Ascensione-Bibbia-feat

L’Ascensione secondo la Bibbia


L’Ascensione non è un fenomeno di sola diffusione nell’ambiente dei lightworkers, né monopolio del circolo spiritualista della new-age. Se ne trova una ricca documentazione anche nelle antiche fonti bibliche e profetiche, che non godono certo dei crismi dell’attualità. In questo articolo metteremo in evidenza i passi più significativi, convinti del fatto che molti lettori – avendo presumibilmente frequentato ambienti cattolici perlomeno durante l’infanzia – possano comprenderne lo stile mistico e il linguaggio evocativo, per poi operare un confronto comparativo e costruttivo con le fonti più recenti.

Si parla di “Rapimento” e non di “Ascensione”

Nelle Sacre Scritture, il fenomeno oggi noto come “Ascensione” è indicato con il termine differente di “Rapimento Segreto” o semplicemente “Rapimento”: questo chiarimento è d’obbligo per evitare la confusione con il dogma teologico dell’Ascensione, che invece si riferisce alla salita in cielo di Cristo prima della Pentecoste.

Pur non essendo mai citato esplicitamente nella Bibbia, il nome Rapimento è stato desunto confrontando diversi passi delle Scritture. Si tratta di una dottrina escatologica secondo cui Dio “rapirà” un gruppo specifico di cristiani dalla Terra portandoli nei Cielo, affinchè possa avere luogo il suo giudizio sugli uomini empi durante il periodo della Grande Tribolazione, segnato dalla venuta dell’Anticristo. Leggi il nostro articolo sull’Anticristo →

Due sono i principali passi biblici espliciti che hanno avviato la dottrina escatologica del Rapimento. Il primo è tratto dalla prima Lettera di San Paolo ai Tessalonicesi:

“Il Signore stesso, con un ordine, con voce d’Arcangelo e con la tromba di Dio, scenderà dal cielo, e prima risusciteranno i morti in Cristo; poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo rapiti insieme con loro, sulle nuvole, a incontrare il Signore nell’aria; e così saremo sempre con il Signore.” [1Te 4, 16-17]

Nella descrizione del Rapimento, è detto che Dio risusciterà tutti i credenti che sono morti, allontanerà dalla Terra le anime dei credenti ancora in vita meritevoli della sua compassione, e darà a tutti dei corpi glorificati.

Il secondo passo importante è tratto dalla prima Lettera di San Paolo ai Corinzi:

“Ecco, io vi dico un mistero: non tutti morremo, ma tutti saremo trasformati, in un momento, in un batter d’occhio, al suono dell’ultima tromba. Perché la tromba squillerà, e i morti risusciteranno incorruttibili, e noi saremo trasformati.” [1Co 15, 51-52]

Sono questi ovvii riferimenti al processo di mutamento del Corpo di Luce umano e alla riattivazione del DNA multidimensionale che genereranno la trasmutazione del corpo fisico nella Luce, qui reso con la parafrasi di “corpo glorificato” e con i concetti di  “trasformazione” ed “incorruttibilità”. San Paolo fa anche notare che il processo avrà una breve durata: l’elevazione si consumerà in un istante, un “batter d’occhio”.

L’evento del Rapimento è descritto come il più spettacolare e formidabile che l’uomo potrà sperimentare, a cui parteciperà una quantità enorme di persone, come mai prima nella storia dell’umanità. I morti in Cristo risusciteranno e i credenti che avranno accettato Cristo come personale salvatore nella propria vita lasceranno improvvisamente la Terra ed ogni forma di bene materiale. Essi saranno finalmente liberati dal peccato – ovvero dalla ruota vincolante delle reincarnazioni – e staranno per sempre nella presenza di Dio. Di loro resterà la testimonianza, affinchè chi rimane capisca ed invochi a sua volta la salvezza di Cristo.

Quando avverrà il Rapimento?

Bibbia2Pur non potendo essere troppo precisi per quanto riguarda una datazione specifica, dai Vangeli e dalle Epistole risultano chiari alcuni segni che precederanno il rapimento dei cristiani:

  • Molti verranno nel nome di Cristo e faranno prosperare le sette e le false dottrine;
  • Si parlerà di guerre e di rumori di guerre e insorgeranno nazioni contro nazioni, compresi scontri etnici;
  • Ci saranno carestie e terremoti in vari luoghi sulla Terra;
  • Gli uomini saranno egoisti e amanti del denaro, senza amore per il bene;
  • Apparentemente mossi da pietà, gli uomini si muoveranno a beneficio dei deboli solo per favorire il prestigio personale e i rapporti di interesse.

Il Vangelo di Matteo fa presagire che in coincidenza del rapimento potrebbero mostrarsi alcuni particolari “segni nel cielo”, cioè alcuni inusuali fenomeni astrologici:

“Subito dopo la tribolazione di quei giorni, il sole si oscurerà, la luna non darà più il suo splendore, le stelle cadranno dal cielo e le potenze dei cieli saranno scrollate. Allora apparirà nel cielo il segno del Figlio dell’uomo; e allora tutte le tribù della terra faranno cordoglio e vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nuvole del cielo con gran potenza e gloria. E manderà i suoi angeli con gran suono di tromba per riunire i suoi eletti dai quattro venti, da un capo all’altro dei cieli.” [Mt 24, 29-31]

È possibile che l’oscuramento del sole possa riferirsi al fenomeno dei tre giorni di buio, l’opacità della luna a qualche sua eclissi totale o parziale; le stelle che cadranno dal cielo sono invece facilmente identificabili come meteore.

Chi parteciperà al Rapimento?

Bibbia4Il Vangelo di Luca riprende i segni di tipo astronomico citati da Matteo e li fa uscire direttamente dalla viva voce di Gesù:

“Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla Terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno dalla paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla Terra. Quando cominceranno ad accadere queste cose, alzatevi e levate il capo, perchè la liberazione è vicina.” [Lc 21, 25-26 e 28]

Luca sembra voler fornire anche informazioni utili alla condotta morale da tenere in preparazione dell’evento, come evitare la dissolutezza, praticare il distacco e mantenere alte le vibrazioni del proprio essere:

“State bene attenti che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso improvviso. Come un laccio esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la Terra. Vegliate e pregate in ogni momento, perchè abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che deve accadere, e di comparire davanti al Figlio dell’Uomo.” [Lc 21, 34-36]

I versi seguenti tratti dal Vangelo secondo Matteo non lasciano dubbi sul fatto che il Rapimento coinvolgerà soltanto una parte dell’umanità, avverando la profezia della separazione del “grano” dalla “pula”:

“Allora due saranno nel campo; l’uno sarà preso e l’altro lasciato; due donne macineranno al mulino: una sarà presa e l’altra lasciata.” [Mt 24, 40-41]

Si suppone che anche tutti i bambini scompaiano come pure i neonati e gli stessi feti nei ventri delle madri: secondo la giustizia divina, a tutti gli innocenti sarà dato scampo dal terribile tempo di tribolazione che arriverà successivamente.

Sono molto interessanti anche le parole del profeta Daniele, tratte dall’Antico Testamento, che prevede una fase di risveglio spirituale globale a cui farà seguito una separazione fra coloro che meritano la gloria e quelli che meritano l’infamia:

“Molti di quelli che dormono nella polvere della terra si risveglieranno; gli uni per la vita eterna, gli altri per la vergogna e per una eterna infamia.” [Da 12, 2]

Fonti profetiche

Bibbia3Dopo aver citato alcuni stralci tratti direttamente dalle Scritture, esaminiamo il grado di coerenza che hanno con essi alcuni estratti offertici nell’ultimo mezzo secolo da famosi mistici e veggenti.

Dalle apparizioni mariane di Marienfried (1940 -1946) attraverso la veggente Barbara Ruess, citiamo:

“La salvezza dei fedeli sarà operata in modo straordinario. Lo spirito che tutto sostiene vi restituirà le capacità perdute con il peccato originale e potrete innalzarvi, giacchè il peso della materia sarà tolto e, negando la vostra adesione a colui che è male, vi eleverete verso l’Alto.”

Dalle apparizioni al veggente belga Andrè Pestiaux (1984 – 1985):

Saranno giorni di tenebra per molti. Sarete sollevati e rapiti in cielo, subirete la trasformazione, sarete trasportati in altro luogo. Ho preparato per voi un piano di salvezza universale: gli angeli vi porranno in salvo. (…) Siate pronti, e preparatevi alla mia venuta, che sarà possente, meravigliosa per i miei eletti. Essi verranno trasportati, in cielo, sulle nubi, dai miei angeli, e subiranno quella trasformazione gloriosa di cui vi ha parlato l’apostolo Paolo.”

Un messaggio ricevuto nel 1943 dalla grande mistica italiana Maria Valtorta:

“Il sollevamento verrà presto, quando verrà il tempo del mio regno pacifico, i buoni sulla Terra verrano tutti a me, i viventi nello spirito verrano al seguito del figlio di Dio, e comprenderanno. Siate figli della luce, brillate come gli astri, il signore scenderà e prenderà i suoi figli che troverà pronti alla sua venuta. Allora inni di gloria e di giubilo per gli eletti, per coloro che hanno ubbidito al comando del loro Dio.”

Questo messaggio è stato ricevuto dalla mistica francese Fernande Navarro: (anche nota come “J.N.S.R.”, ovvero “Je Ne Suis Rien”), ed è tratto dal libro “Testimoni della Croce” del 1995:

“Voi siete in me, voi entrerete in me quando suonerà l’ultima tromba. Il vento che vi spingerà sarà quello che ho fatto discendere sui vostri fratelli, i miei primi apostoli. Sarete rapiti dal mio soffio, sorretti dal vento dello spirito. Così voi verrete trasportati fino al mio trono, ed entrete all’interno del mio santo cuore. Mi vedrete ovunque. Vi sarà difficile scegliere il vostro posto, perchè voi pure sarete dappertutto, sempre con me, sempre in me.”

Ora segue un paio di messaggi ricevuti attraverso apparizioni a mistici italiani. Da una visione di Renato Baron (S. Martino di Schio, 1987) stralciamo il seguente passo che conferma la separazione delle genti:

“Molti saranno ritirati dal mondo prima che arrivi questo crogiuolo di sofferenze. Molti saranno scelti dal padre per restare come Martiri, in attesa della venuta di mio Figlio.”

Enzo Alocci, il veggente oggi scomparso di Porto Santo Stefano, tre decenni or sono ha diffuso invece il seguente messaggio, in cui si riferisce al luogo di destinazione del Rapimento come ad un pianeta – avallando l’ipotesi della separazione della Terra in due pianeti dimensionalmente distinti di cui abbiamo parlato in questa pagina:

“Il Signore opererà un prodigio sorprendente a favore dei buoni sollevandoli in alto e trasportandoli sul pianeta del rapimento, dove saranno trasformati e trasfigurati per opera dello Spirito Santo, per poi ridiscendere sulla Terra preparati per un’efficientissima opera di evangelizzazione.”

Veronica Lueken, la veggente di Bayside (NY) ha ricevuto il seguente messaggio mariano nel 1976:

“In quei giorni molti scompariranno dalla Terra, sarà grande il mistero per gli uomini rapiti per attendere la venuta di mio figlio. Sarà grande la gioia di questi privilegiati andargli incontro quando egli ritornerà. Molti saranno sollevati prima del grande castigo. Vi saranno costernazione ed opinioni contrastanti quando questi figli prediletti scompariranno dalla terra. I vostri mezzi di informazione informeranno che essi sono stati rapiti dai dischi volanti. No, figli miei, essi saranno stati trasportati in un regno soprannaturale dall’eterno padre, per attendere il ritorno di mio figlio sulla terra. Si vedranno molti prodigi sulla Terra e nell’atmosfera, guardatevi dai falsi miracoli.

Concludiamo questa pagina riportando un toccante messaggio sui tre giorni di buio ricevuto il 5 dicembre 2009 da J.N.S.R. Fernande Navarro, e pubblicato nel suo libro “Il Vangelo di Maria“, a cui fa seguito un bel video che vi racomandiamo di guardare poichè strettamente attinente a quanto qui trattato.

A voi tutti va il nostro augurio che possiate rimanere per sempre nell’Amore e nella Luce di Dio.

“Si ritrovarono in un luogo sconosciuto, dove c’erano già molte persone. Non si potevano vedere tra loro, ma si sentivano tutti vicini gli uni agli altri. Quante ore rimasero in quella oscurità? Lo seppero molto tempo dopo; ma là, in quella oscurità, era accaduto qualcosa.
Quando tornarono a vedere la luce, non capirono che cosa fosse successo, ma erano tutti cambiati, tutti come nuovi; e le loro luci si erano tutte riunite in una sola. Non se ne resero conto, tanto essi brillavano insieme, formando un’unica luce. Dopo si ricordarono, all’improvviso, che avevano vissuto un sogno troppo breve, mentre per gli altri era stato come un incubo interminabile. Era stato diverso da uno all’altro, ma tutto era durato 3 lunghi giorni (i tre giorni di buio per quelli che sono sulla terra). Ognuno aveva, dunque, la sua verità che aveva vissuto in quella oscurità. E ognuno diceva di non ricordarsene.
In seguito, quando la Luce del Giorno apparve loro, essa divenne sempre più luminosa e pura. Sì, pura come quel Giorno Nuovo che appariva, e come loro stessi erano diventati: puri grazie a quella Luce di Dio che era in loro e che li invadeva fino a staccarsi dai loro corpi di carne per divenire ‘figli di Luce’.
Incredibilmente, erano fatti nuovi, e si sentivano sulla via della vera vita. Non avevano più né la stessa identità, né lo stesso modo di pensare. Dove si trovavano così, tutti insieme? Senza troppo interrogarsi, continuavano a camminare, quando ad un tratto si resero conto di essere arrivati ognuno alla “propria Dimora”. Non era quella la dimora che avevano lasciato, quella che avevano conosciuto – dissero loro gli Angeli – ma quella che avrebbe dovuto essere da sempre la loro vera dimora.
Prima ancora di entrarvi, come quando ci si scalza davanti a un Luogo Santo, essi lasciarono fuori il loro doppio (il loro corpo di carne), che avrebbero dovuto riprendere poi, uscendo da quella Santa Dimora.
Essi entrarono tutti, uno di seguito all’altro. Tutto era perfetto, tutto era come quando avevano lasciato quel Luogo Santo, prima di andare sulla Terra, dove dovevano prendere corpo. (Era il momento della loro nascita sulla Terra). (…)
Uscendo, voi ritroverete il vostro corpo, ma glorioso, come avvenne a Gesù al momento della Sua Santa Resurrezione. Dopo aver visto il Padre della Gloria Eterna, Egli ha ritrovato il Suo Corpo di carne “glorioso” della gloria del Padre Suo e Nostro Padre. Fu in quel momento che le anime del Limbo, anime degli Antenati, raggiunsero, con Gesù Cristo, il Padre Benedetto dei Viventi della Terra, e dei Viventi del Cielo.
Quei giorni di oscurità (i tre giorni di buio), sono esattamente i giorni della tomba. Anziché spaventarvi, sappiate che quei giorni, tre in totale, passati nell’intimità profonda della vostra anima con Dio, sostituiranno la vostra morte, e voi non passerete più attraverso la spregevole morte, intronizzata da Satana. Perché al vostro risveglio, voi non vedrete che quel Giorno Nuovo, eterno, nella Sua Divina Luce. E non ci sarà più la morte. (…)
Ritornare a Dio è l’unica e sola via: l’Uomo appartiene a Dio, Suo unico rifugio nella tempesta che si prepara presto. Sì, tutto scomparirà prima di rinascere in un Mondo Nuovo, dove Dio sarà riconosciuto come Colui che è il Padrone, il Padre e il Figlio Diletto che si confonde in voi tutti.”

Il Rapimento – L’Ascensione

Hearthaware blog

Progetto Ascensione
Direct link → Hearthaware | P-Ascensione | L’Ascensione secondo la Bibbia
crediti: evoluzione-planetaria.blogspot.itwww.gesularisposta.itwww.potenzadellacroce.net

« ◄ D1 »

L'Ascensione secondo Stankov

L’Ascensione secondo Stankov

 

8 commenti su “L’Ascensione secondo la Bibbia

  1. Pingback: Due modelli ascensionali a confronto | Hearthaware

  2. Grazie, bellissimo… per cortesia potreste indicarmi il titolo del film che è stato messo nel video alla fine di questo articolo? Di nuovo grazie…

  3. Pingback: Il 21 dicembre secondo Cosmic Awareness | Hearthaware

  4. Grazie di cuore per l’aiuto che mi state dando in questo periodo così delicato. Vi leggo da alcuni giorni e trovo tutti i vostri articoli e video assolutamente fantastici, una carezza per la mia anima, una vera illuminazione. Sento di aver iniziato il mio percorso spirituale da diversi anni ma solo qui ho trovato opinioni e testimonianze simili alle mie mentre vedo che quasi tutte le persone a me vicine non accettano questi discorsi. Grazie ancora con tutto il cuore e buon viaggio a tutti noi. Un abbraccio.

  5. Pingback: Il prossimo ciclo a portata di mano | Hearthaware

I commenti sono chiusi.