizio e fine del Lungo Computo, per cui quest’ultimo non corrisponde al Grande Ciclo. Se poteva essere una coincidenza il fatto che il Grande Ciclo iniziasse proprio il giorno dello zenit solare di Izapa, esso, come qualsiasi altra Onda del Calendario Maya, deve necessariamente essere in risonanza con lo Tzolkin, il Calendario Sacro a base 260 (13X20) giorni: quest’ultimo, infatti, è un microcosmo rispetto al processo divino di Creazione (ad esempio, la 7 Onda è formata da 13X20 Tun; la 6, il Grande Ciclo, da 13X20 Katun, ecc.), che riflette le vibrazioni generate dall’Hunab-Ku, e a cui tutti gli altri calendari Maya sono sincronizzati (esso tiene il conto dei “giorni degli dei”). Bene, il Lungo Computo inizia e finisce nel giorno (kin) 4 Ahau dello Tzolkin, mentre lo Tzolkin si completa nel kin 13 Ahau: il Lungo Computo (data finale 21 dicembre 2012) non è sincronizzato allo Tzolkin, la base di tutti i Calendari Maya.Maya-pyramidInoltre, nella storia della Creazione di Palenque, elaborata quasi un millennio dopo l’ideazione del Lungo Computo, si dice che il “Primo Padre”, che eresse l’Albero della Conoscenza (la 6 Onda), nacque, nella correlazione con il calendario gregoriano, il 16 giugno 3122 a.C. Il glifo inscritto per rappresentare cosa fece il Primo Padre nella data d’inizio del Lungo Computo indica il settimo compleanno di un re: il 16 giugno 3115 a.C. Il giorno dopo, il 17 giugno 3115 a.C., data 13 Ahau dello Tzolkin, può indicarsi quindi come l’inizio del Grande Ciclo, il che pone la data del completamento del Grande Ciclo stesso (e di tutti i livelli di Creazione) il 28 ottobre 2011. I sacerdoti di Palenque probabilmente non vollero intaccare una tradizione ormai millenaria, anche perché una differenza di 420 giorni non doveva essere ritenuta importante allora, quando il ritmo di cambiamento era ogni Baktun (394,3 anni). Come prove finali abbiamo ancora due fatti importanti. Il primo è la ricostruzione a posteriori della storia biologica e culturale, realizzata da Calleman, che emerge essere correlata precisamente con la data del 28 ottobre 2011, mentre risulta andare fuori tempo con la data del 21 dicembre 2012. In ultimo, ma per me fondamentale, è ciò che viene associato alle due date: al 28 ottobre 2011 un processo divino di Creazione che risuona con il cambiamento interiore (Trasmutazione); al 21 dicembre 2012 un evento esterno, una tantum (in questo contesto non importa se negativo o positivo), che dovrebbe modificare la Coscienza (trasformazione).

Pertanto l’aspettativa per questa data, se parliamo di Calendario Maya, è fuori luogo (anche materialmente: il Sole transita attraverso l’equatore galattico dal solstizio d’inverno del 1980 a quello del 2016, con un particolare allineamento nel 1998). Non solo: milioni di persone spaventate dal 21 dicembre 2012 possono creare un’egregora che riguarda la distruzione del pianeta; allo stesso tempo la possibilità di istigare il caos per adempiere ai loro folli piani rende questa data ideale come evento catastrofico per le forze oscure che hanno detenuto sinora il potere. Cosa possiamo fare allora per contribuire ad annullare questa eventualità? Certamente allinearci alla 9 Onda o Coscienza d’Unità e contemporaneamente focalizzarci sulla capacità creativa di realizzare il nostro Progetto di Vita. Questo momento costituisce sicuramente una chiamata al risveglio, una prova se vogliamo, ovvero se rimanere nell’immaturità di attendere un evento esterno che ci cambia oppure maturare come individui nella libertà ed autonomia affettiva e relazionale, ed è esattamente questa la valenza che personalmente attribuisco a tale data: la corretta fine del Grande Ciclo è avvenuta il 28 ottobre 2011; il 21 dicembre 2012 rappresenta la scelta tra lasciarci ingabbiare o essere liberi.

Riguardo ai cambiamenti nella struttura fisica della realtà, essi costituiscono il punto di partenza della visione materialistica, secondo cui sono i cambiamenti nella realtà esterna a generare il cambiamento di Coscienza: questo processo si chiama “trasformazione” ed è precisamente la “matrix”, o meglio, la prigione, in cui abbiamo vissuto finora (ed è la trappola purtroppo di molto neospiritualismo). In verità è la trasmutazione il processo di liberazione, ovvero è il cambiamento di Coscienza che porta al modificarsi della realtà. Il Calendario Maya si basa sul concetto di risonanza olografica di tutti i livelli materiali ed immateriali a seconda dei cambiamenti di polarità del principio metafisico, la Croce della Vita, l’Albero Cosmico, Hunab-Ku, l’unica sorgente dei limiti e della creazione, Dio. I cambiamenti di polarità costituiscono cambiamenti di Coscienza, necessari alla sua Evoluzione verso la presenza al Divino. Ecco che in questo senso, come la cassa armonica di una chitarra serve per far risuonare le note che provengono dalle corde, così le nostre cellule, il nostro pianeta, il nostro Sole, la nostra Galassia, ecc., si stanno modificando (campo elettromagnetico, clima, densità, luminosità, velocità di rotazione) – con un incremento di frequenza proporzionale ai livelli di Coscienza descritti dal Calendario Maya profetico – per permettere la risonanza con questi stessi livelli, compresa ora la Coscienza d’Unità, che costituisce la frequenza più elevata di trasmutazione (a base 18=9+9 giorni), il ritmo divino di Creazione.

Dopo il 21 dicembre 2012, quando le grandi profezie si riveleranno per quello che sono, visioni del futuro in base alla 6 e 7 Onda del Calendario Maya profetico, rimarrà la serietà nello studio di questo splendido sistema, mentre milioni di persone, illuse dal calendario Maya interpretato in senso materialistico, millenaristico o new age, penseranno che quest’ultimo non abbia alcun valore in sé. In conseguenza del fallimento delle teorie degli estensori della sua fine il 21 dicembre 2012, finalmente dal giorno seguente mi auguro che il Calendario Maya possa essere compreso nella sua portata di strumento sacro di decodifica del e insieme di stimolo all’Evoluzione di Coscienza. Forse davvero sarà, paradossalmente, il Nuovo Inizio.

Hearthaware blog

Autore: Marco Fardin
Fonte:
www.coscienzacreativa.com

« E3 »


Potrebbero interessarti anche…

Il 21 dicembre secondo Cosmic Awareness

Il 21 dicembre secondo Cosmic Awareness

L'Ascensione secondo Stankov

L’Ascensione secondo Stankov

L'essenziale del 21 dicembre

L’essenziale del 21 dicembre

9 commenti su “Il 21 dicembre secondo il calendario Maya

  1. Ma mi vien da chiedere, ma cheffà, lo Tsunami Quantico, la Cintura Fotonica ecc… se li son mangiati?
    Ma questo Marco, per caso, ci sta dicendo che non ci sarà nessuna Cintura Fotonica, che quella data e giù di lì, non rappresenterà nulla?
    E allora, che fine ha fatto la ricerca di Stankov sul pianeta A e quello B?
    Non so se ho capito bene… se non c’è nessuna Cintura Fotonica e il 21, è una data sgarrata, allora, è tutta una farsa… e l’Ascensione?
    Mi sa che questo Marco sia uno dei soliti… disinfo.

    Mi dispiace ma non sono d’accordo con lui.

  2. Se il 22 ci si ritroverà quì a domandarsi perchè non è successo nulla cosa potrebbe succedere? Nel mio caso nulla perchè credo che non succederà nulla entro la fine di dicembre. Ci saranno forse altri problemi ma nel 2013. Aggiungo: avete ipotizzato che massa di delusione e scontentezza se non cambierà nulla. Delusione per alcuni e lauti pasti per altri.

  3. Devo dire che, in tutto questo tempo in cui si è parlato di questa data ho trovato qua e là frammenti di quella che ho ritenuto una verità in risonanza con la mia, a cui non mi interessa però associarmi o meno e/o ritenerla valida per chiunque.
    Da quanto vedo, soprattutto dal 12/12, la realtà è sempre più personale.
    Credo che i tempi siano maturi per guardare quindi solo dentro se stessi.
    Ora la data è vicinissima e… non resta che attendere.
    Due sono comunque gli elementi di questo articolo che risuonano con il mio sentire;
    il vivere e non sopravvivere e la scelta di libertà da ogni gabbia materiale e non.
    Credo anch’io come ho letto giorni fa che questo giorno dovrebbe essere vissuto come uno dei tanti e nulla più…
    Vi abbraccio Tutti!

  4. Queste interpretazioni (secondo il mio parere)
    vanno lette con un po’ d’intuizione
    e capacità di discernimento.
    Buona giornata a tutti.

  5. Sbaglio o siamo tutti d’accordo ormai di affidarci a noi stessi e non più a profezie e previsioni altrui?
    Grazie a chi risponderà.

    • Si cara Franca… io sono proprio d’accordo con te… sono giunta alla stessa conclusione… ognuno di noi avrà la propria ascensione personale… e unica… il nostro intuito ci accompagnerà sempre! Amore e Luce a tutti voi…

    • Mi sa proprio di sí. Era anche ora che cominciassimo🙂
      Un abbraccio a tutti di cuore

  6. Queste, come altre sono interpretazioni. Cosa bisognerebbe dire allora di 2012 nexus event, oppure Cosmic Awareness, oppure ancora dei libri di Ra, anche di Dolores Cannon, oppure della Antonini, come della Mathieu e dei tanti tanti altri scritti.
    Carl J. Calleman Sagan ha dato questa sua interpretazione seguendo sue scoperte e ottenendo così dei risultati. È corretto anche questo nel suo modo di vedere. È un riflesso dell’infinito.
    È giustissimo affidarsi a noi stessi, ma non buttiamo via o scartiamo tutto a priori.
    Utilizziamo il discernimento e ricordiamoci che anche loro, (coloro che non “risuonano alla nostra profezia”) sono nostri fratelli/sorelle. E che insieme, uniti, siamo ancora più forti.
    Un abbraccio

I commenti sono chiusi.