Galleria

L’OPPT riscatta le nazioni in nome del popolo della Terra


OPPT-foreclose-feat-bisMentre negli Stati Uniti, per la prima volta nella storia, più della metà dei cittadini (il 53%) ritiene che il Governo Federale costituisca una “minaccia” (esatto, la parola è proprio questa…) alla propria libertà personale e ai propri diritti civili (vedi indagine statistica del Pew Research Center for People and the Press, rilasciata il 31 gennaio), d’oltreoceano giunge un proclama del One People Public Trust, con preghiera di diffusione immediata in tutto il mondo.

Facendo leva sui suoi strumenti legali, o più correttamente sovra-legali (Law of One, Universal Law e Uniform Commercial Code), OPPT afferma di aver posto legittimamente sotto pignoramento, cioè di aver riscattato in nome del popolo della Terra, la principali corporations mondiali, che altro non sono che le nazioni del mondo, finte repubbliche registrate di fatto come società di diritto privato a scopo di lucro (vedi questo post per approfondire →)

Giorno dopo giorno, un numero dilagante di persone nel mondo sta compilando e depositando i moduli di emancipazione legale dal sistema di schiavitù (la documentazione downloadabile è allegata a questo nostro post). Nel frattempo, in Italia (una delle nazioni “liberate” legalmente dall’OPPT, vedi lista sotto) tali moduli sono già in corso di adattamento e traduzione da parte di esperti del settore. Non appena saranno rilasciati, li metteremo a disposizione del pubblico.

Ecco il testo del comunicato dell’OPPT, pubblicato stanotte al link www.scribd.com/OPPT-Press-Release:

4 Febbraio 2013 — The One People’s Public Trust avvisa ogni uomo, donna e bambino sul pianeta che oggi le banche e le corporations operanti su mandato dei governi “eletti dal popolo”, sono state pignorate per effetto del Libero Arbitrio dell’umanità. I titoli, le proprietà e diritti di queste corporations e tutti i loro assets sono ora debitamente salvaguardati e tenuti in custodia per il popolo di questo pianeta, in parti uguali.

Da numerose indagini, sono emerse prove evidenti che i committenti, gli agenti e i beneficiari del moderno sistema di schiavitù hanno ripetutamente compiuto atti e pratiche ingannevoli, frodi, furti e sottrazione dei valori all’unico popolo di questo pianeta, senza la sua volontà nè il suo consenso intenzionale.

Basandosi sulla stessa documentazione approntata da questo sistema di schiavitù, OPPT ha legittimamente, legalmente e regolarmente registrato l’ipoteca, il giudizio e il rimedio ai danni perpetrati dalle corporation alla gente di questo pianeta.

Questa azione è il risultato di lunghi anni di indagini. La gente del pianeta, in ogni paese, potrebbe avere degli interessi finanziari derivanti dagli assets di questi ex-committenti, ex-agenti ed ex-beneficiari delle corporations e delle banche pignorate. Coloro che fossero interessati, sono invitati a esaminare la questione in autonomia sul sito http://oppt-in.com/.

The One People’s Public Trust afferma che ogni uomo, donna e bambino ha valore inalienabile e diritti concessi e garantiti direttamente dal Creatore: nessuno è subordinato ad alcuna autorità artificiale, nè alle farse corporative nè agli interessi particolari di alcun soggetto, senza un appropriato consenso consapevole, volontario ed intenzionale stipulato previo contratto o accordo.

OPPT ha espresso ciò che già era. Il popolo ha già determinato e richiesto che i sistemi bancari pubblici, i governi nazionali e i relativi sistemi giudiziari debbano essere pienamente trasparenti, responsabili, ed affidabili. OPPT ha debitamente messo in custodia i valori per tutti gli interessati, per tutte le persone in parti uguali.

Secondo il reblog di americankabuki.blogspot.it quella che segue è una lista parziale delle corporation riscattate, con redirect al numero di registro della SEC – U.S. Securities and Exchange Commission (cioè l’ente federale americano preposto alla vigilanza della borsa valori, analogo alla Consob italiana) presso cui i paesi della Terra sono depositati come società di diritto privato.

Oltre agli Stati Uniti d’America, sono elencati Australia (Queensland), Brasile, Canada, Cile, Cina, Colombia, Egitto, Grecia, Israele, ITALIA, Giappone, Corea, Messico, Perù, Sud Africa, Regno Unito di Gran Bretagna, Venezuela.

Hearthaware blog

hearthaware.wordpress.com


Potrebbero interessarti anche…

The One People's Public Trust: cosa significa?

The One People’s Public Trust: cosa significa?

Le Bolle Papali che hanno cambiato il mondo

Le Bolle Papali che hanno cambiato il mondo

Sovranità individuale: unica alternativa

Sovranità individuale: unica alternativa

21 commenti su “L’OPPT riscatta le nazioni in nome del popolo della Terra

  1. OTTIMO Articolo, come sempre su questo sito! Queste notizie ci sollevano perché in TUTTO il mondo sta avvenendo un cambiamento di Coscienza, ma soprattutto emerge il Coraggio di mettersi in gioco per i DIRITTI di Tutti! Anche Kryon aveva previsto che in tutto il mondo sarebbero uscite allo scoperto delle voci per i Diritti riconosciuti e che nulla di ‘oscuro’ sarebbe rimasto nascosto a lungo, la Forza di questa Energia avrebbe spinto un Cambiamento Collettivo inarrestabile! Ed il Comunicato di ‘The One People’s Public Trust’ è una conferma che la Nuova Energia sta lavorando per il Ben-essere di Tutta la Vita sul Pianeta.

    • Si, Kryon l’aveva previsto.
      Forse Lee Carrol e qualche altro channeler non sono affatto “da buttare”…
      Un Saluto ed un Abbraccio!

  2. Ma riscattati in che senso cosa mi cambia se aderisco? Scusate ma per qualche motivo non capisco proprio l’articolo O_O forse lo leggo in una chiave di lettura errata…

    • Non bisogna aderire a nulla nè sottoscrivere qualcosa. Di fatto “qualcuno” ha posto le basi legali ed i relativi strumenti per ristabilire l’indipendenza e la sovranità di ogni singolo essere umano. Penso che la cosa è solo all’inizio e bisognerà attendere altri sviluppi per rendersi conto della portata dell’avvvenimento. Cosa dobbiamo/possiamo fare? Credo che, per ora, l’importante è essere informati il più possibile. Forse in un futuro, spero più velocemente possibile, potremo usare questi strumenti in piena coscienza e consapevolezza. Se è come credo che sia, questa è una delle “leve” che, usate bene, potranno, oltre a sollevare, ribaltare il mondo e le sorti dell’umanità. È ancora un frutto acerbo. Deve maturare e, se è buono, potremo gustarne la delizia.😀
      Un abbraccio.

  3. Quanto dovremo attendere ancora in Italia per avere i documenti disponibili?

  4. Trascrivo sotto la prefazione di Jervè al reblog del nostro articolo su Iconicon Post:

    “Continua la vicenda relativa al One People Public Trust.
    Per molti, anche incalliti frequentatori di siti di informazione alternativa, ancora non è chiaro, se non quale sia la portata di un’operazione del genere, quale possa esserne la trasposizione sul piano pratico che ci riguarda poi da vicino.
    Essendo una questione di natura preminentemente giuridica, riguardante la sovranità individuale di ciascun abitante della terra, e riferendosi a diritti sovranazionali come la Legge dell’Uno, la Legge Universale e l’UCC, Codice Commerciale Uniforme, alcuni esperti come ad esempio l’avv. Paolo Franceschetti, titolare di un blog molto noto sul web, hanno eccepito che tale trasposizione possa trovare difficilmente applicazione ad esempio nel diritto del nostro stato.
    Tutta l’operazione quindi potrebbe essere un presupposto inebriante per un cambiamento totale di paradigma sociale, ma certo non immediato, anzi con tempi tanto lunghi quanto l’assimilazione di concetti così insoliti potrebbe richiedere per l’utente medio.
    Ma… C’è un ma molto, grosso, anzi enorme, che potrebbe rendere questo insieme di documenti non solo una carta di una legge nuova, ma una vera e propria trasformazione quasi istantanea del mondo.
    Se è vero che questo corpus giuridico è collegato a conti collaterali ripieni di denaro in quantità persino inconcepibile tanto è elevata, con tale denaro è possibile dare corso esecutivo alla dichiarazione di riscatto di Corporazioni multinazionali, industrie, infrastrutture, nazioni intere, acquisendole a nome dell’umanità stessa dagli attuali proprietari, dimostratisi finora gestori che non hanno agito per interesse comune ma per il proprio.
    Avete capito bene: comprarsi il mondo intero dagli attuali proprietari, e farlo a nome dell’intera popolazione del pianeta, che ne diventerebbe pertanto titolare responsabile.
    Questo attuerebbe in modo irresistibile per qualunque sistema di potere che vi si opponesse una trasformazione così totale da apparire come pura utopia.
    Ma se così è e lo vedremo tra non molto, questo è uno dei più importanti, anzi il più importante documento della storia umana.
    Destinato non a rimanere lettera morta, ma a divenire la base giuridica per la costruzione di un futuro radioso della nostra civiltà terrestre.” Jervè

  5. Risponderò più tardi a questo articolo che non ho ancora letto ma guardate questo video, vi scrivo il link, e dite cosa ne pensate…

  6. Complimenti complimenti.
    Mi rendo conto che dietro ai vostri articoli c’é tanto impegno e lavoro gratuito, per favore continuate!
    Grazie🙂

  7. Interessante veramente, avevo sentito parlare tempo fa che si stava muovendo qualcosa a livello internazionale, addirittura che ci sarebbero stati anche degli arresti “eccellenti”… spero vivamente che tutto possa accadere quanto prima, grazie.

  8. Che bellezza questo sito complimenti a tutti… mi è venuta proprio voglia di provare continuamente piacere come se fossimo già in procinto di realizzare tutto ciò.

I commenti sono chiusi.