xAscensione planetaria FEAT

Ascensione Planetaria


L’Ascensione Planetaria è un processo evolutivo che porterà il pianeta Terra e i suoi abitanti dall’attuale stato energetico-vibrazionale di 3D (terza dimensione) allo stato più elevato di 5D (quinta dimensione). Il “Salto Quantico”, la “Fine dei Tempi” e il “Cambio d’Era” sono altri nomi che designano questo percorso destinato a varcare la soglia della nuova Era dell’Acquario.

L’incremento energetico avrà il suo picco verso tra la fine del 2012 e l’inizio del 2013. Molte civiltà antiche, tra cui i Maya, gli Inca, gli Aztechi, gli Hopi e la tradizione Vedica, hanno riconosciuto che il 2012 segnerà la fine di molti cicli maggiori galattici e cosmici, e l’inizio di una profonda trasformazione che ci porterà verso nuovi stati di coscienza risvegliata e multidimensionale.

La civiltà Maya

Gli antichi Maya erano abilissimi cosmologi, astronomi e i calendaristi della galassia. Hanno integrato la loro astronomia con la saggezza antica per predire con estrema precisione gli eventi cosmici e gli insegnamenti spirituali relativi alla Fine dei Tempi.

La fonte principale che candida l’anno 2012 come data finale è il Calendario Maya di lungo computo, un preciso ed elaborato sistema matematico, una chiave fondamentale per interpretare il cambiamento globale d’energia e per comprendere l’evoluzione della coscienza attualmente in corso sul pianeta Terra.

Secondo i Maya, lo scopo principale della loro esistenza sul pianeta è stato quello di lasciare ai posteri un insieme ben definito di indizi e di informazioni sui cicli galattici, solari e planetari che giungeranno sincronicamente al termine alla fine del 2012.

Il Calendario Maya di lungo computo conta i giorni a partire dall’agosto del 3113 a.c. fino alla data finale del 21 dicembre 2012. L’intero Calendario di lungo computo dura 5125 anni e si conclude, proprio come il ciclo terrestre di 26.000 anni, nel 2012. Tale Calendario è diviso in tredici periodi chiamati Baktun, e ogni Baktun dura 144.000 giorni (circa 394 anni e mezzo).

Secondo gli antichi Maya, il solstizio d’inverno del 21 dicembre 2012 (nell’emisfero australe è ovviamente il solstizio d’estate), segna la Fine dei Tempi per come noi li conosciamo; in particolare, segna un raro allineamento galattico del nostro sistema solare, del Sole e della Terra con il centro della nostra Via Lattea: un evento che non si verificherà prima di altri 26.000 anni.

Le antiche profezie Maya dicono che nel 2012 la vecchia era dell’Illusione e dell’Inganno volgerà al termine: la razza umana trasformerà la sua focalizzazione egoica sul materialismo e su sistemi di credenze limitanti, e si riconnetterà col suo eterno Sé Superiore. Per approfondire →

La Precessione degli Equinozi

Un ciclo terrestre, o Precessione degli Equinozi, deriva dal lentissimo movimento di rotazione dell’asse terrestre intorno al sistema delle stelle fisse. Mentre la Terra gira attorno al suo asse inclinato, anche il suo asse inclinato ruota a sua volta, proprio come fa una trottola, disegnando un cono immaginario attorno all’asse verticale. Questo moto precessionale terrestre, così come lo osserviamo dal pianeta, è in stretta relazione con il moto orbitale lentamente percorso dall’intero Sistema Solare, nel medesimo arco di tempo, attorno ad Alcyone, la stella maggiore della costellazione delle Pleiadi[1].

Un ciclo precessionale richiede circa 26.000 anni (25.800 è una stima più precisa) per il suo completamento. Durante questo lento moto retrogrado, la Terra attraversa le 12 dodici costellazioni dello Zodiaco in senso inverso, rimanendo 2150 anni in ciascun segno (= 25.800 diviso 12). Ogni volta che la Terra permane in un determinato segno, l’energia di quella costellazione è focalizzata ed impressa sul pianeta e sui suoi abitanti per oltre due millenni. Dopo l’Era dell’Ariete, ai tempi degli antichi Persiani, dopo l’Era dei Pesci, ai tempi della venuta di Cristo, eccoci finalmente pronti all’ingresso nell’Era dell’Acquario.

Anche se l’inizio esatto dell’Era dell’Acquario è ancora fonte di speculazione, è opinione diffusa tra i metafisici e gli scienziati che il passaggio alla nuova era sia già iniziato. L’Era dell’Acquario instillerà il senso di fratellanza nella coscienza collettiva e spingerà l’umanità verso l’Amore e la Luce, dando inizio ad una nuova “Età dell’Oro” che durerà per altri 2000 anni.

Volendo usare cifre semplificate, diremo che ogni ciclo di 26 mila anni può essere suddiviso in due emi-cicli speculari della durata di 13 mila anni. A causa del moto precessionale, la stella che segna il nord nella volta celeste cambia ad ogni emi-ciclo, alternando in questa funzione Polaris (la Stella Polare) e Vega. A loro volta, ognuno degli emi-cicli è costituito da un periodo di Oscurità spirituale di circa 11 mila anni (la stragrande maggioranza del periodo di rotazione) e un periodo di Luce spirituale di circa 2 mila anni. La composizione completa del ciclo precessionale è dunque la seguente:

Oscurità               → Luce               → Oscurità               → Luce
[11 mila anni] [2 mila anni] [11 mila anni] [2 mila anni]

Che cosa determina il periodo di Luce spirituale? Questa informazione è stata fra le più occultate nelle Ere: il periodo di Luce spirituale è determinato dal ciclico ingresso e permanenza del Sistema Solare all’interno del fascio di luce generato dalla Cintura Fotonica delle Pleiadi, un fascio di luce ad alta concentrazione energetica, il cui attraversamento è stimato durare circa 2000 anni e si presenta due volte per ogni ciclo completo di 26 mila anni. Per approfondire →

[1] Anche l’insider Hidden Hand è a conoscenza del ciclo precessionale e del suo riferimento ad Alcyone, cfr. Hidden Hand, pag. 35

La cintura fotonica

La cintura fotonica è un campo d’energia ad alta frequenza di forma anulare emanato dalla stella Alcyone, il Sole centrale della costellazione delle Pleiadi. È un immenso fascio di luce fotonica costituita da quanti di luce ad elevata intensità (le più piccole particelle elementari portatrici di energia elettromagnetica) prive di massa e di carica elettrica[2]. È un anello disposto perpendicolarmente all’orbita sistemica attorno ad Alcyone, ragion per cui viene attraversato ogni 13 mila anni e il suo attraversamento dura circa 2 mila anni[3].

Fu l’astronomo Edmond Halley (colui che ha dato il nome alla famosa cometa) che nel XVIII secolo intuì per primo la presenza di questo fascio a forma di ciambella orbitante attorno alle Pleiadi, seguito poi nei secoli successivi dagli scienziati Friedrich W. Bessel e da Paul O. Hesse. Secondo i calcoli convergenti dei tre astronomi, l’ingresso della Terra nella cintura fotonica sarebbe imminente. Anche altre fonti riferiscono che, a partire dal mese di dicembre 2012, il pianeta Terra, il nostro Sole e l’intero sistema solare cominceranno ad immergersi nella cintura fotonica, dove permarranno per i prossimi 2000 anni di splendore quantico. Ci sono parecchie pubblicazioni esoteriche aggiornate che si occupano del rientro del nostro sistema solare nella cintura fotonica.

Nonostante la scienza ufficiale rifiuti ancora l’idea della cintura fotonica (qualche scienziato ha tentato timidamente di risollevare la questione già a partire dagli anni ’60)[4], la sua presenza potrebbe spiegare in maniera logica e pulita le antiche profezie sui “tre giorni di buio”. La cintura fotonica presenta un anello esterno definibile come “zona ad energia neutra” una specie di zona di confine che delimita la cintura di luce vera e propria. Secondo alcune fonti, stando alle attuali velocità di spostamento planetario e sistemico, il transito in questa zona neutra dovrebbe durare circa tre giorni, durante i quali la Terra e il Sole subiranno un temporaneo azzeramento del loro campo energetico ed elettromagnetico.

Questo buio non andrà inteso solo in senso meramente fisico, come quando si spegne una lampadina, ma soprattutto in senso energetico-spirituale, perché verranno a mancare le frequenze vibratorie portanti che in-formano la matrice eterica planetaria. In questa condizione muteranno anche le leggi fisiche, con una prima ovvia conseguenza del blocco totale del funzionamento degli apparati elettronici ed elettromagnetici. Nonostante i grandi disagi pratici, fisici e mentali, una volta entrati nell’anello di luce l’energia fotonica pervaderebbe completamente il corpo eterico sistemico e planetario, ristabilendo le condizioni di campo[5]. Per approfondire →

[2] Queste particelle sono le risultanti della collisione fra un positrone ed un elettrone, in cui sia la massa che la carica elettrica sono annullate e convertite completamente in una forma di energia che è comunemente definita “Luce eterica”.

[3] Si possono tracciare notevoli corrispondenze temporali fra il passaggio attraverso la cintura fotonica e l’antica civiltà Atlantidea. La cività Atlantidea raggiunse uno degli stati di coscienza più avanzati mai conosciuti dall’umanità durante l’ultimo attraversamento della cintura fotonica, ma poi declinò inesorabilmente circa 9 mila anni a.C. (cioè 11 mila anni fa) esattamente in corrispondenza dell’uscita dalla cintura fotonica.

[4] Ne ha parlato lo scienziato Gregg Braden, confermandone sia l’esistenza, che il tempo di attraversamento che gli effetti sugli organismi viventi. Braden sostiene tuttavia che siamo già entrati nella cintura fotonica e che stiamo per approssimarci all’anello centrale energeticamente più denso. Ad ogni modo la sostanza del discorso è analoga: dobbiamo aspettarci uno shift energetico.

[5] Tesi meno diffuse sostengono che siamo entrati nel campo di influenza della cintura fotonica già dalla fine degli anni ’90 e siamo prossimi ad essere investiti dallo strato più denso di energia, e che i tre giorni di buio potrebbero essere causati da un fascio di energia ad alta potenza sparato fuori dal centro della Galassia migliaia di anni fa che propagandosi come un onda circolare investirebbe il nostro Sistema Solare verso la fine del 2012. Comunque sia, il nostro pianeta subisce già da anni in maniera sempre crescente gli effetti periferici di questo campo di forza galattico, della sua aura e dell’ologramma multidimensionale che lo circonda. Tutte le fonti sembrano invece concordare sul fatto che un incremento di energia è atteso per la fine del 2012. Per un’ulteriore interpretazione dei giorni di buio, leggi più avanti il paragrafo “Inversione dei poli magnetici”.

Il cambio di frequenza

Man mano che il nostro Sistema Solare si approssima al salto quantico, aumentano i livelli di frequenza vibrazionale del pianeta Terra. Questo profondo cambiamento energetico, già in atto,  sta rendendo la Terra più calda, più luminosa e più elettromagnetica.

La rapida intensificazione delle vibrazioni della matrice energetica sistemica e planetaria sta creando mutazioni alchemiche nella Materia e nella Luce, che si riversano nelle matrici eteriche di tutte le forme fisiche. La struttura fondamentale del pianeta e del Sistema Solare, dei corpi fisici di tutti gli esseri viventi, della nostra coscienza e del nostro DNA, si sta preparando alla transizione dalla 3D (nella quale sono finora esistiti dopo la caduta di consapevolezza d’Atlantide) alla 4D e infine alla 5D.

I cambiamenti cosmici e planetari stanno dunque agevolando la trasformazione della Terra e degli esseri umani che la abitano, trasmutandoli da esseri densi e in esseri più eterici: questa trasmutazione energetica è necessaria all’ancoraggio nella nuova anatomia umana del sistema-corpo di luce che sta entrando rapidamente in manifestazione. Il corpo umano, che è elettromagnetico per natura, sta rispondendo a questa trasmutazione evolutiva manifestando a ritmo epidemico molte nuove malattie e disturbi. Poiché i cambiamenti energetici interessano ogni singolo atomo e molecola del corpo umano, si stanno determinando dei cambiamenti radicali anche nel nostro DNA e nella nostra coscienza. In particolare, il DNA non codificante (il 96% del materiale genetico totale) si sta riorganizzando in 10 filamenti, da aggiungere ai 2 filamenti che già formano la doppia elica per formare un set completo di 12 filamenti, piena espressione del potenziale genetico umano. Per approfondire →

I cambiamenti del Pianeta Terra

La rinascita del pianeta Terra è già in corso. I radicali cambiamenti energetici della Terra, scientificamente osservati e ben documentati, includono l’assottigliamento dello strato di ozono, lo scioglimento delle calotte polari, l’inversione magnetica dei poli, l’aumento delle frequenze elettromagnetiche, l’aumento dell’attività cosmica, una quantità di eruzioni solari senza precedenti, maremoti, tsunami, eruzioni vulcaniche, incendi, inondazioni, fenomeni meteorologici strani ed avversi e molti altri inspiegabili disastri naturali. Questi cambiamenti climatici inter-planetari stanno ristrutturando il globo in preparazione dell’Ascensione del 2012.

Campo magnetico terrestre. L’aumento dei livelli di frequenza energetica da parte della matrice energetica della Terra (il campo d’energia elettromagnetica planetaria), sta provocando l’inversione magnetica dei poli. Già da diversi decenni il campo magnetico sta cambiando intensità e geometria. I Maya sostengono che sarà l’inversione magnetica dei poli a causare i giorni di buio, perchè una volta raggiunto temporaneamente lo zero magnetico sarà impedito l’accesso al pianeta a qualsiasi forma di radiazione elettromagnetica, compresa la luce fisica e la luce eterico-spirituale. Tuttavia i Maya affermano che questo processo non durerà 3 giorni ma soltanto 30 ore. In entrambe le ipotesi formulate per i giorni di buio (inversione dei poli magnetici o attraversamento dell’anello periferico neutro della cintura fotonica, vedi sopra) si tratta di fenomeni che si prestano facilmente a sostenere le antiche profezie, a causa della loro natura ciclica e alla loro osservabilità nelle epoche passate. Per approfondire

Eruzioni solari. L’attività delle macchie solari è aumentata significativamente a partire dall’inizio del 2001, creando tempeste magnetiche e condizioni meteorologiche estreme che si protrarranno fino alla fine del 2012 e forse oltre. La NASA ritiene che il sole si stia risvegliando da un sonno profondo. Per approfondire →

Tutti i cambiamenti terrestri e cosmici continueranno ad aumentare in intensità nel corso dei prossimi anni, promuovendo i cambiamenti necessari affinchè la Terra e l’umanità possano ascendere alle frequenze eteriche più elevate della nostra prossima dimensione d’esistenza.

La Convergenza Armonica

La Convergenza Armonica è un raro allineamento planetario che ha avuto luogo nel nostro sistema solare, tra il Sole, la Luna e altri sei pianeti, il 16-17 agosto 1987. In virtù del rinnovamento completo della griglia energetica planetaria che ne conseguì, grandi ondate di energia divina (luce eterica) sono state trasmesse dal Cosmo verso il pianeta Terra, preparandoci per il Cambio d’Era del 2012.

Il tempismo della Convergenza Armonica è particolarmente correlato con l’antico Calendario Maya, che prevede l’inizio di una sincronizzazione tra la Terra e la nostra Galassia centrale. Ciò ha aperto un portale energetico verso una maggiore illuminazione per quegli esseri umani che sono pronti per l’Ascensione.

L’aspetto di maggiore importanza della Convergenza Armonica è l’apporto di una nuova griglia magnetica planetaria, più spiritualizzata nelle sue caratteristiche fondamentali. Le griglie magnetiche planetarie servono da vettori dei campi morfogenetici in una determinata fase evolutiva. Questo cambiamento ha generato un rapido incremento vibrazionale collettivo ed ha permesso l’attivazione e la vivificazione del Corpo di Luce umano, che si è espanso da 7 livelli a 12 livelli, con conseguente estensione in numero del sistema dei chakra umani da 7 a 12[6]. Questo nuovo riconteggio è però ancora parzialmente sconosciuto per le dottrine new-age non aggiornate.

La Convergenza Armonica ci ha proiettato nel conto alla rovescia finale di 25 anni dei 5.125 del grande ciclo Maya, verso la fine del ciclo di precessione equinoziale di 26 mila anni e verso la data finale del lungo computo Maya, che volgeranno sincronicamente al termine nel 2012.

La Convergenza Armonica del 1987 è stata un annuncio dell’incombente fine dei tempi per come noi la conosciamo e una preparazione per lo spostamento della Terra dalla realtà 3D alla realtà 5D previsto dal 2012 in avanti. Molti studiosi fanno coincidere la data della Convergenza Armonica con il passaggio “ufficiale” alla Nuova Era dell’Acquario. Per approfondire →

[6] Chi conosce il sistema musicale temperato occidentale, potrà paragonare questo passaggio all’uso della scala cromatica di 12 suoni al posto della scala diatonica di 7 suoni. Le applicazioni musicali di queste scale non sono altro che utilizzi frattalici/olografici dello stesso sistema archetipicamente strutturato di energie vibratorie che esistono ad un livello superiore.

La risonanza di Schumann

La risonanza di Schumann è una forma d’onda pulsante a bassa frequenza rilevabile nel campo elettromagnetico terrestre. Nota anche come “il battito cardiaco della Terra”, è rimasta stabile a 7.83 Hz (cicli al secondo) per migliaia di anni, tanto che l’esercito e la NASA hanno fatto riferimento ad essa per stabilire la frequenza base delle loro comunicazioni.

Verso la fine degli anni ottanta, e più precisamente dal momento della Convergenza Armonica (1987) in poi, è cominciata ad aumentare fino a 8.0 Hz e poi, senza preavviso, ha continuato ad aumentare fino al livello di 10-11 Hz mai registrato prima d’ora.

La frequenza Alfa delle onde cerebrali umane corrisponde alla risonanza base del pianeta, attualmente 11.8 Hz. L’attività del cervello è misurabile in diversi cicli d’onde cerebrali[7] e, allo stesso modo in cui i nostri corpi rispondono ai cambiamenti energetici e frequenziali in corso, anche il clock neuroelettrico del nostro cervello sta aumentando la sua pulsazione.

Si suppone che entro la fine del 2012 tale frequenza aumenterà ulteriormente fino a raggiungere i 13 Hz, come previsto dalla serie di Fibonacci[8] (successione matematica basata sul rapporto aureo), secondo la quale 13 è il numero successivo a 8. Per approfondire →

[7] Le onde cerebrali variano in frequenza a seconda dello stato di coscienza che le produce: le onde Delta (δ) corrispondo al sonno profondo, le onde Theta (θ) corrispondono al sonno REM più leggero, le onde Alfa (α) corrispondono ad uno stato di profondo rilassamento, le onde Beta (β) corrispondono al normale stato di veglia e le onde Gamma (γ) corrispondono ad uno stato di intensa eccitazione.

[8] Nella serie di Fibonacci ogni numero è la somma dei due che lo precedono: 1-1-2-3-5-8-13-21-34-55-89-144 ecc. Essa rappresenta un modello matematico sul quale è plasmata la geometria elementare dell’Universo. I rapporti fra due numeri consecutivi tendono al rapporto aureo Phi = 1,618033988…

I cambiamenti del Sistema Solare

Lo studio del nostro Sistema Solare è diventato un campo d’indagine scientifica molto vasto. Si sono recentemente scoperti cambiamenti significativi che stanno avvenendo su tutti i pianeti del nostro Sistema Solare.

Sole. Il campo magnetico del sole è più intenso del 230% rispetto all’inizio del 1900. La sua attività energetica complessiva è aumentata in modo significativo. La NASA ha inoltre scoperto che Sole e Terra sono collegati da un portale spaziale che si apre ogni 8 minuti. Per approfondire →

Venere. Sta brillando, è incandescente e particolarmente visibile al buio.

Terra. A partire dal 1960 la luminosità sulla superficie della Terra è diminuita del 4 – 6%. Intorno al 1994 ha cominciato ad illuminarsi di nuovo, cosa che, come sostengono gli scienziati, potrebbe aver accelerato il riscaldamento globale e l’effetto serra. Nel corso degli ultimi 30 anni, le calotte polari si sono ridotte di ben il 40%.

Marte. Le sue calotte polari si sono praticamente sciolte in un solo anno, provocando drastici cambiamenti nelle sue caratteristiche superficiali. Dal 1997 la densità atmosferica è aumentata del 200%.

Giove. È diventato così altamente sovraeccitato che è ora circondato da una visibile ciambella d’energia luminosa e incandescente che risplende al buio. Nel 2010 Giove ha perso una striatura. Per approfondire →

Saturno. Le regioni polari di saturno sono diventate notevolmente luminescenti, mentre l’intensità del suo campo magnetico è notevolmente aumentata. Tra il 1980 e il 1996, la velocità di rotazione delle nuvole di Saturno all’equatore si è ridotta addirittura del 58,2%, provocando un inaspettato e traumatico cambiamento del suo clima.

Urano. Dal 1999 violente tempeste hanno reso l’atmosfera di Urano particolarmente turbolenta. La NASA ha anche detto che se la primavera sulla Terra fosse qualcosa di simile a quella su Urano, avremmo a che fare con imponenti ondate di tempeste, territorialmente molto estese e con temperature di 300 gradi sotto lo zero. La sonda spaziale Voyager II ha segnalato che sia Urano che Nettuno sembrano aver avuto recenti spostamenti magnetici dei poli – 60 gradi per Urano e 50 gradi per Nettuno.

Nettuno. Dal 1996 nettuno è diventato del 40% più luminoso nella gamma degli infrarossi. In alcune aree delle sua superficie (a sinistra) l’incremento è stato addirittura del 100%. Tritone, la luna di Nettuno, ha subito un incremento percentuale molto significativo della pressone atmosferica e della temperatura, quest’ultimo paragonabile ad un aumento di temperatura sulla terra di circa 12°C.

Plutone. Dal settembre 2002, Plutone ha manifestato un aumento del 300% della sua pressione atmosferica, ed è diventato anche notevolmente più scuro.

editing by Carthesio
featuring Lìndal
based on NDH web pages

Hearthaware blog
Progetto Ascensione
direct link → hearthaware | P-Ascensione | Ascensione Planetaria

« ◄ A1 »

45 commenti su “Ascensione Planetaria

  1. Pingback: Un finto black-out per instaurare il NWO | Hearthaware

  2. Pingback: Progetto Ascensione ► New Pages | Hearthaware

  3. Ho notato che le profezie “tre giorni di buio” provengono tutte da un ambito cattolico – ovvero da persone professanti la religione cattolica, non dalle istituzioni.
    Se le interpretassimo in senso simbolico potremmo dire che ci siamo già in mezzo!
    E’ invece la prima volta che sento di un portavoce delle comunità native di tradizione Maya che parla di un fenomeno simile. Le varie comunità native e i custodi delle tradizioni però si trovano in contrasto su molti aspetti delle interpretazioni delle profezie – il che secondo me è un bene, rende il tutto più creativo!
    Io sono dell’idea che non succederà niente di simile, ma se proprio dovesse accadere sono già pronta a farmi un’immensa dormita. E se poi come dice Drunvalo la geografia sarà diversa, spero di trovarmi il mare davanti casa, ci farò subito un tuffo.
    Interessantissima la parte sul sistema solare!

  4. Complimenti! Questo è uno splendido articolo dove si sintetizzano varie teorie e fatti, che sarebbe difficile reperire senza molto tempo a disposizione. Una perla per la divulgazione… Ho condiviso a più non posso!

  5. Pingback: Eruzioni solari ed Ascensione planetaria | Hearthaware

  6. Pingback: Cobra Dossier | Hearthaware

  7. Potrà aiutare sapere che il pianeta Terra attualmente allocato al 7° piano evolutivo nell’Universo che lo ospita – che è un semplice “bozzolo” gravitante nello Spazio dell’Esistenza a noi sconosciuto -, sta preparandosi a compiere un balzo direttamente al 10° (su 30), con tutto quel che ne consegue.
    Non vi sarà, né potrebbe aver luogo alcuna scissione in vecchia e nuova Terra, o dei suoi abitanti, ma un unico passaggio di grado, non più compatibile con alcuni esseri presenti, che verranno dirottati in uno spazio-tempo adatto alle loro esigenze e destini di recupero.

    Sulla Convergenza Armonica non sarei tanto prolisso: anzitutto la data di massimo allineamento è incentrata piuttosto intorno al 21, non al 16, e vede contrapposti al Sole i tre pianeti più vicini, in opposizione alla Terra: speciale, ma non per questo abbastanza straordinaria da giustificare certe affermazioni e grandi parole – un annuncio dell’incombente fine dei tempi (??) -, correlate a destini di più ampio respiro, e che andrebbero dimostrate.
    Una condizione similare con la presenza di Giove mi permise nel Maggio 2011 di dar conferma del tanto discusso terremoto a Roma (io anticipai la Spagna, 4 mesi prima), ma niente di più. Quando leggo “Molti studiosi fanno coincidere..” a proposito di certi temi che nulla hanno a che vedere l’un l’altro, confesso che mi viene la pelle d’oca.

    Anche sull’aumento del numero dei chakra avrei qualcosa da eccepire, in quanto i chakra non aumentano dall’oggi al domani (e poi senza segni tangibili) ma per farla breve, nel mio trattato sul Segreto esoterico dei 5 Riti Tibetani ho pubblicato e commentato la riproduzione di un libro nepalese del sec. XVII che già ne raffigurava 13 (tredici) per intero (e non erano certo spuntati allora).

    • Anch’io sono scettico sullo split dimensionale di cui si sta parlando in rete. Ne abbiamo parlato nell’articolo “Eruzioni solari ed Ascensione” per dovere di cronaca. A questo punto ti giro una domanda personale. Ammettendo che non accada lo split dimensionale, com’è possibile che ne parlino così tante fonti (molte profetiche, ed altre autorevoli, tipo Dolores Cannon)? Perchè (ammettendo che lo sia) questa distorsione è così diffusa? Ancora la mente dualistica all’opera? E poi ancora un’altra domanda: tu personalmente, quanti chakra SENTI di avere? (cioè solo quelli che riesci a percepire con i sensi interiori, non contano quelli che SAI di avere). Cioè se fossi uno che “sente” e non uno che “sa”, sarebbe ancora uguale la tua risposta? Il documento tibetano che mi hai linkato con i 13 chakra è molto interessante. Sembra in contraddizione con l’articolo ma non lo è: per semplificare abbiamo parlato di “estensione” del sistema dei chakra, da 7 a 12. I 12 Ovviamente esistevano già da prima ma erano collettivamente atrofici. Il crescente afflusso di energia e il risveglio di coscienza collettivo ha contribuito a riaprire i canali (già esistenti) e fare in modo di renderli nuovamente percepibili ai sensi spirituali interiori e quindi alla coscienza collettiva. Questo è il significato delle parole “siamo passati da un sistema di 7 ad un sistema di 12” chakra. Ovviamente come dici tu, non sono comparsi dal nulla. Per i tibetani (che mantengono notoriamente il loro stato di coscienza sempre elevato) questa non è stata una novità, l’hanno sempre mantenuta nella loro tradizione secolare. E allora il 13° chakra? Il 13° chakra sta ai 12 come l’8° chakra sta ai 7, sono chakra attraverso i quali si accede ad un’ottava (o dimensione) superiore di esistenza, e che riassumono in sè tutti gli altri. Un esempio musicale: sulla scala diatonica di 7 note, DO-RE-Mi-FA-SOL-LA-SI, l’8°nota DO ricomincia la serie ad un piano superiore; sulla scala cromatica di 12 note DO-DO#-RE-RE#-MI-FA-FA#-SOL-SOL#-LA-SIb-SI, la 13° nota DO ricomincia la serie su un’ottava superiore. Alla fine credo che stiamo dicendo la stessa cosa.

  8. Lo split dimensionale ci sarà, è già preventivato e fuori di dubbio. Anzi, il salto vibratorio lo renderà obbligatòrio; stiamo dicendo la stessa cosa.
    Semmai è il caso di focalizzare il concetto di split, poiché nel mio commento mi riferivo ad alcune considerazioni espresse da Alby (cfr. Cobra) con proprietà, ma con una visuale a mio avviso un tantino terrena. “Scissione” non è drastico come “split”, che tende a spaccatura e divisione, con conseguente separazione; io intendevo infatti che non potrà aver luogo una coesistenza di elementi vibratòri, ormai troppo disparati, SULLA MEDESIMA SFERA PLANETARIA, neppure scissi; parte di essi – come ho accennato – dovrà proseguire altrove il suo cammino evolutivo.

    È giusto sostenere che rimarranno luci ed ombre anche sulla “nuova Terra”, quali espressioni della configurazione individuale in continua necessità di rettifica; il nuovo stato non sarà che una tappa di un cammino ancora lungo (10/30..).
    Ciò non significa però che lo status quo “anagrafico” possa permanere nelle condizioni attuali; senonché siamo spontaneamente, magari istintivamente, portati ad inquadrare la posizione del pianeta Terra come fosse il centro “del mondo”, mentre è solo una briciola di tutto un universo in stato di ripristino verso la sua Sorgente, e nessuno ha la più pallida idea della nostra reale collocazione “geometrica” spazio-temporale.

    Io non penso mai di avere dei chakra e tantomeno quanti. Non vorrei deluderti, ma come tali, non ne sento nemmeno uno; eppure ho curato e visto guarire per anni centinaia di persone, anche a distanza (con mezzi ermetici, e non sia un vanto). Potrei dire che ritengo più importante ciò che si SA rispetto a quello che si sente; premesso il senso del termine SAPERE, che nella specie non ha a che vedere con l’intelletto o la ragione. Così non mi sono mai pre-occupato di sentirli, essendo una metodologia che non mi appartiene e che non condivido, in quanto – per come la vivo io – non aggiungerebbe niente alla mia realtà.
    Tanto per non dar adito a malintesi, ho iniziato a praticare dello yoga quando si trovava un solo libro in Italia, per poi passare ad altre vie più impegnate; ma ho mantenuto e continuato a sviluppare la tecnica di controllo del respiro, essenziale al punto da indurmi a cambiare città per vivere al mare, dove posso praticarlo NON seduto a meditare – altra pratica che evito – ma nuotando, in quel meraviglioso serbatoio di energia vivificante che è il mare. Ed oggi lo faccio respirando una volta ogni 14 bracciate ininterrottamente, anche per un Km. In altre parole ho sempre dato più importanza a ciò che si fa – esotericamente parlando – che non a ciò che si pensa o sente, poiché l’evoluzione parte da là, quella è la vera fucina. Oggi ancora in troppi pensano e sentono, ma pochi fanno. Non è semplice da esprimere, ma non vorrei dilungarmi troppo.

    Sì, nel mio libro confermavo la tua precisazione (non evidente nel post, che lascia intendere un processo diverso poiché parla di “espansione da 7 livelli a 12 livelli, con conseguente estensione in numero del sistema dei chakra”).
    Anche se rimane da dimostrare che tale risveglio sia già stato attivato e, se sì, che sia avvenuto per quel frangente e per una disposizione di forze planetarie, che peraltro non coprono la gamma completa. I pianeti correlabili ai chakra superiori secondo me vanno individuati tra quelli più lenti, che governano i piani karmici (ho sempre chiamato Urano, Nettuno e Plutone ‘maestri del karma’) e superiori al tetto dell’io cosciente e di maturazione razionale imposto da Saturno.
    Personalmente se è per quello, di chakra saprei di averne attivi ‘al piano di sopra’ fin da prima, perché qualcuno ha visto qualcosa e me lo ha detto, almeno con 12 anni di anticipo sull’allineamento citato.

    No so se le note della scala come possiamo udirla e concepirla noi, si prestino alla rappresentazione che oltrepassa il settenario; trovo il concetto un po’ troppo facile, forse abusato e nei miei scritti di Astrologia, proprio per questo non ne ho mai fatto uso. Invece ho descritto i tre lenti in modo piuttosto accurato e rispondente (AstroTime), che si spinge ben oltre alle comuni interpretazioni, del resto tutte estranee a qualunque tradizione.

    Sono lieto di aver contribuito con un documento storico e culturale che offre una testimonianza, poiché nella mia esperienza di mercante d’Arte Orientale e Primitiva, non ne ho mai veduti altri.

  9. Pingback: Ascensione Planetaria « Coscienzacosmica's Blog

  10. Pingback: Greg Giles distrutto dalla sua falsa Federazione Galattica! | Hearthaware

  11. Pingback: Greg Giles distrutto dalla sua falsa Federazione Galattica! | Segni dal Cielo - Portale web di UFO News, Cerchi nel grano, profezie maya, Convegni e seminari

  12. Salve, l’articolo è veramente interessante. Un’articolo di questo tipo lo stavo cercando da tanto tempo anche perchè dovevo avere certe conferme dell’anno 1987. Grazie veramente per l’articolo. Volevo dire le mie ricerche per quanto riguarda i Piani di Urano, Nettuno e Plutone. Effettivamente Urano è l’ottava superiore a Saturno però Saturno è e rimane il massimo Piano di questo Sistema. Per quanto riguarda invece Nettuno e Plutone le mie ricerche si basano sulla 7° Chiesa dell’Apocalisse e la Mitologia Greca. Io lo chiamo il principio del Vomito. Nella Mitologia greca Saturno vomitò i due Figli che si era mangiato prima che erano appunto Nettuno e Plutone. Anche il Tantra parla di Vomito inteso come Fonte che si trova Difronte all’osservatore e fa si che l’osservatore viene Vomitato appunto dalla Fonte e fà le Cose della Fonte e come se la Fonte le facesse Lei. (spero di essermi espresso nella maniera di essere capito). Poi il Pianeta Nettuno ogni fine di qualsiasi Ciclo anche di una giornata di 12 ore di Luce e 12 di Tenebra porta alla Fonte tutto diciamo gli Esseri inteso un insieme di semi che attira nel Tutto. Invece Plutone agisce come Seme individuale e di Memoria. Da notare anche che la differenza di rotazione intorno al Sole di Plutone e Nettuno è la rotazione di Urano pari a 84 anni. Mi fermerei qui e se qualcuno di voi sa qualcosa in merito sarei grato di apprendere altro e se sono vere queste mie ricerche. Un saluto.

  13. Pingback: La coscienza e le sue dimensioni | Hearthaware

  14. Pingback: Il processo di Ascensione | Hearthaware

  15. Pingback: Sintomi e prodromi della separazione interdimensionale | Hearthaware

  16. Pingback: Tecniche di manipolazione aliena sulla Terra | Hearthaware

  17. Chiedo scusa, ma dopo il ciclo di risveglio di 2.000 anni circa, si ritornera nel ciclo dell’oscurità degli 11.000 anni? Riscendendo cosi nei vari programmi karmici?

  18. Si, ci stavo pensando anche io, ma se è così, a che cosa sarà valsa la pena, di lottare, soffrire e morire per ottenere questo traguardo…
    Se poi dopo 2000 anni, tutto tornerà in scatafascio?
    Ma Madre Gaia, che desidera ardentemente la sua ascensione in 5D, non credete che vorrà salire in dimensioni sempre più elevate, invece che regredire di nuovo?
    A me questa cosa non quadra!

  19. Pingback: Tecniche di manipolazione aliena sulla Terra | Lorecalle

  20. Se ci fate caso nel paragrafo della cintura fotonica non si parla di dimensioni di coscienza. Ovvero non si fa l’equivalenza buio = 3D e luce = 5D. Si parla della cintura fotonica ipotizzando come la sua presenza possa spiegare il tre giorni di buio e come possa essere parte integrante del processo di Ascensione. La Cintura fotonica dà il suo contributo all’Ascensione planetaria, ma non ne è la causa. Altrimenti ci troveremmo con un’Ascensione ciclica in 5D ogni 26.000 anni, il che è assolutamente falso. Il ciclo di Luce-Oscurità della cintura fotonica si sovrappone al ciclo di evoluzione planetaria. La sua importanza notevole sta nel fatto che come tempistica, sembra che oggi l’ingresso nella cintura fotonica stia coincidendo con il salto ascensionale in 5D, aumentandone a dismisura gli effetti. Nella seconda parte dell’articolo https://hearthaware.wordpress.com/2012/11/03/sintomi-e-prodromi-della-separazione-interdimensionale/ l’autore parla chiaramente di corresponsabilità del fattore cintura fotonica e del fattore Mega-Onda Nexus 2012,

  21. Ti Ringrazio vivamente🙂
    Si la mia teoria è supergiù come hai detto tu.
    Ma anche la mia Guida me lo ha detto, supergiù in questo modo…
    Si, lo sapevo già ma ero caduta un po’ in paura… e avevo bisogno di sentire qualche altra campana.
    Grazie Ancora!

  22. Pingback: La timeline catastrofista e quella positivista a confronto | Hearthaware

  23. Pingback: La timeline catastrofista e quella positivista a confronto‏ | La Verità è la crescita !

  24. Pingback: LA VERA PROFEZIA … ENERGIA DAL COSMO CHE MUTA IL DNA | ARMANDO SPEDICATO NEWS

  25. Pingback: ENERGIA DAL COSMO CHE MUTA IL DNA.La vera profezia. | Risveglio di una Dea

  26. Pingback: La timeline catastrofica e quella positiva a confronto. « lo specchio del pensiero

  27. Pingback: Il remote viewing conferma l’arrivo della super-onda galattica | Hearthaware

  28. Pingback: 12/12/12 – Completamento della Griglia Cristallina 144 | Hearthaware

  29. Pingback: 12/12/12 – Completamento della Griglia Cristallina 144 | Risveglio di una Dea

  30. Pingback: 12/12/12 Completamento della griglia cristallina 144 « lo specchio del pensiero

  31. Pingback: Intervista a Dolores Cannon | Hearthaware

  32. Salve a tutti. Articolo stupendo e completo. Leggo da anni articoli e libri su queste tematiche; a tal proposito vorrei porre una domanda, una cosa che non mi è ancora del tutto chiara: il passaggio dimensionale si attua attraverso la morte? Dai cambiamenti fisici in atto sembrerebbe di no, se no basterebbe morire e reincarnarsi in un corpo e una dimensione diversi senza alcun cambiamento in questa realtà fisica.

  33. Pingback: La fisica dell’Ascensione | Hearthaware

  34. Condivido questa informazione perchè contribuisce a risvegliare menti e pensieri umani,assopiti fin dalla nascita e riscoprire grazie al vostro contributo quanto di verità si nasconde dietro il semplice apparire, è grande e permetterà all’essere umano comprendere con coscienza ciò che unisce materia e luce cosmica…Grazie per il vostro prezioso contributo.
    Ernesto

  35. Pingback: Il 21 dicembre secondo Cosmic Awareness | Hearthaware

  36. Domanda che spero non sia inopportuna: ma HAARP ed il suo lavoro di emissione di onde a bassa frequenza lungo la fascia di Schumann non disturberà questa fase di transizione? Ogni giorno vedo aerei che imbiancano il cielo e poi le antenne di Haarp che pettinano questo strato bianco ‘a ondine’ e la cosa mi preoccupa non poco. Grazie🙂

    • Secondo me è come Davide contro Golia. Le forze in gioco sono veramente di potenza differente. Potrebbe esserci un disturbo, ma limitato.

I commenti sono chiusi.