chicoxavier-feat

Film ► Chico Xavier


Recensione di Aleromy

Titolo Chico Xavier
Genere Drammatico, Spirituale
Regista Daniel Filho
Attori Natalia Soutto, Nelson Xavier
Anno 2010

Per molti è stato una grande personalità che ha cercato di aiutare quante più persone possibili; altri invece hanno cercato di screditarlo, ma questo grande uomo, Francisco Cândido Xavier, è stato un medium con il dono di poter parlare con le anime disincarnate.

Nato in Brasile da una povera famiglia, il film racconta la sua vita, dall’infanzia – quando tutti lo prendevano in giro per le “stregonerie” che diceva – fino all’età matura, in cui si fece conoscere (in Brasile, ma anche in altre zone del mondo) per la sua grande fama di spiritista e per il suo grande animo.

Il film narra anche un’ulteriore storia che fa da cornice alla vita di Chico: è la storia di un uomo e di una donna che hanno perso il figlio e che cercano delle risposte, l’uomo è ateo e non crede in quello che dice Xavier, ma dovrà ricredersi perché Chico consegnerà loro una lettera dettata dal figlio.

chico-xavier

Chico Xavier

Chico Xavier aiutava le persone servendosi soprattutto della preghiera e della psicografia: tramite questa pratica, Emmanuel  (la sua guida spirituale) dettava letteralmente a Chico ciò che doveva scrivere.

Nel film viene tutto magistralmente raccontato, le sue gioie ma anche i suoi momenti di crisi. Durante la sua infanzia, oltre ad aver perso la madre, soffriva del rifiuto che il padre aveva nei suoi confronti, veniva maltrattato e deriso per quello che diceva, veniva visto come portavoce del maligno poiché la Chiesa Cattolica Cristiana non ammetteva certe pratiche e chi possedeva questi doni veniva visto come un pazzo o un indemoniato. In realtà Chico Xavier aveva il potere di parlare con defunti e di donare serenità alle persone che soffrivano per queste perdite.

Crescendo Chico capì come usare questo dono e vi dedicò interamente la sua vita. La devozione con la quale quest’uomo ha affrontato il cammino della sua esistenza è stata meravigliosa; egli stesso ha detto: “Ogni briciola di pace che io porto a qualcuno, vale la pace che non ho mai avuto.”

Sotto l’influenza di Emmanuel, ha scritto più di 400 libri – tutti tradotti in diverse lingue – che hanno venduto più di 40 milioni di copie in tutto il mondo; non ha mai ammesso la paternità dei suoi scritti e tutte le entrate sono state devolute in opere di beneficenza e carità.

Uno dei suoi libri, “Nosso Lar” – adattato cinematograficamente con titolo omonimo – è stato psicografato da Xavier sotto dettatura di Emmanuel che a sua volta stava raccontando la storia del medico Andrè Luiz. In questo libro, Xavier spiega qual’è la struttura e la composizione dell’aldilà.

Emmanuel gli comunicò che sarebbe morto un giorno in cui tutti i cittadini brasiliani sarebbero stati felici: in effetti, morì all’età di 92 anni, dieci ore dopo che il Brasile vinse i mondiali di calcio nel 2002.

Siamo solo di passaggio in questo mondo e ciò che ci aspetta dopo questa vita è il vero obiettivo.

Chico Xavier

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...